NEWS

 LA NAVE CHE AFFONDO’ IN UN MARE DI STRACCI   di Luigi Rezzuti   Quella lettera sembrava le bruciasse le dita. Assuntina, una popolana napoletana...
continua...
A Napoli nasce Foolers Village, il polo dell’innovazione per le nuove startup. Il progetto è firmato Università degli Studi di Napoli Federico II e...
continua...
La vendetta   di Alfredo Imperatore   Il marchese Antonio De Franciscis aveva un grande negozio per la rivendita di tappeti, a Palermo. e un...
continua...
SPOSI ZAZZERA-TOZZI   Il Vomerese formula cordiali auguri agli sposi Carlo Zazzera – figlio del nostro capo servizio Sergio – e Luciana Tozzi, il cui...
continua...
Le antiche denominazioni delle strade napoletane   di Antonio La Gala   La toponomastica napoletana nasce formalmente alla fine del Settecento, ma...
continua...
Parlanno ’e nu poeta - Alfredo Granata   di Romano Rizzo   A voi che amate la Poesia, quella che sa toccare le corde del cuore, voglio raccontare la...
continua...
L’ARTE DI LEGARE LE PERSONE, di Paolo Milone   di Luigi Alviggi   Si riesce a lavorare in Psichiatria solo se ci si diverte. Io mi sono divertito...
continua...
MI SENTO OSSERVATO   di Luigi Rezzuti   E’ sabato pomeriggio, la prossima settimana è l’Epifania, devo comprare ancora tanti regali: per mia moglie, i...
continua...
Miti napoletani di oggi.90 IL “RAGU’”   di Sergio Zazzera   Quello che piaceva a Eduardo «’o ffaceva sulo mammà»; a casa mia, una vecchia zia di...
continua...
I giorni di Jacques, di Curzia Ferrari   di Luigi Alviggi     Nel 1987 l’arcivescovo di Parigi, cardinale Lustiger, postula, con i frati salesiani,...
continua...

ANTONIO JULIANO SI E’ SPENTO ALL’ETA’ DI 80 ANNI

 

di Luigi Rezzuti

 


E’ scomparso dopo una lunga malattia, Antonio Juliano, una bandiera del calcio azzurro, un mito come giocatore ma anche come dirigente. Era malato da tempo ma negli ultimi tempi le sue condizioni erano peggiorate. Ricoverato in ospedale, non ce l’ha fatta e lascia un vuoto enorme non solo a Napoli. Juliano già da bambino era un predestinato, i primi calci per strada. Nato a Napoli il 26 dicembre 1942, in tempo di guerra, viene registrato dai genitori all’anagrafe il 1° gennaio del 1943 e presto conosce il suo giocattolo preferito. Quel pallone che gli faceva compagnia a San Giovanni a Teduccio dove si era trasferita la famiglia, di origini Irpine. Da San Giovanni a Teduccio Juliano approda alla Fiamma Sangiovannese e quindi nel vivaio del Napoli, con cui esordisce in Serie A nel 1963 col numero 8 sulle spalle, regista vecchia maniera, lancio lungo calibrato, destro al fulmicotone anche se di gol ne fa pochi, fascia di capitano. Da calciatore disputa 394 partite di campionato segnando 26 gol nel Napoli. Oltre 500 le presenze totali in tutte le competizioni in azzurro, conquista la Coppa Italia, e nel 1976, oltre alla Coppa delle Alpi, conquista la Coppa di Lega Italo-Inglese. Chiude l’attività agonistica con una stagione nel Bologna e nel 1978-79, a 36 anni. L’unico rimpianto per Juliano è la Nazionale, solo 18 le partite tra il 1966 e il 1974, vinse il titolo europeo nel 1968, pur senza disputare la finale contro la Jugoslavia. Viene convocato per i Mondiali del 1966, del 1970 e del 1974, vedendo il campo soltanto per poco più di un quarto d’ora, nella finale persa contro il Brasile a Città del Messico. Nel ’70. Ferlaino lo richiama nel 1979 come dirigente, Juliano vuole puntare sui giovani del vivaio ma piazza subito un colpo da 90, convincendo nell’80 Rudy Krol, che giocava in Canada, a vestire l’azzurro. Ma il capolavoro si chiama Diego Armando Maradona. In verità per portare Maradona a Napoli spingeva solo lui, in società dicevano che aveva una caviglia rotta e che costava troppo, ma Juliano fa di testa sua, prende un volo per la Spagna e porta il Pibe de Oro per far vivere Napoli e i napoletani l’era più bella e vincente della storia. “Un hombre vertical”, così Diego Armando Maradona chiamava Antonio Juliano.

(Dicembre 2023)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen