NEWS

FUGA DEI PENSIONATI ALL’ESTERO   di Luigi Rezzuti   Il numero dei pensionati che si trasferiscono all’estero è in costante aumento. Tra le ragioni...
continua...
Un libro a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Sabato, 5 marzo, alle ore 11.30, nella sala del Teatro Diana, nell’ambito della rassegna...
continua...
 Su e giù con la morte   Sabato 9 aprile ore 18, presentazione del nuovo romanzo di Luciano Scateni - libreria “Io ci sto”, piazza Fuga (accanto...
continua...
BABBO NATALE   di Luigi Rezzuti   Era una notte fredda, una notte fredda e buia. Gigetto era accoccolato sul davanzale della finestra ad osservare...
continua...
TEATRO BOLIVAR - stagione 2016/2017 direzione artistica David Jentgens ed Ettore Nigro   TERRAMIA | musica e teatro di tradizione NUOVEVELE | teatro...
continua...
XXI edizione del Premio Montale Fuori di Casa  Il riconoscimento a Massimo Gramellini     Queste le motivazioni con cui è stato assegnato il XXI...
continua...
Le lettere di Sua Maestà   di Antonio La Gala   La corrispondenza che Ferdinando I Borbone  indirizzava alla seconda moglie, Lucia Migliaccio,...
continua...
PER TOTO'     (Maggio 2017)
continua...
L’INGIUSTIZIA ITALIANA UN PERMESSO VERGOGNOSO   di Luigi Rezzuti   Il 13 marzo del 2018 un branco di ragazzini uccisero la guardia giurata Francesco...
continua...
Nascita della stazione di Napoli Centrale   di Antonio La Gala   Tutti i napoletani, quelli meno giovani, per esperienza diretta, gli altri,...
continua...

CALCIO MERCATO ESTIVO

          

di Luigi Rezzuti

 

Basta guardare la classifica finale della Serie A per capire come il campionato di calcio, ritenuto il più bello del mondo, sia caduto nell’indifferenza generale dei tifosi.

C’è stata troppa differenza di punti a far perdere l’entusiasmo, dalla prima alla seconda e cosi via: Juve 90 – Napoli 79 – Atlanta 69 – Inter 69 – Milan 68 – Roma 66.

Una volta giù il sipario sul campionato, ora si progetta il futuro.

Il mercato calcistico è sempre più vicino e gli  occhi delle  big di serie A puntano ai grandi campioni perché quest’anno ci saranno tanti nomi altisonanti che possono animare il mercato.

Speriamo che, nella prossima stagione, non sia la solita Juve a distruggere gli entusiasmi.

Per quanto riguarda il Calcio Napoli ci auguriamo che possa raggiungere la tanto agognata meta finale: lo scudetto, anche se De Laurentiis non potrà acquistare giocatori come Ronaldo, Cancelo o Emre Can.

Anche l’allenatore Carlo Ancelotti è stato molto chiaro dichiarando: “I giocatori “top”, il Napoli non li può acquistare, dobbiamo mettercelo in testa una volta per tutte. Si potrà fare qualche passetto avanti, non ci sono acquisti che ci porteranno a 100 punti, non succederà. Io mi auguro che il Napoli trovi i nuovi Koulibalì, Mertens, Allan e la risposta arriverà sul campo, ma il mercato sarà sempre con i tifosi insoddisfatti. È la solita musica e spero abbiano di nuovo torto. L’obiettivo è finire il prossimo campionato al meglio, fare più punti, fare buone prestazioni. Abbiamo segnata la strada per il futuro, sono ottimista, la squadra deve migliorare e il miglioramento può passare attraverso qualche aggiustamento con acquisti mirati in quelle zone del campo in cui, nella passata stagione, abbiamo avuto qualche difficoltà, ma siamo soddisfatti della rosa”.

La strategia del Calcio Napoli dovrebbe prevedere l’arrivo di due esterni difensivi, un centrocampista centrale e una punta da affiancare a Milik. Per il momento il primo acquisto del calcio Napoli è Di Lorenzo, terzino dell’Empoli al costo di 8 milioni di euro. A seguire, le trattative per Ilicic, Tripper e James Rodriguez del Real Madrid, ma esse si presentano difficili per l’alto costo di 40 milioni di euro e così anche quelle per Lazzari della Spal, infine, dulcis in fundo, la ciliegina sulla torta, si parla del ritorno di Fabio Quagliarella.

Sarebbe bello rivedere questo signor giocatore chiudere la sua carriera a Napoli.

Il contratto dell’attaccante scadrà nel 2020, ma bisognerebbe capire il presidente della Sampdoria quanto valuterà Quagliarella, anche se, al momento, non è stata aperta nessuna trattativa.

Per Giuntoli, direttore sportivo, sarà un mercato molto difficile e impegnativo perché, oltre alle eventuali cessioni: Chiriches, Diawara, Mario Rui e Verdi, ci saranno anche da sistemare i tanti ritorni di calciatori, che nelle precedenti stagioni, sono stati ceduti in prestito come: Roberto Insigne, Inglese, Rog, Tonelli, Grassi, Tutino, Ciciretti, solo per citare i più noti.

Ma non solo il mercato calcistico è in fibrillazione, si prevede anche una rivoluzione sulle maggiori panchine della serie A.

Il valzer delle panchine, per la stagione 2019- 2020, ha visto protagoniste:  Inter, Roma, Milan, Juve e, di riflesso, anche la Lazio.

INTER - L’ad dell’area sportiva dell’Inter, Beppe Marotta, ha già scelto Antonio Conte come prossimo allenatore al posto di Luciano Spalletti.

Secondo varie indiscrezioni Conte percepirebbe la cifra di 10 milioni di euro l’anno per  quattro anni.

ROMA – dopo aver detto addio al capitano Daniele De Rossi, la  Roma si prepara all’ennesimo cambio tecnico.

Una volta esonerato Eusebio Di Francesco e ingaggiato per tre mesi Claudio Ranieri, la società giallorossa è in cerca del nuovo allenatore.

Il nome in lizza è quello di Roberto De Zerbi, allenatore del Sassuolo.

MILAN – la società non riesce a dimenticare la famiglia Inzaghi e, dopo Pippo, si appresta ad accogliere Simone.

Secondo indiscrezioni, l’attuale allenatore della Lazio sarebbe pronto a sostituire Gennaro Gattuso, che non è riuscito a riportare il Milan in Champions League.

JUVENTUS – dopo aver esonerato Allegri, la Juve pensa a Sarri che, a sua volta, aspetta che l’agente Ramadani trovi l’accordo col Chelsea per liberarsi e approdare così alla Juve.

Il tecnico ha già l’intesa per un triennale da 7 milioni di euro con ulteriori bonus Champions e Scudetto, ma l’accordo diventerà ufficiale dopo la rescissione col Chelsea.

Intanto circolano le voci: Sarri alla Juve, Sarri via dalla Juve. È pazzesco che si chieda l’allontanamento di un allenatore, che non ha ancora firmato.

Comunque si prevede una vita difficile per Sarri alla Juve. I tifosi iuventini non hanno mai digerito l’allenatore Sarri ex Napoli.

(Giugno 2019)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen