NEWS

Miti napoletani di oggi. 54 IL "DASPO URBANO"   di Sergio Zazzera   In attuazione della Convenzione Europea di Strasburgo del 19 agosto 1985, al...
continua...
CHAMPIONS LEAGUE 2018 - 2019   di Luigi Rezzuti   Poteva mai capitare,, una volta tanto, un girone meno impegnativo per la squadra del Napoli di...
continua...
Il Mistero di Antignano   di Antonio La Gala   Non si tratta di un giallo, ma di una famosa processione che a Pasqua, da secoli, si celebra al...
continua...
Nascita della stazione di Napoli Centrale   di Antonio La Gala   Tutti i napoletani, quelli meno giovani, per esperienza diretta, gli altri,...
continua...
Maggio dei monumenti   di Luigi Rezzuti   Come ogni anno, il mese di maggio è dedicato ai monumenti e quest’anno il tema della venticinquesima...
continua...
DON ANTONIO CAFIERO   di Luigi Rezzuti     Don Antonio Cafiero era nato e vissuto nei Vergini, un quartiere di Napoli. Amava Napoli e il Napoli. Era...
continua...
IL BUSINESS DEL “COCCO BELLO”   di Luigi Rezzuti   Come in ogni stagione estiva, le spiagge della nostra penisola sono invase da venditori ambulanti...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   L’ottimismo si chiama Apple Indossa il giacchino blu di metalmeccanico, stinto dalla fatica, sbiadita la scritta...
continua...
SALUTE E BENESSERE Dipendenza sessuale on line   di Manuela Morra   Il mondo virtuale, tanto vantaggioso per molteplici aspetti della vita di...
continua...
Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   DONNAMORE Uno spettacolo che parla di e alle donne, il cui ricavato sarà destinato ai figli delle...
continua...

Napoli in…canto

Napoli in…canto

 

di Mariacarla Rubinacci

 

Il Centro di promozione culturale e sociale COSMOPOLIS, fondato e presieduto dalla professoressa Marisa Pumpo Pica, dà spazio a soci che amano la poesia ed il canto a sfondo partenopeo.

I poeti e le poetesse si riuniscono in giorni preordinati durante l’anno, presso la Biblioteca “B. Croce”, in Via Francesco De Mura, 2 bis, al Vomero, nei pressi di Via Luca Giordano. Sono sempre numerosi e tutti amici, si sorridono con sincera cordialità e apprezzano con stima quanto è offerto all’ascolto da parecchi di loro. Infatti essi declamano alla platea i loro sentimenti, espressi attraverso le parole di una qualsiasi poesia, come fosse un invito, per coloro che li ascoltano, con rigorosa attenzione ed apprezzamento, a partecipare alla sensibilità del loro animo e del loro cuore.

Napoli e la sua napoletanità fanno da sfondo alla riunione, accompagnate dal suono di una chitarra, toccata con mano lieve, e dal canto, che si alza spesso corale per sottolineare la viva partecipazione di ascolto.

Nascono sempre incontri colmi di emozioni intime e suggestive, i volti si rasserenano cullati dalle note antiche di melodie tradizionali, che così si rinverdiscono ogni volta con un’atmosfera nuova.

Molti declamano in lingua, ma altrettanti in vernacolo, dando vita ad un gioco di parole e di emozioni, perché è poeta colui che sa cogliere i sentimenti, quelli dentro e quelli fuori di lui, è lui che si serve delle parole per trasmettere agli altri le sue stesse vibrazioni che gli forniscono la musicalità dei versi, macchie nere sparse su un foglio bianco.

Lo scopo degli incontri è dare spazio allo sguardo che ognuno tenta di rivolgere verso se stesso, è il desiderio di rappresentarsi e confrontarsi per condividere un percorso. Lo stare assieme diventa perciò l’opportunità di poter giocare con le parole, fino a farle diventare un’opera, magari nel proprio dialetto, la lingua che dona la capacità di immedesimarsi nel contesto e farlo proprio, in virtù di una personale lettura.

L’ascolto del linguaggio poetico, in questo contesto, diventa musica che alimenta gli animi, esalta le emozioni, vagheggia le fantasie e tutto appare bello, importante, riuscito. La poesia ed il canto equivalgono, dunque, a un discorso, a un ragionamento, una comunicazione, un momento elevato e nobile.

A Marisa Pumpo, un grande “grazie”.

Ai soci, un “arrivederci”. 

(Ottobre 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen