NEWS

LA COMUNITA’ EBRAICA DI NAPOLI E IL PREGIUDIZIO ANTISIONISTA   Riceviamo e pubblichiamo La Comunità ebraica di Napoli esprime la propria indignazione...
continua...
AL MUSEO DUCA DI MARTINA   (Febbraio 2017)
continua...
SPIGOLATURE   di Luciano Scateni   Effetto infestante dei migranti Ecco l’incipit di questa nota: la gramigna, la parietaria, i trifogli, invadono i...
continua...
LA TOMBA PROFANATA  
continua...
Luca Postiglione. La vita come un sogno dorato   di Antonio La Gala   Luca Postiglione (1876-1936) fu un artista - pittore e poeta - attivo nei...
continua...
RITIRO DEL NAPOLI A DIMARO FOLGARIDE   di Luigi Rezzuti   Si avvicina il precampionato del Napoli, che, dopo una stagione non entusiasmante, ma...
continua...
Miti napoletani di oggi.61 IL "DIVARIO TRA LE CLASSI SOCIALI"   di Sergio Zazzera     Mai come a Napoli si è fatto registrare in maniera tanto...
continua...
Gianfranco PECCHINENDA, Come se niente fosse   di Luigi Alviggi   Undici racconti aprono lo sguardo su una serie di scenari ove le differenze tra...
continua...
 YOU NO SPEAK AMERICANO ORIGINAL   ARMY CALL TO ARTISTS. ALL ARTISTS ARE INVITED.  CHIAMATA ALLE ARMI PER GLI ARTISTI. TUTTI GLI ARTISTI SONO...
continua...
Parlanno ‘e poesia 10   di Romano Rizzo   Giuseppe Cangiano ( 1913/ 1987 )  Giuseppe Cangiano è uno dei tanti, troppi poeti della Napoli di un tempo,...
continua...

I GIOVANI E IL MAL DI SCHIENA

 

di Annamaria Riccio

 

La vita si allunga. Si allunga anche la giovinezza: cinquantenni del secolo scorso appaiono oggi  come trentenni, malattie infettive che un tempo mietevano vittime, sono completamente debellate o, comunque, curabilissime. Malattie sociali che non spaventano più…l’individuo sembra migliorarsi. Non sempre. In giovanissima età ecco presentarsi

disturbi che un tempo interessavano solo anziani o particolari categorie di lavoratori a rischio. Mi riferisco al mal di schiena che, strano a dirsi, affligge non pochi ragazzi e addirittura bambini. La causa? Il primato spetta allo zaino scolastico stracolmo di libri che non sempre gli studenti riescono a “dividere”. La ragione di ciò consiste nel fatto che molti testi comprendono esercizi da stilare in situ: diventa quasi un obbligo a quel punto avere il libro personale che attesta il proprio lavoro scolastico. E ancora, le ore di lezione giornaliere aumentate per compensare l’accorciamento della settimana col sabato festivo: più tempo in posizione seduta con una cattiva postura che spesso si assume in seguito all’insofferenza che sopraggiunge.  Altra causa scatenante è l’uso dello scooter sempre più utilizzato da genitori frettolosi che accompagnano i propri figli a scuola prima di recarsi al lavoro: i tratti stradali non proprio al meglio asfaltati, sono un vero e proprio percorso di guerra con sbalzi male attutiti e grosso carico a livello della colonna vertebrale.  Insomma, ci avviciniamo sempre più al modello di altri paesi che prevedono il  tempo pieno a scuola, ma con strutture e organizzazioni che ben si adattano alle esigenze dei giovanissimi. La voglia è  di creare un modello perfetto di studente, futuro uomo di un domani che, si spera, possa essere artefice di una generazione non sempre di provenienza idonea all’età, le esigenze, i tempi che percorriamo. E allora vien da pensare che, in fondo in fondo, ritorna un po’ di nostalgia agli anni che furono dove i vecchi erano naturalmente vecchi, e si vedeva.  I bambini vivevano da bambini, con la spensieratezza della loro età, ben lontani da un progresso che li vede precoci in tutto, nei problemi, nella tecnologia che li soffoca, nella corsa ad un progresso che fa rimpiangere la vita semplice, ma serena.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen