NEWS

QUALI “PRIMARIE”?   di Sergio Zazzera   Le “primarie” del 6 marzo scorso, finalizzate alla designazione del candidato alla carica di sindaco di...
continua...
BOMBE DI MERCATO   di Luigi Rezzuti   E’ da poco terminato il Campionato italiano di calcio di Serie A e già gli addetti ai lavori sono impegnati in...
continua...
Andiamo aTeatro a cura di Marisa Pumpo Pica   AL TEATRO DIANA “STORIE DI CLAUDIA”   Da mercoledì 24 febbraio fino al 6 marzo, Claudia Gerini in:...
continua...
GENNARINO DERUBATO DA UN BAMBINO   di Luigi Rezzuti   Gennarino sperava di godersi una stupenda mattinata sugli scogli di Mergellina, accompagnando la...
continua...
PREVISIONI PER L’ESTATE 2019   di Luigi Rezzuti   Arrivano sempre più conferme su quella che sarà un’estate bollente, con caldo insopportabile, ...
continua...
Natale alla Nicolardi tra bravura e solidarietà   di Annamaria Riccio   Come ormai è consuetudine, anche quest’anno alla scuola media “D’Ovidio...
continua...
LO SCIROPPO DEL MONACO   di Luigi Rezzuti   Era una fresca e limpida giornata di aprile e gli orologi segnavano le 13.     Un monaco, dinanzi alla...
continua...
UN GIORNO AL MARE   di Luigi Rezzuti   L’intenzione era di trascorrere una giornata al mare, ma dopo tre ore,  bloccati in mezzo al traffico e...
continua...
I PONTI DEL 2019   di Ilaria Rezzuti   Un nuovo anno è arrivato e vogliamo divertirci a suggerire ai lettori de “ILVOMERESE” qualche accattivante...
continua...
Miti napoletani di oggi.45 LA “NASCITA” DELLA CAMORRA   di Sergio Zazzera   I Romani erano specialisti abilissimi nel confezionamento di “miti di...
continua...

Miti napoletani di oggi.21

Il CENTRO DIREZIONALE

 

di Sergio Zazzera

 


Il Centro direzionale di Napoli, comprensorio di grattacieli unico in Italia e nell’Europa meridionale, nasce come cittadella degli uffici pubblici attigua al quartiere di Poggioreale, su progetto sviluppato dall’architetto giapponese Kenzo Tange nel 1985 e realizzato nel volgere di un decennio. Le piazze multiformi, le fontane e l’avveniristica chiesa, disegnata da Pier Luigi Spadolini, tutte dislocate lungo l’ampio asse viario centrale e le strade laterali, riservati, l’uno e le altre, esclusivamente al traffico pedonale, avrebbero dovuto caratterizzare in positivo il complesso, in uno con i parcheggi, le scale mobili e le strade sottostanti, destinate ad accogliere il traffico veicolare.

Il mito, viceversa – o, se si preferisce, il fumo negli occhi – del Centro direzionale napoletano consta di una componente visibile e di una invisibile. La prima è costituita dal degrado della rete stradale sottostante, connotata da scarsa illuminazione, da cattiva manutenzione, dalle scale mobili per lo più fuori uso e da segnaletica talvolta contraddittoria, oltre che dalla presenza di soggetti senza fissa dimora, contenti di trascorrervi la notte al coperto, benché tra i rifiuti che vi si accumulano.

A sua volta, la componente invisibile consta, oltre che delle interferenze televisive provocate negli edifici circostanti dall’altezza dei “grattacieli”, soprattutto del lento e impercettibile sprofondamento dell’intera area, costruita su falde acquifere, che qualcuno, con particolare benevolenza, asserisce non essere destinato a compromettere la stabilità delle strutture, il che potrebbe non rispondere a verità sulla lunga distanza temporale, ma tanto, chi vivrà, vedrà.

Eppure, si pensi che già nel 1930 Manfredi Franco, architetto e pittore leccese (1883-1968) trasferitosi a Napoli nel 1907, aveva immaginato e disegnato una Città futura, che si sviluppava su più piani paralleli, funzionali rispettivamente al traffico veicolare, a quello ferroviario, a quello pedonale e perfino all’atterraggio di aerei, che anticipava in qualche modo il progetto di Tange, ma con elevate probabilità d’inesistenza dei problemi che quest’ultimo ha manifestato.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen