NEWS

Un libro a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Sabato, 5 marzo, alle ore 11.30, nella sala del Teatro Diana, nell’ambito della rassegna...
continua...
Ma da un presagio d'ali   All'Aleph, Roma, venerdì 7 aprile, alle ore 17.30,  presentazione del libro di Donatella Costantina Giancaspero Ma da un...
continua...
LA PRIMAVERA  E’ ALLE PORTE   di Luigi Rezzuti   Se qualcuno ci chiede “Quando inizia la primavera” siamo abituati a rispondere il 21 marzo, ma non...
continua...
Annella, un’anomalia del Seicento.   di Antonio La Gala   Un tratto dell’antica “via per colles”, che in epoca romana congiungeva l’area flegrea con...
continua...
IL FURTO DEL “CAPPELLO” DI KOUNELLIS   di Sergio Zazzera   E’ del 4 marzo la notizia del furto del “Cappello”, elemento dell’installazione...
continua...
L’intervista   di Marisa Pumpo Pica   Enjoy the Void e il suo album d’esordio “Our Garden”     Si fa strada, nel panorama musicale di questi...
continua...
FUGA DEI PENSIONATI ALL’ESTERO   di Luigi Rezzuti   Il numero dei pensionati che si trasferiscono all’estero è in costante aumento. Tra le ragioni...
continua...
L’intramontabile fascino della dieta mediterranea   di Laura Coluccio *   Maggio e giugno, antichi nemici della tavola e grandi amici di diete e...
continua...
Il gatto armonico, libri e idee per crescere   I laboratori di aprile con la scrittrice Maria Strianese (dillo a un amico). Il prato delle favole -...
continua...
BABBO NATALE   di Luigi Rezzuti   Era una notte fredda, una notte fredda e buia. Gigetto era accoccolato sul davanzale della finestra ad osservare...
continua...

Miti napoletani di oggi.24

LA CITTA’ METROPOLITANA

 

di Sergio Zazzera

 


Disciplinata dal testo unico sull’ordinamento degli enti locali (decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267), la “città metropolitana” è una istituzione prevista dall’articolo 114 della Costituzione, come modificato dalla riforma del 2001; per Napoli, in particolare, essa è destinata a rilanciare sul tappeto problemi analoghi a quelli che emersero a seguito dell’istituzione della “Grande Napoli”, attuata mediante i regi decreti legge 15 novembre 1925, 3 giugno 1926 e 30 ottobre 1927, che resero parte integrante del territorio cittadino molti degli antichi “casali”, la cui esistenza si era articolata attraverso un arco di tempo che andava dalla monarchia aragonese fino al Decennio francese.

Ed è proprio in questi problemi che risiede il nucleo del mito: l’idea di fondere in un’unica città, sia pure “metropolitana” l’intero territorio della provincia renderà, da una parte, estremamente difficoltosa la gestione di quella parte di territorio costituita dalle isole e, dall’altra, rischierà di provocare la progressiva perdita di un’identità – urbanistica, sociale, culturale –, che quelle realtà avevano acquisito, in maniera altrettanto progressiva, attraverso i secoli, se non, addirittura, l’ancor più grave disorientamento identitario delle rispettive popolazioni.

Se, poi, l’istituzione del nuovo organismo dovesse essere accompagnata dalla creazione di strutture amministrative costituenti un doppione di quelle oggi esistenti (Amministrazione provinciale, Prefettura), il mito contemporaneo sarà enormemente simile a quello classico di Sisifo.

(Giugno 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen