NEWS

Parlanno ‘e poesia 8   di Romano Rizzo   Gennaro Esposito Una delle più dibattute teorie sull’arte e la poesia è certo quella relativa al ruolo che...
continua...
IL BUSINESS DEL “COCCO BELLO”   di Luigi Rezzuti   Come in ogni stagione estiva, le spiagge della nostra penisola sono invase da venditori ambulanti...
continua...
UNA ESTATE IN FAMIGLIA   di Peppe Iannicelli   Quando le estati fanciulle finiscono è sempre troppo presto. E raramente abbiamo saputo apprezzarle...
continua...
LA COMUNITA’ EBRAICA DI NAPOLI E IL PREGIUDIZIO ANTISIONISTA   Riceviamo e pubblichiamo La Comunità ebraica di Napoli esprime la propria indignazione...
continua...
La morte di G.B. Vico fra corsi e ricorsi   di Antonio La Gala   Giambattista Vico, oltre alle lezioni di storia alta, con le sue opere, ci ha...
continua...
OPERAZIONE SAN GENNARO   di Sergio Zazzera     Non è del film di Dino Risi che intendo occuparmi, bensì della recente vicenda del decreto del...
continua...
"CONCERTO PER ARCHI E FILI D'ERBA"  
continua...
Estate a Vietri sul Mare   Lunedì 16 luglio: Guglielmo Gugliemi Academic Ensemble Contemporary Jazz Project Martedì 17 luglio: Cleopatra di...
continua...
PER TOTO'     (Maggio 2017)
continua...
MILLE VOCI PER AMATRICE   di ANNAMARIA RICCIO   Il cuore della D’Ovidio Nicolardi questa volta batte per Amatrice. Un concerto al cinema Plaza lo...
continua...

Miti napoletani di oggi.64

LA “CITTA' IMPERMEABILE”

 

di Sergio Zazzera

 

Walter Benjamin elaborò per Napoli la definizione di «città porosa», nel senso della porosità che si trasmette all’architettura dal tufo, materiale principe della sua realizzazione, almeno ai suoi tempi, e da quella alla società cittadina.


A sua volta, Zygmunt Bauman ha individuato le caratteristiche della modernità e della postmodernità nello stato solido e in quello liquido della società: tutto ciò che appariva ben definito, nitido, nella società moderna, viceversa, è sempre rimodellabile in quella postmoderna.

La domanda che, a questo punto, «sorge spontanea» – per dirla con Antonio Lubrano – è: ma la Napoli di oggi è città “liquida” o “porosa”?

A ben guardare, Napoli ha, innanzitutto, una buona capacità di assorbire sé stessa, il che costituisce un ottimo mezzo per assicurarle la sopravvivenza, il che farebbe pensare a una sua porosità. Per un altro verso, però, essa ha la capacità di adattarsi alle situazioni, di assumere «la forma dell’acqua» –  avrebbe detto Andrea Camilleri –, ovvero, come dicono i napoletani “veraci”, mette addó scenne. Il che, poi, mi fa pensare che oggi non potrebbe mai ripetersi una rivoluzione come quella di Masaniello, o come quella del 1799, e tanto meno una rivolta come quella delle Quattro giornate. Dunque, essa potrebbe anche essere liquida.

Tuttavia, per rendere più facilmente comprensibile la situazione, credo che per Napoli sia preferibile ricorrere alla definizione di “città impermeabile”, che si fa scivolare addosso qualsiasi avvenimento, senza preoccuparsene minimamente. In casi come questo, c’è chi dice che così si campa cento anni; ma io poco ci credo.

(Luglio 2018)

Le lettere di Sua Maestà

 

di Antonio La Gala

 

La corrispondenza che Ferdinando I Borbone  indirizzava alla seconda moglie, Lucia Migliaccio, duchessa di Floridia, negli anni attorno al 1820, evidenzia interessanti aspetti della personalità del sovrano.

Ferdinando, quando era lontano da Lucia, le scriveva quasi ogni giorno, ma si tratta di una corrispondenza che per la verità nulla aggiunge alla letteratura e alla storiografia, perché per lo più si compone di lettere uniformi e scialbe nel contenuto. Il re le dettava ad un segretario in dissidio con l'ortografia, limitandosi ad apporre la firma. Raccontavano della selvaggina abbattuta, di cui egli spediva scelti capi in Floridiana; di perdite e vincite al gioco, di cui inviava una parte a Lucia ("i nostri interessi di gioco non vanno bene, la prima sera perdemmo 14 pezze e jeri 12, questa sera speriamo aver migliore fortuna"); degli acciacchi della vecchiaia, la tosse e il catarro, la podagra, la "cacarella" (sic), del piatto del giorno, di fatti domestici, e anche di problemi intestinali e altre sciocchezzuole.

Il monarca scriveva da Resina augurandosi che a Lucia avesse "fatto effetto la purga di olio di ricino" e da Lubiana per informarla che "ad Udine mi venne la cacarella motivo per cui non andai a teatro". La poco protocollare “sincerità”, anche in pubblico, con cui il “Re Lazzarone” amministrava le varie funzioni del suo regale intestino, ha lasciato una ricca aneddotica.

"Cara Lucia, cattiva nottata ho passata per motivo dei nervi che mi tiravano da tutti i versi, la mattinata però non è cattiva essendo bastantemente divertito con i beccafichi; e te ne mando venti presi colle reti, unitamente a buoni frutti". Da Caserta faceva sapere che "alle sette e mezza siamo andati a vedere pesare la Caccia di ieri. Questa faccenda è durata fino alle nove e mezza, essendoci delli animalucci che meritavano esser visti e rivisti, e poi si sono accomodati in modo che spero arrivino in buono stato quelli che arrivano a Napoli. Mi sono sbarbizzato, vestito, fatta la distribuzione della Caccia, intesa la seconda Messa alle undici e poi incominciato a scrivere questa.......Dal rapporto del Porto ho inteso l'arrivo della filuca dove è imbarcato il Leone che mi avvisi arrivato e che spero possa far bene compagnia alla bella Leonessa".   

Da Lubiana comunicava che "sabbato (sic) 13 finalmente dopo di averti scritto mi riuscì di uscire prima di mezzogiorno a fare un caminata (sic) a piedi. Poi pranzai con i Sovrani. Il resto del dopo pranzo che qui è brevissimo (era inverno n.d.a.) e la serata applicai, alla fine giocai un poco, ed alle dieci mi coricai". Lamentava poi che il Duca di Modena, "giunto all'Avemaria", aveva girato in carrozza per  "godere i lumi della città, ma siccome non me ne fece saper niente, così io rimasi in casa. La notte dal 13 al 14 dormii mediocremente e prima delle sei mi alzai".

Interessanti sono anche le espressioni con cui Ferdinando usava aprire e chiudere  le sue epistole. "Cara Lucia mia; Cara e adorata Lucia; Lucia Carissima; Mia Cara e Buona Lucia; Mia sempre più cara Lucia".

"Tuo affezzionatissimo (sic) Compagno Ferdinando; ti abbraccio teneramente; ti abbraccio a tutto cuore; sono il tuo affezzionatissimo Compagno che ti ama teneramente". Spesso si firmava " il tuo papasso".

Questa corrispondenza ci presenta un lato umano del personaggio Ferdinando, di cui però non va dimenticato che fra una lettera ed un'altra, in quegli anni, Ferdinando concedeva una Costituzione giurandone l'osservanza più volte sul Vangelo per poi tradirla; che nel contempo si dava un gran da fare per mandare a morte, in  prigione e in esilio Carbonari, liberali e oppositori vari. E mostra anche di che cosa s'interessava maggiormente il sovrano che era responsabile del governo di mezza Italia: la caccia ai beccafichi.

(Giugno 2018)

Miti napoletani di oggi.63

NAPOLI

 

di Sergio Zazzera

 

Sono cinque anni, ormai, che sto dedicandomi all’individuazione e alla descrizione dei miti napoletani contemporanei e, qualche giorno fa, ho fatto una riflessione: in realtà, la Napoli di oggi è, essa stessa, un mito di sé medesima. Non dimentichiamo che il mito equivale a falso linguaggio e, dunque, guardiamola un po’.

Le strade sconnesse e piene di buche: ma da quanto tempo mancate da Roma?

I vigili urbani divenuti merce rara: ma da quanto tempo mancate da Roma?

I trasporti pubblici in perenne disfunzione: ma da quanto tempo mancate da Roma?

La criminalità organizzata sempre fiorente: ma da quanto tempo mancate da Roma, o da Milano, o da Torino, o dall’Emilia, o dal Veneto?

La crisi politico-amministrativa: ma avete mai girato l’Italia, negli ultimi tempi?

Il dissesto geologico: e no, qui devo raccontarvene una, che comincia oltre una quarantina d’anni fa. Lungo “quel ramo del lago di Como che volge a mezzogiorno”, sorse un orrendo villaggio, che si proponeva come “la Las Vegas italiana”. Si chiamava Consonno, era una frazione del comune di Olginate, e per realizzarlo furono spianate, addirittura, alcune collinette. Dunque, ciò che rimaneva non tardò a sbriciolarsi e oggi di Consonno rimane soltanto un cumulo di macerie. E non eravamo a Napoli.

L’ultima, infine, la conoscete tutti, però voglio dirvela ugualmente. Mi riferisco al napoletano derubato a Capri da due turisti tedeschi. A Napoli si dice: è gghjiuto ‘o ccaso ‘a sotto e ‘e maccarune ‘a coppa.

(Giugno 2018)

Miti napoletani di oggi.62

L’EXTRACOMUNITARIO

 

di Sergio Zazzera

 

Il fenomeno dell’immigrazione, soprattutto dai paesi africani, è divenuto sempre più incalzante, nel tempo, e un gran numero di costoro si è radicato proprio a Napoli, città la cui gran parte della popolazione non si può dire che nuoti nell’oro. Ciò ha determinato una vera e propria “guerra tra poveri”, alimentata da una ben precisa parte politica, che vi trova un proprio tornaconto altrettanto ben preciso, instillando nell’opinione comune l’idea/mito dell’“extracomunitario che ruba il lavoro”.

Eppure, per abbattere il mito, è sufficiente guardarsi intorno. Una parte di costoro, infatti, svolge attività lecite – dalla collaborazione domestica all’assistenza ad anziani e ammalati, giusto per citare gli esempi più consistenti ed evidenti –, spesso in condizioni di soggiorno legale e altrettanto spesso nell’approfittamento da parte dei datori di lavoro, i quali istituiscono il rapporto “in nero”, in violazione di quel diritto all’equa retribuzione, che, oltre a essere riconosciuto dalla Costituzione, costituisce anche un dovere imposto, quanto meno ai cristiani, dal Catechismo di Giovanni Paolo II, che ha sostituito tale formula a quella della «frode nella mercede agli operai», prevista dal Catechismo di Pio X. Senza dire che le attività che costoro svolgono sono, per lo più, respinte, come sgradite, dall’offerta di manodopera locale, dal che discende che nessun “furto di lavoro” si verifica.

Un’altra parte degl’immigrati extracomunitari, poi, è evidente oggetto d’“importazione” neoschiavistica, mediante accordi con gli “esportatori” d’oltremare, da parte della criminalità organizzata, che ne programma anche la destinazione: è evidente, infatti, che l’uomo di colore che esercita la vendita ambulante di fazzoletti o di accendini di qualità scadente, al pari di quello che chiede l’elemosina ai cantoni delle strade, devono rendere conto al “caporale” al termine della giornata. Del resto, il personaggio Jeremy Pitchum non è affatto un’invenzione della fantasia di Bertolt Brecht, così, come non è affatto vero che il fenomeno della schiavitù sia relegato oggi soltanto all’interno del Continente nero: ormai, è cosa di casa nostra.
(Maggio 2018)

Ferdinando aveva due Sicilie

 

di Antonio La Gala

 

Perché i Borbone erano re di Due Sicilie, visto che esiste una sola Sicilia?

Per capirlo bisogna partire dall’anno 1139, quando i Normanni unificarono tutto il sud d’Italia, Sicilia compresa, in un solo Stato, chiamato Regno di Sicilia, perché aveva capitale Palermo.

Carlo d’Angiò nel 1282 perse la Sicilia, ribellatasi con i Vespri siciliani, conservando solo la parte continentale del regno, per cui da quell’epoca dovrebbe parlarsi di un regno di Napoli distinto da quello di Sicilia. Gli Angioini, però, sperando in una riconquista, pur dopo aver portato la capitale a Napoli, continuarono a chiamarsi Re di Sicilia, persino dopo che, nel 1372, con un trattato rinunciarono definitivamente all’isola.

Dopo i Vespri Siciliani la sola Sicilia era passata agli Aragonesi.

Quando Alfonso d’Aragona nel 1443 subentrò agli Angioini nel governo della parte continentale del sud d’Italia, riunì in sé, ma solo come persona, le due corone aragonesi dei due Stati diversi – quello di Palermo e quello di Napoli, chiamato ancora di Sicilia – e assunse perciò il titolo di Re delle Due Sicilie.

Una corona era quella della del regno dell’isola, l’altra era quella del regno continentale ma ancora chiamato di Sicilia, tolto agli Angioini

Alla sua morte (1458) l’unità di tutto il Sud, almeno sotto la stessa persona, si spezzò di nuovo, diviso fra isola e continente, in due diversi regni rimasti divisi anche nel periodo del viceregno spagnolo, fino a quando, quasi tre secoli dopo, Carlo III di Borbone riassunse in sé un’altra volta, lo scettro dei due regni, ma solo come persona, diventando pure lui Re delle due Sicilie, e conservando la reciproca autonomia dei due regni.

Con il congresso di Vienna del 1815 Ferdinando, ex Ferdinando IV come Re di Napoli ed ex Ferdinando III come Re di Sicilia, quando tornò a Napoli dopo le due fughe in Sicilia, prima cacciato dai Giacobini nel 1799 e poi dai Francesi napoleonidi nel 1805, riconosciuto re complessivo dello Stato che comprendeva tutto il sud, fu ribattezzato Ferdinando I Re delle Due Sicilie.

Trasversalmente alle accennate vicende di separatezza fra Napoli e Palermo, va notato che, in linea di massima, i Siciliani in passato mal sopportavano la dipendenza da Napoli nelle fasi storiche in cui ne dipendevano, circostanza che fece progettare a Garibaldi lo sbarco in Sicilia, per conquistare il Sud, piuttosto che lungo le meno distanti coste tirreniche. In effetti in Sicilia, a parte le perdenti sparatorie dell’esercito regolare borbonico, poté raccogliere truppe di entusiasti volontari isolani da aggiungere al manipolo dei Mille per marciare contro Napoli.

(Maggio2018)

Miti napoletani di oggi.61

IL "DIVARIO TRA LE CLASSI SOCIALI"

 

di Sergio Zazzera

 

 

Mai come a Napoli si è fatto registrare in maniera tanto marcata un conflitto tra quelle che si continua a chiamare “classi sociali”. Soprattutto negli ultimi tempi, poi, la sua estensione alle generazioni più giovani è dilagata a macchia d’olio: aggressioni, agguati, risse con ferimenti, costituiscono il pane quotidiano per i cronisti di “cittadina”.

Proprio traendo lo spunto da questi ultimi episodi, ma generalizzando il riferimento, di recente qualcuno ha voluto ricondurre l’origine di tale divario agli avvenimenti del 1799; ed è proprio questo il mito, dal momento che credo che tale origine debba essere retrodatata di un buon secolo e mezzo.


Che Vincenzo Cuoco medesimo avesse colto, all’esito del fallimento della breve stagione repubblicana di Napoli, l’errore di non avere coinvolto nella rivoluzione il popolo, è cosa fin troppo nota. Non dev’essere trascurato, però, il fatto che, già nel 1647 – vale a dire, ai tempi di Masaniello –, la “respublica dei togati”, cui avevano dato vita Giulio Genoino e il suo entourage, aveva strumentalizzato il ceto popolare, attraverso la sua “punta di diamante”, costituita da Tommaso Aniello d’Amalfi, del quale essa si era servita come longa manus, scaricandolo appena le cose si misero in un certo modo.

Mi sembra, dunque, che fin da quel più remoto momento il popolo napoletano (quello vascio) ne abbia avuto ben donde, per assumere certi atteggiamenti; i quali, tuttavia, rimangono in ogni caso assolutamente ingiustificabili.

(Aprile 2018)

L’antica chiesa di S. Gennariello

 

di Antonio La Gala

 

La chiesa più antica del Vomero è quella di S. Gennariello, in Via Cifariello, più nota come “Piccola Pompei”, dal quadro che sta all’interno, dipinto nel 1945 da un frate. Alla Vergine di Pompei è dedicata anche l’edicola esterna del 1946.

Per inciso, esprimiamo il modestissimo parere che la precedente intitolazione della strada in cui essa sorge, via S. Gennariello, era più storicizzata e più aderente, rispetto a quella attuale, che non presenta alcun legame tra lo scultore e la strada.

Le prime notizie certe che abbiamo di questa Chiesa risalgono ad un atto privato, databile attorno al 1.100 in cui, per indicare i confini di un terreno limitrofo, si legge che esso confinava “cum Ecclesia Sancti Januarii”.

La chiesa subì trasformazioni radicali nel 1513 e, di minore entità, alla fine del Seicento. Nel 1771, chiesa e dintorni passarono ai monaci cistercensi, che vi costruirono una loro casa di campagna, considerata l’allora gran quiete circostante e la salubrità dell’aria. A fine Settecento, i Cistercensi dettero al tempio l’aspetto attuale. La chiesa, a pianta centrale sotto una cupola bassa, sebbene sia di piccole dimensioni, presenta all’interno un certo senso di movimento. I monaci furono estromessi,  una prima volta, da Murat, nel 1807. Dopo la restituzione, la Chiesa e il convento, nel 1821, passarono ai frati minimi conventuali e la Chiesa divenne parrocchia succursale della chiesa di S. Maria del Soccorso all’Arenella, all’epoca unica parrocchia per il Vomero e l’Arenella. Nel 1866 essa fu sottratta nuovamente ai frati che, dopo varie peripezie, fra cui il riacquisto della chiesa nel 1920, sono tornati ad esserne padroni, con i minori Antoniani.

Nel 1884 divenne parrocchia del Vomero ed in tale veste vi si trasferirono nel 1897 i reperti provenienti dalla demolizione dell’antica cappella Vacchiano di Antignano, dedicata a S. Gennaro, fra cui una Testina di marmo, forse del Quattrocento, che fu collocata all’esterno, sulla porta centrale, fino a quando, nel 1941, fu trasferita nel monumentino di piperno che sta vicino alla Basilica di Via S. Gennaro al Vomero.

Nel 1974 il tempio subì rilevanti trasformazioni e, nel 1976, il sotterraneo, usato per tanti secoli come cimitero, fu adibito a sala per riunioni.

La Chiesa conserva tele, arredi, sculture ed oggetti vari, databili dal Settecento a metà del Novecento, una lapide marmorea, datata 1707, proveniente  dalla demolizione della Cappella Vacchiano, e una lapide, datata 1513, forse di epoca successiva, che attesta che una pietra posta lì vicino è la pietra su cui furono deposte le spoglie di S. Gennaro durante la sosta del corteo ad Antignano, nel corso della traslazione da Pozzuoli a Capodimonte.

Sulla facciata, a sinistra, in basso, una pietra recuperata di epoca romana, esposta al pubblico vandalismo, testimonia l’antichità della chiesa.

(Marzo 2018)

Miti napoletani di oggi.60

ELENA FERRANTE

 

di Sergio Zazzera

 

Ora dico una banalità. La storia e il mito sono entrambi prodotti dell’uomo: la prima, della sua azione; il secondo, del suo pensiero.

Perché la dico, è presto spiegato: da alcune settimane, il periodico L’Espresso sta pubblicando una serie d’interventi di scrittori e critici letterari sul “fenomeno” Elena Ferrante; fenomeno, sul quale i pareri espressi sono i più disparati. Uno di essi, però, mi ha colpito, in maniera particolare, perché è quello col quale avverto maggiore sintonia.

Si tratta dell’intervento di Paolo Di Paolo, il quale, in estrema sintesi, stigmatizza il fatto che la scrittrice (o lo scrittore?) si celi dietro una sorta di muro – o di paratia –, che impedisce di conoscerne la reale identità.

Ecco, dunque, emergere il mito, che (absit iniuria verbis) è la trasposizione contemporanea di quello di Pulcinella, vale a dire, di un personaggio che si nasconde dietro a una maschera. Ora, non voglio dire che ad averne determinato il successo sia stata proprio questa sorta di mistero, ma non mi sentirei di escludere che il suo contributo essa lo abbia dato, se non altro, a quella parte di pubblico ch’è più disposta a subire il “fascino dell’ignoto”.

Ebbene, io non appartengo a quella parte di pubblico: non leggo la Ferrante, perché m’interessa la storia, non il mito, se non quando (e non è il nostro caso) esso spiana la strada alla storia. Né mi si obietti che sono tanti gli scrittori (e non soltanto essi) che ricorrono allo pseudonimo, ch’è cosa assolutamente diversa: si sa, infatti – e per citare uno degli esempi più conosciuti – che la reale identità di Aldo Palazzeschi è quella di Aldo Giurlani o che quella di Vincenzo Cardarelli è quella di Nazareno Caldarelli. Si tratta, però, in entrambi i casi – al pari di tanti altri –, di personalità che non hanno celato il loro volto dietro a una maschera. Eppure, il loro successo lo hanno ugualmente ottenuto.

(Marzo 2018)

Parlanno 'e poesia

 

di Romano Rizzo

 

Antonino Alonge

(Palermo, 20 settembre 1871 - Milano, 13 agosto 1958).

Poeta e giornalista, visse a Napoli solo gli anni dalla fanciullezza alla gioventù, ma può essere, senz'altro, considerato napoletano d'adozione...perchè anche da lontano non dimenticò mai Napoli e ad essa dedicò la sua produzione poetica.

Come giornalista lavorò al Don Marzio, al Mattino, al Giornale di Sicilia, a l'Ora, infine al prestigioso Corriere della Sera.

A soli 17 anni pubblicò la sua prima raccolta di poesie dal titolo “Cusarelle”, in cui la prima poesia dallo stesso titolo, funge da prefazione. In essa l'autore paragona i suoi versi a " mbolle 'e sapone" ed invita il lettore a " lassarle vulà!". Dopo essersi trasferito a Milano, nel 1934, dedicò a Napoli, sua città adottiva, il secondo volume di versi dal titolo “Pennellate Napoletane”, in cui inserì di nuovo come prefazione la poesia “Cusarelle” ed aggiunse alcune sue validissime riflessioni e considerazioni sulla poesia dialettale.

Nel 1952, infine, sempre alla sua amata e lontana città, dedicò il suo ultimo libro dal titolo " Aria di Napoli" impreziosito da una lettera di consenso di Benedetto Croce. In questo volume, oltre ai suoi versi, pubblica una " Scorribanda nostalgica " in cui, con il suo accattivante stile, illustra con garbo ed eleganza i suoi rapporti con la poesia napoletana del suo tempo e riassume le sue esperienze da giornalista, vissute con Scarfoglio ed Albertini.

I suoi versi in napoletano che ricevettero le lodi ambitissime di Ferdinando Russo e Roberto Bracco, meritano, a parere di chi scrive, la sua collocazione tra le più alte espressioni della poesia napoletana, come spero possa testimoniare la poesia che segue, garbatamente scherzosa.

 

 ’O marito ce vuleva

(di Antonino Alonge)

 

 Mmiez’a ll’albere cchiù belle

ce n’era uno int’’o ciardino

chino ’e sciure a mazzetielle,

tutte russe, a fforma ‘e stelle,

ogne sciore nu rubbino!

Credo fosse int’a ll’estate,

pecchè, po, venuto vierno,

ncopp’’e rame già sfrunnate,

ce crescevano ’e ggranate,

verde ’a fora e ’a dinto ’o ’nfierno!

 E, si buono ce penzate,

è succieso ’a stessa cosa

pure a vvuje, gioja d’’o frate,

pecchè vuje, dint’a ll’estate,

me parivano na rosa.

Po’, ve site mmaretata

e cagnasteve nu poco;

quanno ’a rosa è spampanata,

se capisce, è cchiù priggiata,

bella e ardente comm’’o ffuoco.

 Na resella malandrina,

cierti mmosse ammartenate,

’a sciurdezza ’e na riggina

e ’a ducezza ’e ll’uva spina

si redite e si…parlate…

Site fatta pe ffà ammore!

(E ’o marito è comm’a uno

ca è trasuto add’’o trattore,

isso ‘a dinto e i’ stongo fore,

isso magna e i’ sto dijuno!)

Si, però, tenite a mmente,

si ve tratta malamente

e ss’avesse ’nsuperbì..

vuje..teniteme presente

ca i’ so’ pronto a vve servì!!

(Marzo 2018)

La Posillipo di Virgilio

 

di Antonio La Gala

 

 

Il grande poeta Publio Virgilio Marone ebbe il primo contatto con Napoli quando decise di studiare presso il filosofo epicureo Sirone, nel cui hortus posillipino rimase fino al 42 a.C.

Quando poi il poeta, in occasione dei contrasti civili che in quel periodo agitarono la vita politica dei Romani, perse le proprietà nella sua natìa Andes, vicino Mantova, distribuite da Ottaviano ai suoi sostenitori, decise di stabilirsi nella villa di Sirone, con la famiglia.

In seguito la villa divenne sua. In quella circostanza scrisse: “…piccola villa che fosti di Sirone, e tu campiello che per quel tuo padrone rappresentavi la ricchezza, io vi raccomando me stesso e questi che son con me ch’io sempre amai…”.

Il soggiorno in quell’angolo di paradiso, affacciato sul mare e baciato dal sole, non spense in lui la nostalgia del luogo natio, ma gli accese la fantasia di poeta. Fu nel periodo napoletano che pubblicò le “Ecloghe”, che lo lanciarono come poeta sull’affollata piazza di Roma e presso Mecenate.

A Roma gli fu donata una bella casa all’Esquilino, ma Virgilio, a cui era rimasta nell’animo la campagna, preferiva vivere nella sua casa di Posillipo, dove fra il 37 e 30 a.C., compose i quattro libri delle “Georgiche”.

Quando Augusto, che si trovava ad Atella per curare un mal di gola, sentì Virgilio recitargli i versi di quest’opera, rimase così entusiasta che lo nominò poeta dell’Impero e gli ordinò di scrivere un poema che magnificasse l’Impero romano. Nacque così l’”Eneide”.

Per verificare sul campo i luoghi descritti in questo suo poema, Virgilio prese a girarli.

Si recò allora in Grecia, ma qui si ammalò e nel viaggio di ritorno morì, a Brindisi, il 21 settembre del 21 a. C. Prima di morire dispose che il suo corpo fosse portato a Napoli.

La leggenda racconta che dettò anche la famosa epigrafe “Mantua me genuit…tenet nunc Partenope”.

La tradizione popolare vuole che la casa e la tomba di Virgilio si trovassero in un luogo detto “La Gajola”, dove alcuni ruderi vengono indicati come “la scuola di magia di Virgilio”. Qui notiamo che su “Virgilio mago”, nel Medio Evo, a Napoli circolavano molte leggende e si riteneva che più volte fosse intervenuto per risolvere situazioni difficili della città.

Riteniamo di scarsa attendibilità l’ubicazione della tomba del poeta vicino alla Cripta Neapolitana, nel parco virgiliano di Piedigrotta, perché a quei tempi quel luogo era destinato alle sepolture di massa di gente comune ed è poco credibile che Virgilio, uomo che godeva di alto prestigio e dell’amicizia dei potenti, fra cui addirittura dell’imperatore, fosse disperso fra quelle sepolture umili.

In ogni caso un epigramma di Marziale ci fa sapere che casa e tomba di Virgilio furono acquistate da Silio Italico.

(Marzo 2018)

Miti napoletani di oggi.59

LE INAUGURAZIONI

 

di Sergio Zazzera

 


28 marzo 2011: al Vomero, in località Cacciottoli, si svolge, con grande solennità, la cerimonia di presentazione (quasi una inaugurazione) del parco agricolo urbano del Gasometro (nella foto), intitolato a Carmine Minopoli, agronomo vomerese suicidatosi quando gli fu espropriato il terreno a monte di via Tasso. Da quel momento, del parco non si è saputo più nulla.

14 marzo 2015: a Ponticelli ha luogo la cerimonia d’inaugurazione della prima unità dell’Ospedale del Mare. Soltanto in epoca recentissima l’importante struttura sanitaria ha cominciato a funzionare e si è tuttora in attesa dell’apertura completa.

24 gennaio 2018: alla Riviera di Chiaja si inaugura la stazione “San Pasquale” della linea 6 della Metropolitana, finora non raggiunta dai treni della linea stessa.

Il mito: innanzitutto, la prossimità di tutti questi episodi a consultazioni elettorali ne lascia intendere chiaramente la finalità. D’altronde, poi, la definizione del verbo «inaugurare», fornita dai vocabolari, corrisponde a «solennizzare con cerimonia civile, o civile e religiosa insieme… l’apertura all’uso di un’opera pubblica e sim<ili>». Dunque, più falso linguaggio di così…

(Febbraio 2018)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen