NEWS

La tarantina - L’ultimo femminiello   di Luigi Rezzuti   Fu cacciato di casa all’età di nove anni e la sua unica scuola fu il marciapiede. Per le...
continua...
I HAVE A DREAM   di Sergio Zazzera   “I have a dream”. Sì, senza volermi paragonare a Martin Luther King, e soprattutto senza volergli mancare di...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Spetta a Greta il Nobel per l’ambiente È noto soprattutto a chi teme per il futuro della Terra, messo in forse...
continua...
Miti napoletani di oggi.48 LA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA   di Sergio Zazzera   Ogni qualvolta il discorso cada sul tema della criminalità organizzata,...
continua...
PREMIO NAZIONALE DI POESIA "SALVATORE CERINO"     (Dicembre 2018)
continua...
EDICOLE VOTIVE DI NAPOLI   di Luigi Rezzuti   Passeggiando per le strade di Napoli, è possibile contare un vasto numero di “altarini”. Le edicole...
continua...
WEEKEND SULLA NEVE   di Luigi Rezzuti   Tutto ebbe inizio con il weekend che Franco e Vanessa avevano deciso di fare in montagna. Partirono nel primo...
continua...
NATALE IN CASA CUPIELLO   di Luigi Rezzuti   Si avvicina il Natale e quale migliore occasione per riproporre “Natale in casa Cupiello”? La commedia...
continua...
Laura L.C. Allori, Per Amore e per (Il Nido del Gheppio edizioni)   di Nicola Garofano   Finalmente esce, con l’edizione indipendente “Il Nido del...
continua...
L’IMBUSTATO   di Luigi Rezzuti   Fin da ragazzo Ernesto aveva sempre sofferto con dolori alla schiena e tutti gli dicevano che ciò era dovuto ad un...
continua...

Miti napoletani di oggi.21

Il CENTRO DIREZIONALE

 

di Sergio Zazzera

 


Il Centro direzionale di Napoli, comprensorio di grattacieli unico in Italia e nell’Europa meridionale, nasce come cittadella degli uffici pubblici attigua al quartiere di Poggioreale, su progetto sviluppato dall’architetto giapponese Kenzo Tange nel 1985 e realizzato nel volgere di un decennio. Le piazze multiformi, le fontane e l’avveniristica chiesa, disegnata da Pier Luigi Spadolini, tutte dislocate lungo l’ampio asse viario centrale e le strade laterali, riservati, l’uno e le altre, esclusivamente al traffico pedonale, avrebbero dovuto caratterizzare in positivo il complesso, in uno con i parcheggi, le scale mobili e le strade sottostanti, destinate ad accogliere il traffico veicolare.

Il mito, viceversa – o, se si preferisce, il fumo negli occhi – del Centro direzionale napoletano consta di una componente visibile e di una invisibile. La prima è costituita dal degrado della rete stradale sottostante, connotata da scarsa illuminazione, da cattiva manutenzione, dalle scale mobili per lo più fuori uso e da segnaletica talvolta contraddittoria, oltre che dalla presenza di soggetti senza fissa dimora, contenti di trascorrervi la notte al coperto, benché tra i rifiuti che vi si accumulano.

A sua volta, la componente invisibile consta, oltre che delle interferenze televisive provocate negli edifici circostanti dall’altezza dei “grattacieli”, soprattutto del lento e impercettibile sprofondamento dell’intera area, costruita su falde acquifere, che qualcuno, con particolare benevolenza, asserisce non essere destinato a compromettere la stabilità delle strutture, il che potrebbe non rispondere a verità sulla lunga distanza temporale, ma tanto, chi vivrà, vedrà.

Eppure, si pensi che già nel 1930 Manfredi Franco, architetto e pittore leccese (1883-1968) trasferitosi a Napoli nel 1907, aveva immaginato e disegnato una Città futura, che si sviluppava su più piani paralleli, funzionali rispettivamente al traffico veicolare, a quello ferroviario, a quello pedonale e perfino all’atterraggio di aerei, che anticipava in qualche modo il progetto di Tange, ma con elevate probabilità d’inesistenza dei problemi che quest’ultimo ha manifestato.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen