NEWS

Parlanno ‘e poesia 8   di Romano Rizzo   Gennaro Esposito Una delle più dibattute teorie sull’arte e la poesia è certo quella relativa al ruolo che...
continua...
L’altra faccia della medaglia   di Romano Rizzo   In questa rubrica cercheremo di presentarvi, di alcuni poeti, un lato poco conosciuto.   Gennaro...
continua...
Illustri illustratori: i Matania   di Antonio La Gala   Càpita spesso di incontrare, fra gli artisti figurativi napoletani, vere dinastie. Fra i...
continua...
Credenze napoletane (2)   ’A bella ’mbriana e ’o munaciello     di Alfredo Imperatore   Ritornando alla superstizione, come già detto, noi...
continua...
Miti napoletani di oggi.44 Labirinto napoletano   di Sergio Zazzera   Il mito classico del labirinto è noto a tutti: l’assatanata Pasifae si lascia...
continua...
UNA ESTATE IN FAMIGLIA   di Peppe Iannicelli   Quando le estati fanciulle finiscono è sempre troppo presto. E raramente abbiamo saputo apprezzarle...
continua...
Metropolitane napoletane abortite   di Antonio La Gala     Forse non tutti sanno che Napoli stava per dotarsi di metropolitana già a fine Ottocento...
continua...
Miti napoletani di oggi.52 IL “CUOPPO”   di Sergio Zazzera   In senso proprio, a Napoli il cuóppo è il cartoccio a forma di cono capovolto; in...
continua...
“PROCIDA ‘900”   Martedì 15 maggio 2018, alle ore 17.30, nell’aula “Massimo Della Campa” (4° piano) della Fondazione Humaniter (piazza Vanvitelli, 15 –...
continua...
L’IMBUSTATO   di Luigi Rezzuti   Fin da ragazzo Ernesto aveva sempre sofferto con dolori alla schiena e tutti gli dicevano che ciò era dovuto ad un...
continua...

Parlanno 'e poesia

 

di Romano Rizzo

 

Antonino Alonge

(Palermo, 20 settembre 1871 - Milano, 13 agosto 1958).

Poeta e giornalista, visse a Napoli solo gli anni dalla fanciullezza alla gioventù, ma può essere, senz'altro, considerato napoletano d'adozione...perchè anche da lontano non dimenticò mai Napoli e ad essa dedicò la sua produzione poetica.

Come giornalista lavorò al Don Marzio, al Mattino, al Giornale di Sicilia, a l'Ora, infine al prestigioso Corriere della Sera.

A soli 17 anni pubblicò la sua prima raccolta di poesie dal titolo “Cusarelle”, in cui la prima poesia dallo stesso titolo, funge da prefazione. In essa l'autore paragona i suoi versi a " mbolle 'e sapone" ed invita il lettore a " lassarle vulà!". Dopo essersi trasferito a Milano, nel 1934, dedicò a Napoli, sua città adottiva, il secondo volume di versi dal titolo “Pennellate Napoletane”, in cui inserì di nuovo come prefazione la poesia “Cusarelle” ed aggiunse alcune sue validissime riflessioni e considerazioni sulla poesia dialettale.

Nel 1952, infine, sempre alla sua amata e lontana città, dedicò il suo ultimo libro dal titolo " Aria di Napoli" impreziosito da una lettera di consenso di Benedetto Croce. In questo volume, oltre ai suoi versi, pubblica una " Scorribanda nostalgica " in cui, con il suo accattivante stile, illustra con garbo ed eleganza i suoi rapporti con la poesia napoletana del suo tempo e riassume le sue esperienze da giornalista, vissute con Scarfoglio ed Albertini.

I suoi versi in napoletano che ricevettero le lodi ambitissime di Ferdinando Russo e Roberto Bracco, meritano, a parere di chi scrive, la sua collocazione tra le più alte espressioni della poesia napoletana, come spero possa testimoniare la poesia che segue, garbatamente scherzosa.

 

 ’O marito ce vuleva

(di Antonino Alonge)

 

 Mmiez’a ll’albere cchiù belle

ce n’era uno int’’o ciardino

chino ’e sciure a mazzetielle,

tutte russe, a fforma ‘e stelle,

ogne sciore nu rubbino!

Credo fosse int’a ll’estate,

pecchè, po, venuto vierno,

ncopp’’e rame già sfrunnate,

ce crescevano ’e ggranate,

verde ’a fora e ’a dinto ’o ’nfierno!

 E, si buono ce penzate,

è succieso ’a stessa cosa

pure a vvuje, gioja d’’o frate,

pecchè vuje, dint’a ll’estate,

me parivano na rosa.

Po’, ve site mmaretata

e cagnasteve nu poco;

quanno ’a rosa è spampanata,

se capisce, è cchiù priggiata,

bella e ardente comm’’o ffuoco.

 Na resella malandrina,

cierti mmosse ammartenate,

’a sciurdezza ’e na riggina

e ’a ducezza ’e ll’uva spina

si redite e si…parlate…

Site fatta pe ffà ammore!

(E ’o marito è comm’a uno

ca è trasuto add’’o trattore,

isso ‘a dinto e i’ stongo fore,

isso magna e i’ sto dijuno!)

Si, però, tenite a mmente,

si ve tratta malamente

e ss’avesse ’nsuperbì..

vuje..teniteme presente

ca i’ so’ pronto a vve servì!!

(Marzo 2018)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen