NEWS

LA CITTA’ DI TRANI   di Luigi Rezzuti   L’Italia non finisce mai di stupirci. Durante l’estate eravamo in Puglia e abbiamo deciso di andare a...
continua...
LA COLLINA DEL VOMERO   di Luigi Rezzuti   La magia del panorama, le grandi ville, le variopinte palazzine residenziali nell’elegante stile tardo...
continua...
Guglielmo Chianese, in arte Sergio Bruni   di Luigi Rezzuti   Sergio Bruni nasce a Villaricca il 15 settembre del 1921 e muore il 22 giugno del 2003,...
continua...
IL FESTIVAL DI SANREMO                                                                                di Mariacarla Rubinacci   Ne parlano tutti, in...
continua...
Chiesa della Madonna Assunta in via San Giacomo dei Capri    di Antonio La Gala   Nel 1962 le suore Passioniste che erano allocate nelle stanzette...
continua...
Pensieri ad alta voce   di Marisa Pumpo Pica   Addio al mio Maestro, Aldo Masullo Si è spenta una voce critica nella nostra città     Chi mi...
continua...
CONVEGNO A CASTELCAPUANO (Aprile 2024)
continua...
Ti tendo una mano   di Mariacarla Rubinacci   In piedi guardi. Sull’orlo della fossa i sacchi neri nascondono l’orrore, una scarpa è attorcigliata...
continua...
Sul Covid 19 - Una brutta storia - L’attacco a Paolo Ascierto   di Marisa Pumpo Pica   Avevamo deciso di non parlare del Covid 19 su questa pagina...
continua...
MERCATINI DI NATALE   di Luigi Rezzuti   Natale è ormai alle porte, è ora di lanciarci alla scoperta dei mercatini natalizi più belli e pittoreschi...
continua...

Parlanno ’e poesia

 

di Romano Rizzo

 

Nando Clemente

 Nando Clemente, degno continuatore della poesia classica napoletana, è stato un uomo dotato di una raffinatissima sensibilità, che ha saputo infondere in tutte le sue liriche, sempre ispirate a valori eterni di cui fu valido custode.

Nacque a Napoli il 10 settembre del 1921 e si dedicò con grande passione all’attività di decoratore che, forse, già gli consentiva di coltivare ed esprimere il suo amore per la bellezza e la sua continua ricerca della perfezione. Come è accaduto a molti, pur essendo attratto dalla grande Poesia, iniziò a mettere su carta quello che il cuore gli dettava, solo in tarda età, e conservò, per lungo tempo, gelosamente, i suoi scritti. L’occasione di declamarli la ebbe quando decise di presentarsi ad una delle puntate de La Tavola rotonda dei poeti di ieri, di oggi e di domani, trasmissione che si proponeva anche di portare alla ribalta nuovi talenti ed era curata, su Radio Antenna Capri, da Lello Lupoli.

La sua esibizione ebbe un grande successo e gli fece comprendere che era giusto continuare per questa via. Cominciò a frequentare diversi salotti e, in seguito, divenne conduttore egli stesso di un programma di poesia molto seguito su un’altra emittente, da solo o in compagnia di Gennaro Autoriello. La sua grande amabilità e la  semplicità furono le chiavi che ne consacrarono il successo e che salutarono il suo meritato ingresso nella èlite dei poeti di Napoli. Nel novembre del 1981 le edizioni 2000 di Napoli pubblicarono un volume delle sue poesie dal titolo “ ’E ppazzielle” con la dotta prefazione di Ottavio Nicolardi, che pose nel giusto risalto la peculiarità della poetica di Clemente, che riesce ad innestare, con grande naturalezza, nel genere classico le inconfondibili caratteristiche dei nostri tempi. Nicolardi aggiunse ancora che Nando Clemente ci regala sempre poesie pervase da una nuova forma di rassegnata tristezza, derivante dall’invecchiamento e dal conseguente isolamento. “ Ecco il marchio, il sigillo che Nando Clemente appone alle sue opere ed essendo, tale sigillo, personale e inconfondibile, diventa assai facile riconoscerne l’autore”.

Vincenzo Fasciglione mette in risalto la grande e non comune sensibilità del poeta, testimoniata anche dal fatto che, pur non avendo avuto figli, ne parla con toccanti accenti di commozione perché, come tutti i veri poeti, si immedesima negli altri e fa propri i loro sentimenti e le loro emozioni. Ne ricorda ancora la infinita bontà ed il grande senso dell’amicizia, qualità che lo fecero da tutti ritenere, oltre che un bravo poeta, una perla d’uomo.

Molto delicate, e spesso commoventi, sono anche le poesie che seguono e che spero riescano a dare l’idea della sua grandezza.

 

 

Cammenanno

di Nando Clemente

**

Nun te mmalincunì si ’e ffronne cadeno,

ncopp’a sta via sulagna e damm’’a mano

cammina a mme, quanto cchiù può vicino.

Fa cunto ca tenessemo vint’anne :

nun ridere, nun me sciupà stu suonno..

‘a povera ca ‘o viento ce ha menato :

pure accussì, si’ bella, pe st’uocchie mieje

tu si’ sempe chella d’’a primma vota

**

E si s’è fatta cchiù pesante

‘a via, fermammece nu poco,

cumpagna stanca mia

e fatte tenè mente :

tiene int’all’uocchie

‘a luce ‘e nu tramonto,

comme s’è fatto tarde

 dint’a niente!

**

Ma nun ce sta tramonto

 pe sti core,

che quanno ammore

 è ammore..

nun scura notte cchiù

 

 

’E ppazzielle

di Nando Clemente

 

Ogge, mettenno a pposto ‘o mezzanino,

pe mmiez’’e ccose vecchie e ffore mana,

chelle ca nuje chiammammo scartapelle..

aggio truvato tre o quatto ppazzielle

‘e quanno’e figlie mieje, criaturelle,

steveno tutte quanto attuorno a mme…

 

Chesto penzavo, ‘ncopp’ô mezzanino,

cu sti ppazzielle ca tenevo ‘mmano,

mentre tenevo ‘o triemmolo ‘int’’e ggamme

e ‘o ppoco ‘affanno..E che vuò ffà ? È ll’età..

Me ne so’ sciso che astrignevo ‘mmano

nu treno piccerillo piccerillo…

tutto ammaccato. Cu ‘a pacienza mia,

cu ‘o martelluccio ll’aggio adderezzato.

 

Pe ‘ncopp’’o giravite, ‘a goccia d’uoglio

è ghiuta dint’’a molla.. E, mme credite ?

doppo trent’anne e cchiù chesta pazziella

s’è mmisa n’ata vota a ffunziunà…

E ccammenava..e stu remmore ‘e corda

scetava ‘ncapa a mme cchiù ‘e nu ricordo..

penzavo quann’’a sera, tutt’’e ssere,

lietto pe llietto ‘e ghievo a ccummiglià ;

nu vaso, ‘o segno ‘e croce, na preghiera :

mo penzate a ddurmì, bell’’e papà…

 

Se ne so’ ghiute, nun ‘e vveco maje.

Mo vanno ‘e pressa, teneno che ffà :

nun trovano nemmanco nu minuto,

..nu minuto..pe mme venì a truvà !

E cche vuò ffà ? mm’’a piglio a nomme ‘e Dio.

Chillo ca s’è ffermato mo..songh’io..

songh’io ca mo nun tengo niente ‘a ffà.

E cchest’è ‘a vita ! E, cu ‘e ppazzielle lloro,

cu sti ppazzielle, mo..pazzèa..papà !!!

 

 

Tramonto

 di Nando Clemente

**

Te scri.vo e faccio ‘e te mille penziere:

                                              è tantu tiempo ca...nun me rispunne..

I’ te vurrìa scurdà, ‘nce aggio pruvato..

ma tengo sulo a te ‘ncopp’a stu munno..

**

Ê vvote chiagno. E nun me metto scuorno

‘e te dì chesti ccose, anema mia;

ma tu, ca nun me scrive e ca nun tuorne,

tu ll’hê ‘a sapè ca moro ‘e pucundria !

**

Forse è fernuto ‘o tiempo ‘e chist’ammore:

« Tutto se scorda » dice na canzona,

ma tu vallo a cunvincere stu core…

trovala tu, si può, na scusa bbona !

**

Dille ca ‘o suonno bello dura poco

e ca te sì scetata primm’e mme…

Dille ca tutto tene nu tramonto

comm’a chest’ora, mentre scrivo a te..

**

Ma, poco fa, ll’urdemo raggio ‘e sole

‘ncopp’a sta scrivania s’è ‘ntrartenuto,

ha pazzìato cu ‘o ritratto tujo…,

è addeventato d’oro e se n’è ghiuto.

**

Stammo a Settembre, s’è accurciat’’o juorno..

Settembre…i’ dico e quanno vuò turnà?

I’ spero ancora, ma, si guardo attuorno,

cadeno ‘e ffronne, stanche ‘e t’aspettà..

**

Ah, si stasera ‘o viento me purtasse,

comm’a na fronna morta, ‘mbraccio a tte

e tu pe sempe st’uocchie me ‘nzerrasse

e po cercasse pace a Ddio pe mme !

………………………………………………

Scusa ‘a scrittura, ca me tremma ‘a mana;

‘ncopp’a sta scrivania ‘nce veco a stiente..

Me so’ scurdato pure ‘e appiccià ‘o llume..

Comm’è scurata notte… dint’a niente !!

(Febbraio 2020)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen