NEWS

Discutibili sentenze arbitrali   di Luigi Rezzuti   Ad appena otto giorni dal termine del campionato, il Napoli subisce una sonora sconfitta da...
continua...
UN’ESCURSIONE SUL VESUVIO   di Luigi Rezzuti   Fin da bambino mi ha intrigato questa montagna che fa da sfondo al golfo di Napoli. Ricordo che, da...
continua...
“Quello che vedo”, la webserie sull’autismo di Maurizio Casagrande, in giro per le scuole   di Marisa Pumpo Pica   La webserie “Quello che vedo”,...
continua...
Inquinamento marino   di Luigi Rezzuti   Con l’avvicinarsi dell’estate si ripresenta il problema dell’inquinamento marino. Il mar Mediterraneo...
continua...
AUSTERITA’   di Luigi Rezzuti   Non ho vergogna ad ammettere che di politica non capisco niente e di conseguenza non sono simpatizzante di nessuna...
continua...
IO, ROBINSON CRUSOE’   di Luigi Rezzuti   Il naufrago più famoso di tutti i tempi è senza dubbio Robinson Crusoè, che fece naufragio con una nave...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Succede che razzoli male chi predica bene Ma da che dissacrante pulpito il re Mida dei comici arringa il popolo...
continua...
CAMPIONATO DI CALCIO DI SERIE A   di Luigi Rezzuti   Ormai siamo all’ultimo giro di boa del campionato di calcio di serie A. La Juventus ha già vinto...
continua...
UN VIAGGIO DI ALTRI TEMPI   di Luigi Rezzuti   Un mendicante, tutte le sere se ne andava a dormire nella stazione centrale di piazza Garibaldi a...
continua...
FUGA DEI PENSIONATI ALL’ESTERO   di Luigi Rezzuti   Il numero dei pensionati che si trasferiscono all’estero è in costante aumento. Tra le ragioni...
continua...

Quattro Giornate di Napoli

70° ANNIVERSARIO DELLE QUATTRO GIORNATE DI

NAPOLI

 

di Luigi Rezzuti

 

Il popolo napoletano ormai allo stremo per i lunghi anni di guerra, dell’occupazione e dei soprusi dell’esercito germanico insorse in una cruenta battaglia, breve ma estremamente intensa dal 27 al 30 settembre 1943.

Fu un evento storico l’insurrezione popolare napoletana, dove combatterono contro l’occupazione nazista studenti, intellettuali, operai, donne, ragazzini ed ex militari che con scarsissimi mezzi sulle barricate, dalle case, sulle strade ottennero la vittoria che costò 150 morti e centinaia di feriti.

L’evento valse per la  ritirata dei soldati tedeschi e far trovare alle forze armate alleate, al loro arrivo, il 1° ottobre 1943, una città libera.

La città di Napoli fu la prima tra le città europee ad insorgere con successo all’occupazione nazista  e, per lo storico evento, gli venne assegnato il conferimento della Medaglia D’oro al valor militare con la motivazione: “Con un superbo slancio patriottico sapeva ritrovare, in mezzo al lutto e alle rovine, la forza di cacciare dal suolo partenopeo le soldatesche germaniche sfidandone la ferocia disumana rappresaglia. Impegnata un’impari lotta col secolare nemico offriva alla Patria nelle Quattro giornate di fine settembre 1943 numerosi eletti figli. Col suo glorioso esempio additava a tutti gli italiani la via verso la libertà, la giustizia, la salvezza della Patria”.

Napoli 27-30 settembre 1943

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen