NEWS

L’INGIUSTIZIA ITALIANA UN PERMESSO VERGOGNOSO   di Luigi Rezzuti   Il 13 marzo del 2018 un branco di ragazzini uccisero la guardia giurata Francesco...
continua...
La D’Ovidio Nicolardi fa il pieno all’open day   di Annamaria Riccio   Grande affluenza di genitori e studenti che, in una piovosa mattinata di...
continua...
Credenze napoletane (2)   ’A bella ’mbriana e ’o munaciello     di Alfredo Imperatore   Ritornando alla superstizione, come già detto, noi...
continua...
Ma a me, lei ci pensa ancora?   di Luigi Rezzuti   Francesco aveva quindici anni. Erano gli anni dei primi innamoramenti, amori teneri di un ragazzo...
continua...
Via Martucci. Una nobile signora d’altri tempi   di Antonio La Gala   L’ampia zona “bene” del Rione Amedeo conserva i segni del suo sviluppo...
continua...
Miti napoletani di oggi.41 L’IDENTITA’ NAPOLETANA   di Sergio Zazzera   L’antropologia definisce l’identità come «patrimonio da conservare» e, in...
continua...
AMERICA’S CUP - LUNA ROSSA IN FINALE   di Luigi Rezzuti   Che Luna Rossa sia stata osteggiata dalle rivali anglosassoni non è un mistero....
continua...
SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Le stagioni di una vita di Emilia Menini e Guido Parmegiani Cosmopolis Edizioni Napoli   Questo...
continua...
SPIGOLATURE   di Luciano Scateni   Olimpiadi: vengo anch’io? No, tu no Il tormentone “olimpiadi sì, olimpiadi no” incrocia uno snodo eclatante.. La...
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Esilio II Stagione Mutaverso Teatro   Venerdì, 17 marzo, all’Auditorium del Centro Sociale di...
continua...

E’  ARRIVATA  LA  PRIMAVERA

 

di Mariacarla Rubinacci

 

E’ arrivata, malgrado i 40 giorni di pioggia promessi e quasi mantenuti dal 4 aprile scorso, secondo il proverbio del vecchio passato, che poi, passato non lo è del tutto, a dispetto dei cambiamenti climatici, del buco dell’ozono, dell’effetto serra.

E’ arrivata. La vedo nei germogli delle mie piantine, che ho nei vasi sul balcone. Il Geranio ha rinforzato le sue foglie, tra le quali fa capolino un bel rosso corallo. L’Amarillis ha dato sfoggio della sua abilità di avere ben 4 gigli disposti a croce perfetta su un gambo lungo lungo, che ondeggia un po’ pericolosamente al venticello della sera. La Bounganville ha squarciato le sue gemme gonfie, da cui le foglioline si trasformeranno in fiori violacei, (la mia ha questo colore). La Vite del Canadà allunga i suoi teneri filamenti in cerca di agganci, che la faranno arrampicare lungo il muro: io, in ottobre, la poto drasticamente, dopo aver ammirato il fogliame brunito dall’autunno ed immaginato il colore dello sfondo di quel romantico film “Autunno a NY” con R. Gere. Che sogno! E rinasce ogni volta più vigorosa.

Ebbene, è arrivata la primavera. Ha bussato ai vetri della mia porta-finestra, mi ha fatto riporre i golfini dell’inverno, mi ha consigliato di alleggerire le coperte del letto e… mi ha fatto sentire felice.

Parola grossa, impegnativa, la felicità. Sul vocabolario è descritta come forma di appagamento, di serenità, di contentezza, di gioia. Quanti sinonimi per farci capire, in fin dei conti, che basta uscire dal proprio guscio buio e lanciare lo sguardo intorno, fermarsi un momento, spiare il cielo sgombro per  vederlo finalmente azzurro, come lo desideriamo, farsi avvolgere dal delicato profumo che viene da quel furgoncino all’angolo della strada, colmo di vasetti fioriti e di colori da far invidia all’arcobaleno, (il vivaista li ha fatti germogliare in serra…. beato lui!). Basta poi sorridere a quel bambino con il grembiulino blu, che sta correndo fuori dalla scuola e che ci viene incontro tutto….

Tutto “primaverato”. E’ questo l’originale aggettivo che mi scrisse un alunno di terza elementare, nello svolgimento del suo temino dal titolo: E’ arrivata la primavera. Voi che avete avuto la bontà di leggere queste mie umili riflessioni, come vi sentite? State germogliando un po’? La primavera è arrivata per tutti, anche se molti forse non se ne sono accorti. La stagione del risveglio speriamo ci porti il risveglio anche delle coscienze, del vivere secondo il buon criterio e del sorriso che ci fa dire bongiorno al vicino di fronte, sul balcone, che sta innaffiando la piantina, comprata appena ieri dal furgoncino tutto colorato.

(Maggio 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen