NEWS

RITIRO DEL NAPOLI A DIMARO FOLGARIDE   di Luigi Rezzuti   Si avvicina il precampionato del Napoli, che, dopo una stagione non entusiasmante, ma...
continua...
Miti napoletani di oggi.61 IL "DIVARIO TRA LE CLASSI SOCIALI"   di Sergio Zazzera     Mai come a Napoli si è fatto registrare in maniera tanto...
continua...
Paolo Ricci: falce e pennello   di Antonio La Gala     Una figura di rilievo nel panorama culturale della Napoli del Novecento è stato Paolo Ricci...
continua...
SEGNALIBRO a cura di Marisa Pumpo Pica   Napoli 3,0 Sguardi sulla città di Mariacarla Rubinacci Biblioteca dei Leoni, Castelvetrano Veneto,...
continua...
PREVISIONI PER L’ESTATE 2019   di Luigi Rezzuti   Arrivano sempre più conferme su quella che sarà un’estate bollente, con caldo insopportabile, ...
continua...
SEGNALIBRO a cura di Marisa Pumpo Pica   LA TOMBA PROFANATA Santagata si fa in quattro di Luciano Scateni  Guida - Kairos    Questo è il...
continua...
Un  nonno con la “fissa” per la caccia   di Luigi Rezzuti   Il  nonno di Marco aveva una sola grande passione, un solo grande capriccio, andare a...
continua...
Napoli e il Cinema, una simbiosi in evoluzione   di Marisa Pumpo Pica   Alcuni eventi, verificatisi di recente, hanno fatto battere più forte, in...
continua...
Miti napoletani di oggi.41 L’IDENTITA’ NAPOLETANA   di Sergio Zazzera   L’antropologia definisce l’identità come «patrimonio da conservare» e, in...
continua...
Miti napoletani di oggi.46   Pompei   di Sergio Zazzera   Fra i tanti esempi di urbanistica del mondo romano, pervenuti fino ai giorni nostri,...
continua...

"BENVENUTI AL SUD"

 

Benvenuti al Sud, per la regia di Luca Miniero, con Claudio Bisio e Alessandro Siani è stato un vero e proprio successo al botteghino, raggiungendo quasi 30 milioni di euro d’incasso e il 7° posto nella classifica dei maggiori incassi in Italia di tutti i tempi.

Anche quando è stato riproposto, ultimamente, in TV su Canale 5, gli indici di ascolto hanno registrato un notevole successo.

Dopo qualche anno dall’uscita di “Benvenuti al Sud” il film venne accusato di aver portato a Castellabate turismo di massa e non di qualità, questo perché molti turisti napoletani e molti salernitani si riversarono in quel piccolo borgo, tutti a caccia della foto caratteristica o dell’angolo in cui il film venne girato.

Il regista Luca Miniero, intervistato da “Il Mattino” disse : “Prima Castellabate era un paese che nessuno visitava, adesso è invece al centro delle attenzioni di moltissimi turisti. Sono passati quattro anni e il film è entrato a far parte dei classici della commedia italiana moderna e siamo sicuri che l’onda dei turisti, seppur attenuata, non avrà del tutto abbandonato il bellissimo borgo di Castellabate.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen