NEWS

I giorni di Jacques, di Curzia Ferrari   di Luigi Alviggi     Nel 1987 l’arcivescovo di Parigi, cardinale Lustiger, postula, con i frati salesiani,...
continua...
MOSTRA  “PARADISO E RITORNO”  DI CLARA REZZUTI AL PAN DAL 4 AL 21 MAGGIO 2017   Giovedì 4 maggio nel Loft del Pan (Palazzo delle Arti di Napoli) alle...
continua...
PASQUA 2017   di Luigi Rezzuti   La Santa Pasqua, che celebra la resurrezione di Gesù, nel terzo giorno dopo la crocifissione, è considerata la più...
continua...
L’intramontabile fascino della dieta mediterranea   di Laura Coluccio *   Maggio e giugno, antichi nemici della tavola e grandi amici di diete e...
continua...
Miti napoletani di oggi.74 IL “CAFFE' SOSPESO”   di Sergio Zazzera   Che Napoli sia diventata, già da almeno un secolo e mezzo, la “patria” del...
continua...
Le lettere di Sua Maestà   di Antonio La Gala   La corrispondenza che Ferdinando I Borbone  indirizzava alla seconda moglie, Lucia Migliaccio,...
continua...
CARMINE COLELLA ALL'ASSOCIAZIONE LUCANA     La conferenza verterà su Francesco Mauro, illustre lucano di Calvello (Potenza), di cui si era persa...
continua...
LA NOTTE DEI MUSEI     (Maggio 2019)
continua...
Parlando di chi è poeta   di Romano Rizzo (13)   Spesso mi sono chiesto che cosa ha di diverso dagli altri chi scrive poesie o ama profondamente...
continua...
Come fu creata Eva   di Luigi Rezzuti     Fu tutta colpa della depressione di Adamo, il quale, non essendo contento di trovarsi nel Paradiso...
continua...

Rivoluzione nella giunta De Magistris

C’è chi la pensa così…

 

di Luciano Scateni

 

Dice Epifani, neo segretario nazionale del partito democratico: “Invece di lavorare per il bene della città, si continua a fare e disfare la giunta, senza continuità e programmazione”.

La stroncatura ha come bersaglio Luigi De Magistris, sindaco di Napoli. La vicenda è nota. Messa in moto la macchina del rimpasto di giunta comunale, non sono mancate le uscite di scena, con tanto di porta sbattuta con dispetto.

Prendono male l’esclusione Antonella Di Nocera, assessore alla cultura, e la Donati, responsabile della mobilità. Non meno polemiche sono le dimissioni di Tuccillo, assessore al personale, che emula il dissenso di Realfonso e annuncia la stesura di un libro di denuncia sulla gestione De Magistris.

La rivoluzione del sindaco è pressoché totale e completa l’epurazione, avvenuta nel tempo, di assessori e manager. C’è chi esce e chi entra: il nuovo assessore alla cultura è Nino Daniele, ex sindaco di Ercolano ed ex vicepresidente della Regione. Al professor Mario Calabrese è affidato il settore della mobilità. Entrano anche Anna Ferraro, presidente di un’associazione antiracket e Roberta Gaeta, responsabile di associazioni della Geco; Sandro Fucito, capogruppo della Federazione della sinistra, è il neo titolare del patrimonio e dell’edilizia pubblica e privata; Franco Moxedano, dell’Italia dei Valori, è il nuovo responsabile del personale e dell’anagrafe.

Domanda: ma su quale progetto nasce il nuovo esecutivo? Dalle cronache di questi giorni sul sommovimento interno a Palazzo San Giacomo nemmeno un rigo. E la partecipazione che fine ha fatto?

Nel frattempo sono irrisolti mille problemi: l’emergenza rifiuti è diventata una patologia cronica mentre la tassa di settore è altissima, qualche buca stradale è stata riparata sulla scia di denunce reiterate, ma le vie di tre quarti di Napoli sono ancora pericolosi percorsi di guerra, molti servizi sociali, decisivi per la qualità della vita, sono privi di risorse. L’interesse per il futuro del calcio e dello stadio che lo ospita è, invece, ben vivo e oggetto di impegni solenni.

E il forum delle culture? Chi ne ha la responsabilità lamenta, un giorno sì e l’altro pure, che tutto è in alto mare, con il rischio di un flop che marcherebbe ancora una volta le inadempienze di questa bellissima e sfortunatissima città.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen