NEWS

LA JUVE VINCE LO SCUDETTO IL NAPOLI VINCE LO SCUDETTO DELL’ONESTA’   di Luigi Rezzuti   Pensavamo che calciopoli fosse davvero finita, invece sotto...
continua...
ICEBERG (Ottobre 2016)
continua...
Miti napoletani di oggi.47 LE PISTE CICLABILI   di Sergio Zazzera   Se dovessi azzardarmi ad affermare che il balcone di casa mia è un palcoscenico...
continua...
Miti napoletani di oggi.66 L’EDITORE   di Sergio Zazzera   L’Enciclopedia Treccani definisce “editore” «chi esercita l’industria della produzione e...
continua...
SPIGOLATURE   di Luciano Scateni   Siamo tutti Liliana   Contro minacce e insulti alla senatrice Segre tutti contro i media, quasi tutti, ma con...
continua...
Metropolitane napoletane abortite   di Antonio La Gala     Forse non tutti sanno che Napoli stava per dotarsi di metropolitana già a fine Ottocento...
continua...
TORNEO DI BOCCE AL LIDO CELESTE DI GIANOLA   Presso il Lido Celeste di Formia località Gianola si è svolto sabato 26 e domenica 27 agosto un...
continua...
“Plenitude”   Sabato 5 Maggio 2018, alle ore 17.30, sarà inaugurata la mostra, a cura di Maurizio Vitiello, “Plenitude” con opere recenti del giovane...
continua...
L’antica chiesa di S. Gennariello   di Antonio La Gala   La chiesa più antica del Vomero è quella di S. Gennariello, in Via Cifariello, più nota...
continua...
La Fundación Escuela Museo Abierto Para El Mundo a “Il ramo d’oro”   Per i 25 anni della propria attività la Fundación Escuela Museo Abierto Para El...
continua...

DALLE TAVOLETTE CERATE DI ERCOLANO ALLA RAI: IL “PROCESSO DI GIUSTA”

 

di Sergio Zazzera

 

Soltanto l'abilità di un conoscitore del diritto romano nelle sue pieghe più profonde avrebbe potuto trarre dalla documentazione di un processo svoltosi nell’antica Roma il materiale per un radiodramma. Ed è questo ciò che fece, nel 1953, il mio Maestro, Antonio Guarino, ricavando dalle tavolette cerate ercolanesi del processo di Giusta  il testo di un originale radiofonico, recitato, oltre che da lui stesso, anche da personalità di spicco della cultura dell’epoca, come Vincenzo Arangio-Ruiz, Giovanni Pugliese Carratelli e Amedeo Maiuri.

La vicenda intorno alla quale il processo ruota è quella di una giovane donna – Giusta, per l’appunto –, che chiedeva al giudice di essere riconosciuta nata libera, dopo che la madre, già schiava della matrona Calatoria Temide, era stata manomessa (vale a dire, resa libera) da costei, la quale, viceversa, pretendeva che la nascita della fanciulla fosse avvenuta prima di tale evento. E nel radiodramma l’intreccio fra lo svolgimento dei fatti e l’intervento degli storici sulla loro documentazione è continuo. La sentenza emessa dal giudice non è stata rinvenuta e, dunque, la conclusione del processo non ci è nota, il che legittima ciascuno di noi a immaginarlo definito nella maniera in cui più gli piace.

Ora, dopo sessant’anni e mentre il Maestro si appresta a compierne cento, il testo dell’originale radiofonico, recuperato da una vecchia registrazione, è stato pubblicato da De Frede editore (A. Guarino, Lettere dal passato. Il processo di Giusta, Napoli 2013, pp. 28, s.i.p.), a beneficio di quanti, rileggendolo, ricorderanno le esercitazioni che noi, suoi collaboratori, proponevamo agli studenti che seguivano il suo corso. E il lettore troverà nelle ultime righe la simpatica conclusione a sorpresa della vicenda giudiziaria, immaginata dall’autore.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen