NEWS

Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   Gli Ipocriti AL TEATRO DIANA     Al teatro Diana, da mercoledì 27 aprile, “Gli Ipocriti” presenta...
continua...
IN VIAGGIO CON UN RAGAZZO NIGERIANO   di Luigi Rezzuti   Era un ragazzo di sedici anni, lo sguardo vispo, un sorriso sempre stampato sul volto. La...
continua...
BROCCOLINCOLLINA Il VOMERO, un quartiere che rappresenta un unicum a Napoli ed in Italia. Una vera città nella città, con una storia, un patrimonio...
continua...
Pazze strisce pedonali   di Annamaria Riccio   Nella logica delle cose c’è un prodotto che scaturisce da una motivazione, che ne ha indotto...
continua...
MARISA  PAPA  RUGGIERO, JOCHANAAN   Martedì, 11 aprile, alle ore 17, presentazione del poemetto "Jochanaan",  di Marisa  Papa  Ruggiero, edito da...
continua...
Pittura vomerese nell’Ottocento   di Antonio La Gala   In un precedente articolo sulla pittura del Seicento al Vomero, abbiamo raccontato di Salvator...
continua...
Pensieri ad alta voce di Marisa Pumpo Pica   Addio, vecchio medico   Addio, vecchio medico dei tempi andati! Ti chiamavi, allora, medico condotto...
continua...
Cambiare oggi il futuro   di Mariacarla Rubinacci   Il compagno della vita non c’è più. Nulla sarà come prima. Devo affrontare il futuro. Devo...
continua...
DON ANTONIO CAFIERO   di Luigi Rezzuti     Don Antonio Cafiero era nato e vissuto nei Vergini, un quartiere di Napoli. Amava Napoli e il Napoli. Era...
continua...
UNA STAGIONE CALCISTICA STORTA   di Luigi Rezzuti    Durante il periodo precampionato tutti affermavano che questa stagione 2019/2020 sarebbe stata...
continua...

DALLE TAVOLETTE CERATE DI ERCOLANO ALLA RAI: IL “PROCESSO DI GIUSTA”

 

di Sergio Zazzera

 

Soltanto l'abilità di un conoscitore del diritto romano nelle sue pieghe più profonde avrebbe potuto trarre dalla documentazione di un processo svoltosi nell’antica Roma il materiale per un radiodramma. Ed è questo ciò che fece, nel 1953, il mio Maestro, Antonio Guarino, ricavando dalle tavolette cerate ercolanesi del processo di Giusta  il testo di un originale radiofonico, recitato, oltre che da lui stesso, anche da personalità di spicco della cultura dell’epoca, come Vincenzo Arangio-Ruiz, Giovanni Pugliese Carratelli e Amedeo Maiuri.

La vicenda intorno alla quale il processo ruota è quella di una giovane donna – Giusta, per l’appunto –, che chiedeva al giudice di essere riconosciuta nata libera, dopo che la madre, già schiava della matrona Calatoria Temide, era stata manomessa (vale a dire, resa libera) da costei, la quale, viceversa, pretendeva che la nascita della fanciulla fosse avvenuta prima di tale evento. E nel radiodramma l’intreccio fra lo svolgimento dei fatti e l’intervento degli storici sulla loro documentazione è continuo. La sentenza emessa dal giudice non è stata rinvenuta e, dunque, la conclusione del processo non ci è nota, il che legittima ciascuno di noi a immaginarlo definito nella maniera in cui più gli piace.

Ora, dopo sessant’anni e mentre il Maestro si appresta a compierne cento, il testo dell’originale radiofonico, recuperato da una vecchia registrazione, è stato pubblicato da De Frede editore (A. Guarino, Lettere dal passato. Il processo di Giusta, Napoli 2013, pp. 28, s.i.p.), a beneficio di quanti, rileggendolo, ricorderanno le esercitazioni che noi, suoi collaboratori, proponevamo agli studenti che seguivano il suo corso. E il lettore troverà nelle ultime righe la simpatica conclusione a sorpresa della vicenda giudiziaria, immaginata dall’autore.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen