NEWS

Discutibili sentenze arbitrali   di Luigi Rezzuti   Ad appena otto giorni dal termine del campionato, il Napoli subisce una sonora sconfitta da...
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   “Two”, una coppia alle prese con dinamiche da bar Alla Sala Pasolini di Salerno nell’ambito della...
continua...
Andiamo a teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   Al Teatro Trianon Viviani di Napoli Zappatore Tiziana De Giacomo in scena con Francesco Merola - Regia...
continua...
CHAMPIONS LEAGUE 2018 - 2019   di Luigi Rezzuti   Poteva mai capitare,, una volta tanto, un girone meno impegnativo per la squadra del Napoli di...
continua...
GLI ESAMI DI MATURITA’*   di Luigi Rezzuti   Ormai siamo prossimi agli esami di maturità che inizieranno, con la prima prova, il 22 giugno e...
continua...
La Vesuviana di Domenico Rea   di Antonio La Gala   Domenico Rea era un frequentatore della Circumvesuviana e nelle sue opere ci ha lasciato alcune...
continua...
BARCHE E ARTE   di Sergio Zazzera   Una premessa, un tantino articolata, ritengo necessaria: non sono un “tifoso” della Lega e non sono neppure un...
continua...
Vincenzo Irolli: arte o commercio?    di Antonio La Gala   Vincenzo Irolli (Napoli, 1860 - 1949) scoprì la sua passione per l'arte a diciassette...
continua...
Maria Cristina Russo, Ortensia e altri fiori, Albatros Editore   di Luciana Alboreto   Ortensia regna, sovrana, nel suo giardino incantato da...
continua...
FIORI DEL MIO CAMPO  
continua...

Miti napoletani di oggi.75

IL PRESEPE

 

di Sergio Zazzera

 


Se torno, ancora una volta, sul tema del Presepe, ciò è dovuto, essenzialmente, alla pubblicazione della Lettera apostolica Admirabile signum, di Papa Francesco, avvenuta il 1° dicembre scorso a Greccio.

Non è mai superfluo ricordare, in premessa, che il Presepe napoletano traspone in un ambiente partenopeo la scena della Natività, quasi che l’evento si fosse verificato in uno dei quartieri popolari della città. In proposito, il Pontefice scrive: «Spesso i bambini – ma anche gli adulti! – amano aggiungere al presepe altre statuine che sembrano non avere alcuna relazione con i racconti evangelici», ma la sua mente corre al pastore, al fabbro, al fornaio, ai musicisti, alle donne che portano le brocche d’acqua, ai bambini che giocano, che rappresentano, tutti, «la santità quotidiana, la gioia di fare in modo straordinario le cose di tutti i giorni, quando Gesù condivide con noi la sua vita divina».

Viceversa, il fenomeno “mitico”, che da diversi anni, ormai, si è radicato a Napoli è quello di collocare sulla scenografia presepiale, fra le altre, le statuine di personaggi del mondo dello spettacolo, dello sport e della politica, forgiate dagli artigiani (o artisti?) di San Gregorio Armeno.

Ebbene, Tommasino Cupiello – il Nennillo eduardiano – criticava aspramente il fatto che il padre avesse realizzato la cascata del Presepe di casa – che è «una cosa religiosa» – con l’impiego dell’«interoclìsemo» – vale a dire, il clistere. Ma, diciamocelo pure: quanto dissacrante può essere ritenuta la soluzione escogitata da Luca Cupiello, a fronte della presenza della statuina dell’onorevole X o dell’attrice Y sul Presepe di famiglia?

(Dicembre 2019)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen