NEWS

Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   Gli Ipocriti AL TEATRO DIANA     Al teatro Diana, da mercoledì 27 aprile, “Gli Ipocriti” presenta...
continua...
Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica Mutaverso Teatro - Il paradiso degli idioti     Per la stagione Mutaverso Teatro di ErreTeatro, a cura...
continua...
UNA PIATTAFORMA AIUTA A SCEGLIERE IL FUTURO   di Annamaria Riccio   Nato dal progetto sociale Parole O_Stili, di sensibilizzazione nella scelta del...
continua...
Guglielmo Chianese, in arte Sergio Bruni   di Luigi Rezzuti   Sergio Bruni nasce a Villaricca il 15 settembre del 1921 e muore il 22 giugno del 2003,...
continua...
Il Risveglio      di Mariacarla Rubinacci      Apro la finestra, la luce mi abbaglia. Sì. Si comincia daccapo. E allora, via con il programma, sì,...
continua...
Miti napoletani di oggi. 77 LA “SANT'ORSOLA” DI CARAVAGGIO   di Sergio Zazzera   Fiore all’occhiello della sede napoletana delle “Gallerie...
continua...
Riceviamo e pubblichiamo   L’ Associazione lucana “Giustino Fortunato” è lieta di comunicare che, in occasione della collocazione del proprio...
continua...
La musica al tempo del Coronavirus #IoRestoACasaMo   a cura di Marisa Pumpo Pica   Maurizio Casagrande, insieme a tanti amici artisti, ha voluto...
continua...
GIANPIERO VENTURA, ALLENATORE DELLA NAZIONALE DI CALCIO ITALIANA   di Luigi Rezzuti   Gianpiero Ventura nasce il 14 gennaio del 1948 a...
continua...
Come fu creata Eva   di Luigi Rezzuti     Fu tutta colpa della depressione di Adamo, il quale, non essendo contento di trovarsi nel Paradiso...
continua...

Il NAPOLI IN RITIRO A VAL DI SOLE

 

di Luigi Rezzuti

 


Siamo felici di tornare in Trentino, sarà un ritiro pieno di sorprese per i nostri tifosi” così il patron partenopeo Aurelio De Laurentiis ha presentato il ritiro del Napoli a Dimaro Folgarida dal 9 al 19 luglio.

Con il presidente De Laurentiis c’era il vicepresidente Edo De Laurentiis, il Tecnico azzurro Luciano Spalletti, Maurizio Rossini (Ceo Trentino Marketing), Marco Katzemberger (Vicepresidente APT Val di Sole ed Assessore al Turismo del Comune di Dimaro Folgarida) e Nadia Ramponi Assessore allo Sport e grandi eventi del Comune di Dimaro Folgarida.

Sarà un momento di incontro importante che si ripete da 12 anni in Trentino – ha detto Aurelio De Laurentiis – la scorsa stagione avemmo circa 70mila tifosi che hanno seguito il ritiro nonostante la pandemia. Quest’anno avremo finalmente la possibilità di ospitare oltre 1000 persone sulle tribune, in un clima finalmente normalizzato. Senza più limitazioni e distanziamenti organizzeremo anche un accurato programma di divertimento per i tanti appassionati che seguiranno la squadra. Torneranno gli appuntamenti con le serate di festa in piazza. Ci saranno due amichevoli estive, ma quest’anno al di là del ritiro dobbiamo anche pensare alla sosta invernale per i mondiali. Quindi organizzeremo qualcosa anche attraverso la Lega per poter tenerci in attività ed essere pronti per la ripresa del campionato”.


Subito dopo ha preso la parola Edo De Laurentiis: “La Val di Sole per noi è una grande famiglia e Dimaro ormai appartiene idealmente alla Regione Campania – oltre all’attività sportiva c’è una grande attrattiva per la gastronomia e il sano divertimento. Per noi è sempre un grande piacere trascorrere il ritiro in un posto che riteniamo ormai familiare e parte della nostra storia”.

La parola è passata a Maurizio Rossini: “Grazie per questa splendida ospitalità a nome del Trentino e della Val di Sole: è il dodicesimo anno con il Napoli in ritiro ed è un onore. Quest’anno ci sarà clima di maggior tranquillità dopo la scorsa esperienza della Pandemia. Abbiamo tante novità per i nostri turisti e pe accogliere tanti tifosi azzurri per riservare molte gradite sorprese e attività in modo che siano 10 giorni di serenità e salute. E ci sarà anche grande spazio per le famiglie e i bambini in assoluta sicurezza”.

E’ intervenuto anche Marco Katzemberger che ha detto: “Potremo finalmente organizzare attività ed eventi su tutto il territorio. In Val di Sole ci sono bellezze ed esperienze di trekking e bike uniche con un meraviglioso parco naturale. Ci saranno funivie e castelli legati a momenti ludici che stiamo organizzando in collaborazione con la SSC Napoli”.


Ha preso la parola Nadia Ramponi: “Avremo degli animatori sul territorio per sviluppare tante attività per i bambini che saranno seguiti continuatamente. Ci saranno anche piste di sci dedicate ai più piccoli e dei campi di calcio per i ragazzi”

Infine, è intervenuto alla presentazione del ritiro in Val di Sole l’allenatore Luciano Spalletti: “Fare la preparazione in Trentino ci permette di lavorare davanti un panorama mozzafiato. Le Dolomiti saranno la nostra colonna sonora con suoni e ambientazioni fantastiche. Troveremo una organizzazione accurata in oni piccolo particolare. Ci sono le condizioni climatiche ideali sia per allenarsi che per riposare bene la notte anche grazie al torrente Noce che aiuta il recupero fisico. Oltretutto l’albergo è molto vicino al campo di allenamento e questo è un aspetto molto importante. Il ritiro è molto importante per preparare la base atletica e rodare il motore psico-fisico della stagione, che poi va alimentato di volta in volta durante l’anno”.

Terminato il ritiro in Val di Sole il 19 luglio la squadra farà ritorno a Napoli per poi trasferirsi per il secondo ritiro dal 23 luglio al 6 agosto in Abruzzo e più precisamente a Castel di Sangro, dove la squadra del Napoli disputerà tre, quattro partite con squadre europee.

(Luglio 2022)

CALCIOMERCATO ESTIVO 2022

 

di Luigi Rezzuti

 


Il consiglio della Federcalcio ha votato all’unanimità  i termini di tesseramento per la prossima stagione agonistica, stabilendo le date della campagna trasferimenti.

Da venerdì 1° luglio i club avranno la possibilità di depositare i contratti di acquisti per la nuova stagione del Campionato di Serie A.si torna, quindi, a parlare di calciomercato, un periodo fondamentale per le squadre che hanno necessità di rinforzare la rosa e prepararsi nel migliore dei modi al campionato che verrà.

I club si muovono anche con qualche settimana di anticipo e ufficializzano l’affare solo successivamente.

Il termine ultimo per effettuare acquisti e cessioni è stati fissato per giovedì 1°settembre 2022.


Il Napoli, come altre società, si sono mosse in anticipo, la società partenopea si è già assicurata i primi tre colpi della stagione 2022/2023: Khivicha kvaratskhelia, anni 21, ala sinistra, per 10 milioni di euro.


 Ha riscattato Zambo Anguissa per 15 milioni e acquistato Mathias Olivera , terzino sinistro, ruolo che è stato da diverse stagioni il tormentone del calciomercato del Napoli, infatti la corsia mancina non ha quasi mai avuto pace.

Ad esempio Camillo Zuniga, durante la gestione Mazzarri aveva ottenuto ottimi risultati ma poi arrivò l’infortunio al ginocchio a rovinargli la carriera.

Prima ancora erano stati in tanti ad alternarsi in quella parte del campo e non tutti con ottimi risultati infatti pochi hanno lasciato una traccia a partire da Strinic, Dossena, Savini, Vitale e Mannini pur non convincendo appieno.

Alla fine, gli adattati Aronica e Hysaj per qualche tempo hanno tenuto fin quando, dopo l’infortunio di Ghoulam, è stato appunto Mario Rui a occupare quella posizione di campo.


Adesso, finalmente, la fascia sinistra ha Olivera pronto per dare il suo contributo essendo forte di gioventù ed esperienza in un campionato importante come la Liga.

Intanto sembra un calciomercato al risparmio, almeno per il momento.

Perché dopo una pandemia e i paletti del nuovo Financial Fair Play imposti dalla Fifa, pensare a campagne acquisti faraoniche è quasi impossibile.

Soprattutto in Italia, dove già diversi club hanno fatto di necessità virtù pescando dalla lista degli svincolati.

L’Inter ha già preso il portiere Onana e l’ex romanista Mkhitaryan, entrambi convinti dal progetto nerazzurro e dalla possibilità di giocare la Champions League.

Il Milan si è assicurato il belga Origi, attaccante ventisettenne in uscita dal Liverpool.

E ancora la Roma che ha regalato a Mourinho il serbo Matic, ormai alla fine dell’esperienza quinquennale al Manchester United.

Anche in Serie A sono tanti i giocatori liberi da vincoli contrattuali e alla ricerca di una squadra pronta a mettere sul piatto un ingaggio congruo (non essendoci costi di cartellino).

Ecco alcuni dei nomi più interessanti: Paulo Dybala, dopo aver detto addio alla Juventus, cerca l’ultimo contratto davvero importante della carriera e un club che lo metta al centro del progetto tecnico.

In Serie A la pista più calda porta all’Inter, in contatto con l’entourage del giocatore ormai da settimane.

Molto meno probabile invece l’ipotesi Roma: i giallorossi si stanno orientando su altri profili.

All’estero sulle tracce di Dybala c’è l’Atletico Madrid ma non è da escludere neanche la premier League.

Dries Mertens, il figlio adottivo di Napoli non ha trovato un accordo per il rinnovo e sembra destinati a lasciare gli azzurri dopo nove anni. il suo mentore Sarri è pronto ad accoglierlo a braccia aperte alla Lazio ma, anche in questo caso, la trattativa con Lolito non sarà delle più semplici.

Andrea Belotti. Quella appena conclusa potrebbe essere stata l’ultima stagione in granata. L’attaccante non ha ancora deciso se accettare la proposta di rinnovo avanzata dal Torino e sta aspettando la chiamata di un top club: preferibilmente Milan o Inter ma anche la Roma non è da escludere.

Alessio Romagnoli. Il difensore ha deciso di lasciare il Milan e sembra destinato a legarsi alla Lazio, un affare facilitato dalla fede biancoceleste del giocatore. A rallentare la trattativa però c’è la questione cessioni, che sta bloccando il club di Fornello: Lolito infatti non ha ancora chiuso con Romagnoli in attesa di cedere Acerbi, seguito da Inter e Juventus.

Federico Bernardeschi. L’esterno classe ’94 lascerà la Juventus e sta valutando il suo futuro. Se inizialmente le preferenze sembravano rivolte all’estero, l’offerta presentata dal Napoli ha fatto vacillare il giocatore che sta prendendo tempo.

Sul panorama europeo invece tra i profili più interessanti ci sono Pogba e Di Maria, entrambi in orbita Juventus.

Il ritorno del francese a Torino è praticamente certo mentre l’argentino, dopo aver salutato il Psg, sta valutando diverse opzioni tra cui un clamoroso ritorno in patria.

Cristensen lascerà il Chelsea ed è destinato al Barcellona: prima di tesserarlo devono risolvere alcune questioni finanziarie.

Una di queste riguarda Dembelé, che dalla catalogna dovrebbe trasferirsi proprio al Chelsea.

Lingard non proseguirà il suo percorso al Manchester United ed interessa a Milan e Roma.

Lacazette, invece, dopo aver chiuso con l’Arsenal, farà ritorno al Lione.

Possibile futuro in MLS per Luis Suarez: il Pistolero non vestirà più la maglia dell’Atletico Madrid ed è a caccia di in contratto importante.

Gareth Bale invece deve ancora decidere la sua prossima squadra, dopo aver ottenuto una storica qualificazione al mondiale in Qatar, il gallese sta valutando diverse offerte.

(Giugno 2022)

QUANTO GUADAGNA CHI VINCE LO SCUDETTO

 

di Luigi Rezzuti

 

Oltre al prestigio del trofeo, vincere la Serie A vale svariati milioni. Anche dal secondo posto in giù una posizione più alta porta ad un guadagno. Certo sollevare al cielo la coppa della serie A è un grande obiettivo dei club del massimo campionato italiano. Oltre alla coppa in bacheca da sfoggiare e contare come riconoscimento in più, c’è comunque oltre. Di fatto vincere il trofeo di una determinata stagione fa guadagnare oltre che prestigio, anche diversi milioni. Non c’è comunque una grossa differenza tra arrivare primo in Serie A e secondo, rispetto al “mero” guadagno monetario. Il vero punto forte è il proprio nome sull’albo d’oro e il trofeo da esporre nella bacheca fisica e virtuale, considerando come il divario sia di pochi milioni. Vincere la Serie A porta nelle casse del club Campione d’Italia poco più di 23 milioni di euro. Ventitre milioni e quattrocento mila euro provenienti dalla Lega per chi solleva il trofeo. Oltre a tale incasso, ci sono da considerare anche ulteriori ricavi per la qualificazione in Champions League. Questi derivano dal Market Pool, tesoretto messo a disposizione dall’Uefa: si tratta della prima parte fissa, mentre la seconda viene ripartita a seconda del piazzamento nella stagione di Champions in corso. Tra scudetto e qualificazione alla Champions, i Campioni d’Italia ottengono 33,4 milioni di euro.

La seconda in classifica non va così lontano: 26, di cui 19,4 relativamente al posizionamento in Serie A e 7,5 per il passaggio al massimo torneo europeo.

Più in basso la terza (è il caso del Napoli) 16,8 milioni dalla Lega e 5 dalla UEFA, con 21, 8 totali utili a costruire l’annata successiva.

(giugno 2022)

CALCIO NAPOLI: IL DOPO INSIGNE

 

di Luigi Rezzuti

 

Negli ultimi dieci anni la fascia sinistra ha avuto un solo ed unico padrone, Lorenzo Insigne. Il capitano del Napoli è sceso in campo per l’ultima volta davanti ai suoi tifosi nello Stadio Maradona. E’stata una giornata indimenticabile, tra la celebrazione, gli oltre 50 mila tifosi che cantavano tutti per lui, il giro dei campo post partita e le lacrime, le tante lacrime da parte dello stesso giocatore e dei supporters partenopei.

L’aspetto emotivo è fondamentale, allo stesso tempo però è importante guardare al futuro, al Napoli che verrà senza Insigne. Perché bisognerà voltare pagina, progettare e farsi trovare pronti per la nuova stagione. Qualche idea in casa Napoli c’è già per come dovrà essere occupato l’out mancino.

La soluzione più immediata e pronta è quella che porta a Hirving Lozano. Al messicano piace partire da sinistra, è un ruolo che conosce molto bene soprattutto con la nazionale e quando c’è stata la possibilità lo ha ricoperto anche con la maglia del Napoli.

Spalletti potrebbe lavorare su questa opzione, in attesa che si muova qualcosa sul mercato. A proposito di mercato, la speranza è che il primo acquisto possa esplodere fin da subito. Khvicha Kvaratskhelia, esterno difensivo classe 2001, è il primo colpo già comunicato dal presidente De Laurentiis che potrebbe ufficializzare anche Mathias Olivera ma c’è da colmare una differenza tra richiesta ed offerta. La dirigenza azzurra ha la necessità di acquistare un nuovo terzino sinistro, dopo anche l’addio di Ghoulam ormai a fine contratto. La fascia sinistra rappresenta un tabù per il Napoli, che dall’infortunio dell’algerino non è più riuscito a rafforzare il reparto. A tal proposito sono emersi numerosi nomi, oltre a quello di Olivera, anche quello di Fabiano Parisi, un giovane talento emerso nell’Empoli in questa stagione, con il quale ha collezionato 24 presenze. Classe 2000 con nazionalità italiana, si tratta di un terzino con buone prospettive di crescita che stuzzica da tempo la dirigenza. Ci sarà tanto da lavorare per Giuntoli tra cessioni ed acquisti. Giocatori in scadenza che andranno via, altri in bilico il cui contratto terminerà tra un anno e soprattutto i rinforzi da acquistare. Il Napoli che verrà dovrà essere giovane ma pronto e senza colpi di testa sotto il punto di vista economico, con un tetto ingaggi fissato a 3,5 milioni di euro. Con gli incassi per il terzo posto e Champions ritrovata la società può tirare il fiato e vedere al mercato con maggiore tranquillità. Ai tifosi non basta il solo Kvaratskhelia come innesto lì davanti. Per sostituire uno come Insigne servirà di più, qualche colpo importante. Si seguono ormai da un po' in casa Sassuolo le due opzioni Traoré e Raspadori, il club nero verde non farà sconti e per un’offerta al di sotto di 30-40 milioni non si siederà a trattare. Restando in Italia piace anche Deulofeu dell’Udinese, che sembrerebbe stuzzicato dall’idea napoletana. In Olanda c’è Luis Siniterra, sul quale però è forte l’interesse anche del Bayer Leverkusen. Per il momento solo idee e sondaggi, nessun affondo da parte del Napoli che avrà da sistemare prima altri reparti, come quello difensivo (serviranno almeno un terzino sinistro e un difensore centrale), la mediana, vista l’incognita legata soprattutto a Fabian Ruiz. In attesa di capire cosa ne sarà di Osimhen e se arriverà la famosa offerta da almeno 100 milioni di euro.

(Giugno 2022)

CAMPIONATO DI CALCIO 2021-2022

IL NAPOLI DELUDE CLAMOROSAMENTE

 

di Luigi Rezzuti

 

Per il Calcio Napoli la speranza di vincere lo scudetto e miseramente fallita.

Ha sbagliato Spalletti con i cambi effettuati nelle ultime partite, hanno sbagliato i calciatori sottovalutando gli avversari, ha sbagliato il presidente, Aurelio De Laurentiis, nel gestire questa stagione?

Certo è e rimane un mistero, sono ormai diversi anni che la squadra perde l’occasione sia di vincere lo scudetto che classificarsi per la Champions League.

Finalmente, quest’anno, almeno questo traguardo è stato conquistato, ma la mancata conquista dello scudetto è stata una grossa delusione per i tifosi napoletani e non solo.

Adesso Spalletti e la squadra potranno gustarsi il ritorno in Champions League, mentre il presidente con i soldi che incasserà risistema i conti societari.

Aurelio De Laurentiis ha dichiarato che quest’anno tutti i calciatori sono cedibili se arrivano delle offerte, infatti si punta di incassare 200/250 milioni di euro con le eventuali cessioni di Osimhen, Fabian Ruiz, Zenlinski e Koulibaly.

Il Barcellona ha ricontattato l’agente di Koulibaly perché vuole il difensore centrale del Napoli.

La società blaugrana avrebbe chiesto al suo procuratore di temporeggiare sull’offerta.

Si parla di un nuovo contatto che ci sarebbe stato tra il Barcellona e l’agente di Kalidou Koulibaly.

Il club blaugrana avrebbe chiesto al procuratore un po' di pazienza e d non muoversi ancora con il Napoli in merito all’offerta di rinnovo che ha sul tavolo.

I catalani sarebbero infatti sempre interessati al difensore africano, il cui contratto scade nel 2023.

L’allenatore del Barcellona considererebbe Koulibaly il rinforzo ideale per la squadra.

Sono molto apprezzate alcune sue qualità: la velocità, la capacità di anticipare l’avversario diretto e la partenza.

Sarebbe insomma il sostituto perfetto per Gerard Piquè che dovrebbe giocare al più un’altra sola stagione.

Al Barcellona si starebbero sfregando le mani all’idea di un tandem offensivo formato da Araujo e Koulibaly, inj grado di fare da titolari per i prossimi cinque anni.

L’allenatore verrebbe così accontentato in questo reparto, con due coppie di qualità.

Nonostante tra un anno Koulibaly vada in scadenza, il Napoli di De Laurentiis non sarebbe disposto a scendere sotto i 40 milioni di euro per il giocatore, e non vorrebbe contropartite tecniche per rendere più conveniente l’operazione.

Il Napoli della prossima stagione (2022-2023) avrà sicuramente dei volti nuovi e nel frattempo ha riscattato Anguissa per 15 milioni di euro dal Fulham e acquistato Kvara Kvaratskhelia.

E’stato lo stesso presidente, Aurelio De Laurentiis, a ufficializzare il suo acquisto: “Spero di aver fatto un colpaccio, è un calciatore del Napoli a tutti gli effetti”

Viene soprannominato il Messi georgiano, ecco tutti i numeri e le curiosità del primo rinforzo del mercato azzurro e futura stella del Napoli “022-2023.

Per chi lo conosce bene, il repertorio di Kvara sembra non avere fine: tra finte, tunnel, colpi di tacco, acrobazie, conclusioni a giro e di grande potenza, può giocare sia da trequartista che da attaccante esterno, un 21 enne che ha stregato tutti.

Dopo lo scoppio della guerra tra Russia e Ucraina, si è svincolato dal Rubi Kazan, come permesso dalla Fifa, per tornare temporaneamente nella sua Georgia.

Kvaratsheliasua è un attaccante esterno, si sposerebbe bene con il 4-2-3-1 e il 4-3-3 di Spalletti.

Salta il terzino e sterza verso l’area di rigore, sfrutta rapidità e agilità, difende bene il pallone, ha muscoli e resistenza.

Non è un fantasista che si accende solo quando entra nel vivo dell’azione.

E’ un destro naturale, ma preferisce muoversi sulla fascia sinistra con cambi di direzione e scatto, è abituato a sacrificarsi, a fare pressing sui difensori.

Il Napoli lo ha pagato per una cifra che si aggira intorno ai dieci milioni di euro (con un milione di bonus), guadagnerà un milione e mezzo per il prossimo quinquennale.

Il dettaglio più complicato senza dubbio è il cognome: la pronuncia corretta è “Cuarascelia”.

Ha cominciato a giocare nel vivaio della Dinamo Tbilisi: quattro partite e un gol nel 2017.

Una crescita costante che aveva richiamato anche l’interesse del Liverpool e del Siviglia.

Nel 2018, poi, il passaggio al Rustavi: tre gol e tre assist nella serie B georgiana.

All’inizio di febbraio del 2019 firma con la Lokomotiv Mosca, in estate, però, cambia ancora e approda al Rubin Kazan di Roman Sharonov e Leonid Slutski: nove gol e diciotto assiste in due anni e mezzo.

Nel 2021 è stato eletto miglior giovane del campionato russo della Premier-liga.

Intanto Cristiano Giuntoli addetto agli acquisti e cessioni dei calciatori del Napoli è sempre in cerca di un terzino sinistro e si è catapultato sul giocatore del Bologna, Hickey, classe 2002.

Secondo lo Scottish Daily Express, la trattativa tra i due club sarebbe aperta.

Tutti vogliono Hickey, il giovane terzino sinistro scozzese del Bologna, il Napoli ha offerto 21 milioni di euro ma è anche nelle mire di Juventus, Milan e fiorentina in Italia (con ammiratori anche in Premier League, Newcastle e Brentford su tutte).

Lo scozzese andrebbe a prendere il posto di Mario Rui, destinato a lasciare Napoli al termine della stagione.

(Maggio 2022)

CHI VINCERA’ LO SCUDETTO?

 

dI Luigi Rezzuti

 

Questa domanda l’abbiamo posta ad alcuni opinionisti sportivi e addetti ai lavori che ci hanno risposto: “Questo Napoli fa paura – dice Gianni Improta ex calciatore del Napoli – secondo me è da scudetto. Non dobbiamo nasconderci dietro un dito, bisogna essere consci della forza della nostra squadra. Spalletti sta lavorando sulla testa dei ragazzi che stanno diventando consapevoli della loro forza trasmettendo in gol le azioni, aiutati magari anche dagli errori degli avversari”

Gianfranco Zola, ex calciatore ed ex allenatore oggi diventato un quotato opinionista televisivo ha dichiarato: “Osimhen è il nuovo Lukaku, il Napoli può vincere lo scudetto anche perché ha un signor allenatore.”

Fabio Capello, ora opinionista sportivo per le principali emittenti televisive italiane ha detto: “Il Napoli di Spalletti è la principale antagonista dell’Inter, il vero rivale per la vittoria dello scudetto. E’ l’anno buono per la squadra di Luciano Spalletti perché il Napoli sta dando segnali di grande forza e qualità. Un altro elemento a suo favore è la completezza dell’organico. Il Napoli è forte in tutti i reparti. Ha un attacco di alto livello con Osimhen, Insigne e Politano. Il centrocampo ha la qualità e la potenza atletica di Zielinski, Fabian Ruiz e Anguissa. La difesa è solida e Koulibaly aumenta da solo lo spessore della retroguardia. Ospina e Meret sono portieri affidabili. Non riesco a trovare punti deboli. Osimhen è partito fortissimo, quando arrivò in Italia due anni fa, non lo conoscevo bene e mi documentai. Scoprii un giocatore bravissimo nei movimenti. Con la sua forza atletica può essere devastante. E’ l’erede di Lukaku. E’ giovane e ha enormi margini di miglioramento”

Luca Toni, diventato uno degli opinionisti di Prime Video, ha parlato sia di Osimhen che del Napoli: “Nella squadra di Spalletti, Osimhen mi sembra quello che fa la differenza più di tutti. Spacca le difese perché ha profondità e gambe. E poi fisicamente è molto forte e nell’area avversaria sa farsi rispettare. E’ un campionato molto aperto, credo che si deciderà tutto all’ultimo mese e a quel punto vincerà la squadra mentalmente più pronta e questa potrebbe essere il Napoli di Spalletti che ha dato forza e consapevolezza, oggi se la giocano per vincere lo scudetto”.

Alessandro Costacurta ha parlato del Napoli che quest’anno sta convincendo tutti: “la cosa che mi piace di più della squadra è la difesa. Koulinaly e Rrahmani hanno trovato la quadra perfetta. Perché è sicuramente vero che qualsiasi difensore accanto a Koulibaly farebbe bella figura, ma con Rrahmani si compensano alla grande. Mi piace la coppia perché si aiutano. Si vede che adesso che i due centrali del Napoli si muovono in sintonia. Il Napoli sta dimostrando di avere un’organizzazione difensiva molto buona e in più in generale la migliore organizzazione di squadra del campionato. Stimo Luciano Spalletti da anni. quando giocavo contro le sue squadre ci sembrava sempre di essere circondati dagli indiani perché ti potevano far male da ogni posizione. E’ vero che ora con Osinhen ha un punto di riferimento, ma le frecce nel suo arco sono infinite.”

Marco Azzi, giornalista di Repubblica evidenzia i dati di Napoli e Milan e dice: “Lo scudetto di quest’anno lo meriterebbe il Milan, ma è il Napoli la squadra con più numero”.

Beppe Bergomi, ex capitano dell’Inter e oggi opinionista Sky detto ai microfoni dell’emittente satellitare riguardo la possibilità per il Napoli di vincere lo scudetto: “Ho sempre pronosticato Napoli per lo scudetto perché mi piace come è stata costruita la squadra, perché ha giocatori funzionali, perché ha due giocatori per ruolo e soprattutto in mezzo al campo ha qualità e forza. Il Napoli può anche alternare sistemi di gioco. Poi è vero: averlo o non averlo, Osimhen fa tutta la differenza. Penso dall’inizio dell’anno che il Napoli possa vincere lo scudetto, poi se non vince, il mio resterà solo un pronostico”.

Alla domanda “Chi vincerà lo scudetto?” un tifoso del Napolici ha risposto: “Fino alla fine del campionato saranno quattro le squadre a competere: Milan, Inter, Napoli e Juventus ma alla fine vincerà sempre la Juventus…”

(Aprile 2022)

IL MONDO DELLO SPORT CONTRO LA GUERRA

 

di Luigi Rezzuti

 


Il mondo dello sport prende sempre più le distanze dalla Russia, dopo la drammatica aggressione militare all’Ucraina tuttora in corso.

Dal calcio, al Judo, dagli sport invernali, al tennis, da giorni è un continuo prendere posizione contro la politica del presidente Vladimir Putin.

Proprio l’uomo che ha sempre utilizzato lo sport come strumento di propaganda, si è visto privare di una delle cariche di cui andava fiero.

La Federazione Internazionale di Judo lo ha infatti privato della presidenza onoraria.

Ma anche il mondo del calcio si sta dimostrando compatto contro la guerra scatenata dalla Russia in Ucraina.

Dopo la presa di posizione della Uefa che ha tolto la finale di Champions League a San Pietroburgo, è arrivato quella di Polonia e Svezia che hanno annunciato di non voler giocare contro la Russia nei playoff per i Mondiali in Qatar, e anche la Repubblica Ceca, raccogliendo l’invito lanciato dall’ex calciatore Pavel Nedved, ha incaricato il suo presidente di negoziare con Uefa e Fifa sulla decisione del Comitato Esecutivo di non giocare una possibile partita contro la Russia.

Ancora più dura la presa di posizione della Francia, pronta a chiedere alla Fifa di escludere la Russia dai Mondiali.

Anche se non si è ancora esposta a livello di Federazione, in Regno Unito la questione russa è molto sentita con la politica che ha chiesto di prendere provvedimenti contro il proprietario della squadra di calcio del Chelsea,

il magnate russo si è sentito accerchiato e alla fine ha annunciato la clamorosa decisione di lasciare la guida del club.

Anche lo sport italiano si sta mobilitando al fianco del popolo ucraino, il presidente della Federnuoto ha incontrato l’ambasciatore d’Ucraina a Roma dicendo che sono pronti ad ospitare, al centro federale di Ostia i nuotatori ucraini che a causa della guerra sono impossibilitati a proseguire le attività di preparazione in vista degli impegni internazionali.

Nella serie C di calcio, il Potenza ha deciso di devolvere l’intero incasso della partita contro la Paganese, alle popolazioni ucraine colpite dalla guerra.

Con il ricavato saranno acquistati beni di prima necessità (soprattutto derrate alimentari e farmaci) da consegnare alle tante persone che in questo momento stanno vivendo una situazione drammatica.

Il sindaco di Pesaro ha annunciato sui social che non concederà il palazzetto dello sport al Cska Mosca per le partite di Eurolega.

La guerra che la Russia ha dichiarato all’Ucraina ha sconvolto il mondo intero e sono state tante le reazioni del mondo sportivo e non solo all’invasione delle truppe russe in Ucraina.

La Uefa e F1, che hanno spostato la finale di Champions League e annullato il GP di Sochi.

Sempre nelle scorse ore è arrivata la decisione della Polonia, che dovrebbe giocare a Mosca il 24 marzo nella semifinale dello spareggio per Qatar 2022 e ha fatto sapere che non giocherà contro la Russia.

Lo stesso ha fatto la Svezia, che avrebbe potuto affrontare i russi dopo l’atra semifinale contro la Repubblica Ceca.

Come prevedibile è arrivata anche la nota ufficiale della Federazione Ceca, che si è unita alle altre due selezioni nella protesta contro l’invasione russa all’Ucraina: “La nazionale ceca non giocherà in nessun caso, nemmeno in campo neutro, una possibile partita contro la Russia negli spareggi di Coppa del Mondo. Vogliamo tutti che la guerra finisca il prima possibile”.

Anche il Calcio Napoli lancia un messaggio di pace per la guerra in Ucraina: “Fermate la guerra” è il messaggio che arriva dai giocatori del Napoli che dicono: “Stop the war” nelle loro lingue.

Dal belga di Mertens, all’italiano di Insigne e Spalletti, passando per il polacco di Zielinsky, slovacco di Lobotka, il portoghese di Mario Rui, lo spagnolo di Fabian Ruiz, il Kosovaro di Rrahmani, il tedesco di Demme e l’inglese di Osimhen.

Idealmente il Napoli fa un giro del mondo e si schiera contro qualsiasi conflitto.

Il messaggio dei calciatori della società azzurra contro la guerra è un segnale forte, importante, perché anche lo sport può e deve fare la sua parte, perché la guerra è qualcosa da ripudiare sempre e comunque.

La guerra in Ucraina è qualcosa di atroce, di assurdo, così la SSCN prende posizione: “Viviamo un momento pericoloso e drammatico e noi con tutto il nostro seguito dobbiamo lanciare un messaggio di pace. Può servire ad alimentare la consapevolezza di quanto stia accadendo, nella speranza che nel male trionfi presto il bene”.

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis ha voluto fare qualcosa di concreto per aiutare i profughi ucraini, così ha rinunciato ad indossare la maglia Maradona Game Special Edition rossa che andrà all’asta.

I calciatori del Napoli e del Milan, indosseranno la maglia azzurra, mentre il ricavato dell’asta andrà in favore di una onlus che aiuta i profughi che provengono dalla guerra in Ucraina.

Ma per fermare la guerra c’è bisogno del sostegno di tutti, di ogni singola persona che lotta per la pace.

C’è bisogno di unirsi e di marciare tutti uniti per far sentire la propria voce.

(Marzo 2022)

CALCIOMERCATO INVERNALE 2022

 

A cura di Luigi Rezzuti

 

Si è conclusa, il 31 gennaio 2022, la sessione invernale del calciomercato che, di solito, non porta a sconvolgimenti particolari, ma serve a rimpinguare le rose di squadre in difficoltà, a spostare giocatori scontenti, a dare qualche possibilità a squadre che, partite ad apertura di campionato con grandi ambizioni, si trovano, a metà campionato, a dover cambiare per mirare a quelle che erano le speranze iniziali.

Spesso il calciomercato invernale è anche l’occasione per acquisti di prospettiva e poi concretizzarli nella sessione estiva.

Contrariamente agli anni passati, nonostante la crisi economica e gli indebitamenti delle società calcistiche, quest’anno ci sono stati alcuni acquisti e cessioni eclatanti.

Il Calcio Napoli ha iniziato il mercato cedendo Manolas all’Olimpiacos (giocatore scontento di stare a Napoli), poi Insigne che ha preferito i dollari agli euro, passando al Toronto, Costa al Parma e Yunes ad Al-Ettifaq ed ha acquistato Tuanzebe dal Manchester United.

I più importanti movimenti sono stati effettuati da Juve, Inter, Fiorentina e Milan, ma anche da Roma,  Salernitana e Sampdoria.

La Juve ha fatto un investimento economico importante spendendo 75 milioni di euro per acquistare il giocatore Vlahovic dalla Fiorentina e poi Zakaria dal Gladbac e Gatti dal Frosinone, cedendo kulusevski al Tottenam, Ramsey al Ranges.

La risposta dell’Inter alla Juve è subito arrivata con l’acquisto di Robin Cosenz dall’Atalanta e Caicedo dal Genoa, cedendo, poi, Sensi alla Sampdoria e Satriano al Brest.

La Fiorentina, una volta ceduto Vlahovic alla Juve per 75 milioni di euro ha acquistato Piatek dall’Hert Berlino, Lkone dal Lilla e Cabral dal Basile e ha ceduto Benassi all’Empoli e Pulgar al Galatasaray.

Il Milan  ha acquistato Lazetic dalla Stella Rossa e ceduto Conti alla Sampdoria.

Tra le squadre che hanno effettuato più movimenti nel mercato invernale sono da menzionare,  senza alcun dubbio; Roma, Salernitana e Sampdoria.

La Roma ha acquistato Maitland-Niles dallArsenal, Segio Oliveira dal Porto e ha ceduto Villar al Cetafe, Mayoral al Cetafe, Calafiori al Genoa, Reynoldas al Kortrijk e Fazio alla Salernitana.

La Salernitana ha acquistato Sepe dal Parma, Mazzocchi dal Venezia, Fazio dalla Roma, Verdi dal Torino, Enderson dal Corinthians, Dragusin dalla Juventus, Mousset dallo Shaffield, Bohinen dal Cska Mosca ed ha ceduto Aya alla Reggina, Simy al Parma, Gondo alla Cremonese.

Infine la Sampdoria ha acquistato Rincon dal Torino, Conti dal Milan, Magnani dal Verona, Abosah dall’Euroafrica, Sensi dall’Inter e Supryaga dalla Dinamo Kiev mentre ha ceduto Depaoli all’Ascoli, Ihattaren all’Aiax, Silva al Wahda, Prelec all’Olimpia, Lubiana e Verre all’Empoli.

Adesso il campionato riprenderà il 6 febbraio con incontri importanti come: Inter – Milan, Fiorentina – Lazio, Juve – Verona, Venezia – Napoli, cui seguiranno  poi tutti gli altri e restiamo in attesa di vedere gli effetti dei nuovi trasferimenti.

(Febbraio 2022)

Lutto nel mondo del calcio

 

di Luigi Rezzuti

 

E’ morto, all’età di 82 anni, l’ex allenatore e manager Gianni Di Marzio.


A darne l’annuncio è stato il figlio Gianluca, giornalista di Sky che, attraverso un tweet, lo ha salutato così: “E adesso potrai finalmente allenarlo il tuo caro amato Diego Armando Maradona. Sei stato un grande papà, mi hai insegnato tutto e non sarò l’unico a non dimenticarti mai”.

Sì, fu proprio lui a segnalare all’allora presidente del Napoli, Corrado Ferlaino un giovanissimo Maradona.

L’operazione non fu possibile a causa della chiusura delle frontiere al mercato, ma poi il Pibe de Oro approderà in azzurro cambiando la storia del club per sempre.

I più grandi trionfi da allenatore, Gianni Di Marzio, li ottenne sulle panchine di Catanzaro e Catania, portate in Serie A, rispettivamente nel 1976 e nel 1983.

In massima serie guidò anche il Napoli, condotto fino alla finale di Coppa Italia, nel 1978.

Ha allenato anche Juve Stabia, Brindisi, Genoa, Lecce, Padova, Cosenza e Palermo.

Dopo la carriera di allenatore, Di Marzio era stato manager di numerose società, tra cui il Venezia, che conquistò la Serie A.

E’ stato anche consulente del Palermo. Tra le sue tante scoperte, poi, spicca un nome su tutti, Cristiano Ronaldo, “scovato” quando era ancora un ragazzino e giocava in Portogallo.

Il Presidente De Laurentiis e tutta la SSC Napoli si uniscono al dolore della famiglia Di Marzio per la scomparsa dello storico e indimenticabile allenatore della squadra azzurra.

Ai tanti messaggi di cordoglio si sono uniti anche il tecnico Claudio Ranieri e le società di calcio del: Lecce, Catanzaro, Cosenza, Palermo e Venezia.

Anche Renzo Ulivieri, numero uno dell’Associazione Italiana Allenatori, ha ricordato l’amico Gianni Di Marzio.

(Gennaio 2022)

COPPA D’AFRICA

 

di Luigi Rezzuti

 


La manifestazione africana doveva tenersi un anno fa, ma venne rinviata a causa dell’emergenza Covid-19.

Per questa pandemia mondiale la Coppa d’Africa è stata sempre in bilico e tuttavia ora, nonostante l’incremento dei casi e le lamentele dei club europei, l’evento è stato confermato. Quindi la Coppa d’Africa si disputerà dal 9 gennaio al 6 febbraio 2022.

La decisone è stata presa dal presidente della CAF e si giocherà in Camerun.

Il presidente della Confederazione calcistica africana ha, infatti, annunciato: “Il 9 gennaio ci sarà regolarmente la partita inaugurale, sarò presente in quell’occasione così come il 6 febbraio, quando ci sarà la consegna del trofeo”.

Nessun rinvio, dunque, per una competizione che strapperà tanti giocatori importanti ai club europei durante una fase decisiva del campionato di calcio italiano di serie A.

I calciatori che parteciperanno alla Coppa d’Africa sono tanti.

Ogni squadra italiana ne perderà alcuni per questo torneo africano.

Il  Napoli è l’unica squadra che dovrà rinunciare a ben cinque calciatori: Osimben, Ounas, Ghoulam, Anguissa e Kolidou Kulibaly e sarà anche l’unica squadra più penalizzata in quanto si tratta di giocatori titolari.

Infatti mancheranno il centravanti, due centrocampisti e due difensori, cioè l’ossatura della squadra.

A tutto questo, poi, si aggiunge anche la sfortuna perché, alla ripresa del Campionato di calcio di Serie A, il Napoli incontrerà la Juventus e dovrà fare a meno dell’ossatura della squadra, come abbiamo appena detto, e si trova anche con giocatori, come: Fabian Ruiz, Lozano e Insigne, positivi al Covid-19 e Mario Rui, squalificato per una giornata.

Sarà, quindi, sicuramente un mistero la formazione che l’allenatore Spalletti schiererà in campo.

(Gennaio 2022)

QUANDO INIZIA E FINISCE IL CALCIOMERCATO INVERNALE 2022

 

di Luigi Rezzuti

 

Il calciomercato invernale come di consueto inizia il 3 gennaio e si chiude il 31 gennaio 2022.

Tutte le squadre di Serie A, così come quelle di serie B e dei campionati esteri, potranno migliorare la propria squadra con acquisti e cessioni di alcuni calciatori che non hanno brillato nella prima parte del campionato 2021.

Già dal 3 gennaio si potranno depositare i contratti per il nuovo anno.

Nei mesi successivi sono possibili solo acquisti di calciatori svincolati.

Inter, Milan, Juve, Roma, Lazio e Napoli sono state sempre molto attive sul mercato calcistico sia estivo che invernale, ma anche Fiorentina, Atlanta, Udinese, Genoa, Bologna, Torino, Sampdoria, Sassuolo, le restanti squadre di Serie A, partecipano ma in modo minore.

La prossima sessione si rivelerà molto diversa dal solito sia a causa dei forti debiti delle società di calcio sia per l’emergenza causata dal Coronavirus in Italia.

Il calcio Napoli sarò sicuramente improntato a vendere per poi tuffarsi su un solo acquisto, quello di un terzino sinistro che ormai manca da diversi campionati.

Il Napoli ha puntato gli occhi su Federico Gatti, un difensore alla Chiellini per intenderci, che il Frosinone ha prelevato lo scorso anno dalla Pro Patria a titolo definitivo.

L’allenatore del Frosinone, Fabio Grosso, l’ha subito inserito in squadra e al calciatore sono bastate le partite di campionato e di Coppa Italia fin qui giocate per finire nel database di alcuni club di Serie A.

Su tutte il Napoli che nelle scorse settimane ha mandato alcuni osservatori a seguire il giovane calciatore da vicino.

Occhio, però, alla concorrenza, perché Gatti piace anche alla Juventus e all’Atlanta.

La valutazione del giocatore si aggira intorno ai 5/6 milioni di euro.

In attesa del Calciomercato 2022 proviamo a concentrarci sulla lotta allo scudetto e calendario alla mano, cerchiamo di capire chi tra Inter, Milan e Napoli da qui alla fine del girone d’andata possa essere considerato per la conquista del titolo di campione d’inverno, platonico ma spesso indicativo.

Sin dall’inizio della stagione calcistica 2021-2022 avevamo previsto l’Inter vincitrice dello scudetto ma inseguita fino all’ultima partita da Milan e Napoli.

(Dicembre 2021)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen