NEWS

Cambiare oggi il futuro   di Mariacarla Rubinacci   Il compagno della vita non c’è più. Nulla sarà come prima. Devo affrontare il futuro. Devo...
continua...
Parlanno ’e poesia 6   di Romano Rizzo   Giuseppe Capaldo Nacque a Napoli il 21 marzo del  1874 da genitori di modeste origini, che gestivano un’...
continua...
NAPOLETANA - Arte turca al CAM   Dal 18 novembre 2017 alle ore 18.00 presso il museo CAM si terrà Napoletana, a cura di Kani Kaya, mostra di 37...
continua...
IL CALL CENTER   di Luigi Rezzuti   Domenica pomeriggio sono a casa, mia moglie riposa ed io sono davanti alla televisione: una tazza di caffè,...
continua...
Dario Rezzuti, un pittore schivo e solitario   Dario Rezzuti è naro a Napoli nel 1957. Vive e lavora a Tito (PZ). Discende da una famiglia di artisti....
continua...
UNITRE - Cerimonia di chiusura dell’anno accademico   Si è svolta, nei giorni scorsi,  la cerimonia di chiusura dell’anno accademico 2015/2016...
continua...
PROGRAMMA dei CORSI dell'associazione 1virgola618   Eventi 2018 Percorso di riconoscimento di  ERBE spontanee sabato 3 marzo   ore 14-18con Alberto...
continua...
SALUTE E BENESSERE Dipendenza sessuale on line   di Manuela Morra   Il mondo virtuale, tanto vantaggioso per molteplici aspetti della vita di...
continua...
SVEGLIA! Edizioni Spartaco al Salone internazionale del libro di Torino Lingotto Fiere - Dal 18 al 22 maggio Stand J38   Intenso, corposo, amaro: è...
continua...
LARGO O PIAZZA?   di Antonio La Gala     Spesso nel leggere cose della Napoli antica ci imbattiamo in denominazioni stradali che ci lasciano...
continua...

Parlanno ‘e poesia 10

 

di Romano Rizzo

 

Giuseppe Cangiano ( 1913/ 1987 )

 Giuseppe Cangiano è uno dei tanti, troppi poeti della Napoli di un tempo, che la critica ha, a mio parere, ingiustamente trascurato negandogli la posizione che avrebbe meritato. Poco si conosce della sua biografia: Nato nel 1913, salutò questo mondo nel 1987, poco prima che la sua ultima fatica ( quella bella antologia della poetica napoletana di fine novecento, arricchita ed impreziosita dalla sua accorata difesa del dialetto e della tradizione ) vedesse la luce.

In questo bel lavoro che egli definì rassegna antologica, dimostrando il suo grande amore per la poesia, intese offrire ai lettori liriche di poeti a lui contemporanei a testimonianza della vitalità della poesia napoletana. È stato uno spirito libero che non si è mai voluto legare a un salotto o cenacolo, perché orgoglioso della sua indipendenza. Ne fa fede anche l’impostazione da lui data a questa rassegna (per ogni autore sono riportati solo dati anagrafici), ritenendo egli che “ in arte ciò che più conta è l’opera che si lascia, in quanto soltanto l’arte vera è immortale. La sua produzione poetica è racchiusa essenzialmente in tre voluni:

1) Penombra napulitana del 1976;

2) Nun me tuccate Napule del 1982;

3) De…camerino del 1979.

Molto significativa, a mio parere, è la breve poesia che introduce “Penombra napulitana” A tiempo perzo:

 

“Aggio scritto sti vierze a tiempo perzo / pe’ sbarià nu poco cu ’o penziero/ e v’assicuro ca me so’ spassato/ immagginanno cose..po’ succiesse / Me so’ arrubbate ll’ore ‘e chesta vita / jucanno cchiù ’e na vota ’e fantasia../ D’’a  fantasia già m’ero nnammurato / e mbracci’a essa me so’ arrepusato !!

Nel volume “Nun me tuccate Napule”, il Cangiano fa una accorata difesa di questa nostra bella città, troppe volte maltrattata e malmenata da chi, non conoscendola a fondo, non riesce a comprenderla nel suo giusto valore. La sua difesa è fatta, però, con i suoi consueti toni pacati e discorsivi, e, forse, più che a una invettiva fa pensare ad una preghiera. Tutta la poetica del Cangiano è sempre contraddistinta, del resto, da  un tono nitido e chiaro, privo di fronzoli e orpelli, ma  sempre ricco di originalità e spontaneità. Egli eccelle nei “ bozzetti” per la perfezione ed estrema naturalezza delle descrizioni, perfette anche nei più minimi dettagli. Basti pensare alla sua lirica “ Alici fritte”, che è stata molto spesso declamata dai più bravi dicitori ed interpreti. La ricchezza della sua poesia è pari solo alla sua modestia. (Si pensi, che solo dopo la Sua morte, nella rassegna antologica da lui voluta, sotto il Suo nome è apparsa la dizione Dirigente Amministrativo e non so se questo possa avergli fatto piacere!) A me piace definirlo il poeta della vita di tutti i giorni, il poeta del quotidiano che ci colpisce e ci incanta per quello che scrive e per come lo scrive. È stato un poeta autentico, uno dei pochi veramente innamorati della Poesia e non solo della loro poesia. Una figura, forse minore, ma che va giustamente celebrata e non dimenticata

Alice fritte
(di GIUSEPPE CANGIANO)

Pareno strisciulelle d’acqua ‘e mare!
Verde smeraldo si so’ fragulelle,
spruzzate ‘argiento dint’a na spasella
luceno p’’a frischezza e p’’o culore.

Si so’ cchiù grosse, so’ alice ‘e sperone,
accussì blù ca pareno pittate
comme, chi sa, ll’avessero pittate
mmane d’artista ‘e nu…decoratore.

I’ me fermavo spisso addu Luigione:
me ‘ncantavo a guardà ‘sta piscaria
ch’assumigliava a na giujelleria…
tant’era ‘o bbene ‘e Ddio ca se vedeva.

Ll’acqua scurreva ‘a tanti funtanelle.
sciuliànno ‘ncpp’â lastra d’’o bancone
(na lastra ‘e marmo ca nun fa ‘mpressione
pecchè era vivo chello ca ce steva)

Ll’evera ‘e mare tutt’arravugliata
ê vvote cummigliava quase apposta
ciefàre, auràte, spigule, raòste.
saraghe, triglie ‘e morze e tutt’’o riesto.

Po,tra na fronna e n’ata,’o pesce ‘e taglia
cacciava n’uocchio lustro e ‘nsanguinato
comme pe dì:« mo mo m’hanno piscato!
Te paro muorto, ma so’ vivo ancora!»

Vuje che vulite ‘a me? forse so’ fesso…
ma addò c’è gusto, nun ce sta perdenza…
V’’o dico sotto voce,’ncunfidenza,
ca preferisco ‘alice…E ch’aggio ‘a fà?

Me piaceno ‘nturtiera, ’ncopp’’e ppizze,
spinate c’’o limone, si è zucuso,
ma chelle ca so’ propio ‘e cchiù sfezziose,
a verità..songo ll’alice fritte.

Ll’affierre cu ddoje ddete, capa e coda,
t’’e passe ‘nnanz’’o musso dritte,dritte
e comme si sunasse n’urganetto
siente musica ‘e mare ‘mmocca a te.

Siccomme ‘o mare a me me piace assaje
ve cerco sulamente nu favore:
Nun me purtate sciure quann’i’ moro,
nun appicciate lluce nnanz’â nicchia…

Voglio sentere addore ‘e chistu mare
( pure ‘int’’o testamento ll’aggio scritto)
Pirciò v’’o ddico ‘a mo , ma zittu zitto
«Purtateme nu piatto ‘alice fritte!!!»

(Marzo 2017)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen