NEWS

Premio nazionale di poesia “Salvatore Cerino”   È giunto alla XIX   edizione il Premio Nazionale di Poesia “Salvatore Cerino”, che vanta il patrocinio...
continua...
The Starfish   di Nicola Garofano    “Con la testa nel delta del Mississipi, ma con i piedi ben piantati alle falde del Vesuvio”. Da questo motto...
continua...
Martedì 4 luglio al via "Vietri in Scena" Oltre 20 appuntamenti gratuiti a Villa Guariglia, Villa Comunale e Palazzo della Guardia   Al via domani...
continua...
Parlando di chi è poeta   di Romano Rizzo (13)   Spesso mi sono chiesto che cosa ha di diverso dagli altri chi scrive poesie o ama profondamente...
continua...
COLPISCI  IL  TUO  CUORE, di Amélie Nothomb   di Luigi Alviggi   Profondo e toccante questo romanzo, decisamente una rassegna di personaggi esulanti...
continua...
Villa Patrizi e S. Stefano   di Antonio La Gala   Fra le due aree collinari contigue, di Posillipo e del Vomero, possiamo individuare una zona di...
continua...
La Prima Edizione de “Il Presepe Vivente” a Boscotrecase (NA) nell’antica contrada Oratorio Una straordinaria occasione per conoscere vecchi mestieri e...
continua...
LA CHAMPIONS LEAGUE                   di Luigi Rezzuti   E’ arrivato il momento della Champions League che è iniziata con la fase a gironi il 13...
continua...
Il tempo del vino e delle rose - Caffè letterario piazza Dante 44/45, Napoli - Info 081 014 5940   Letteratura e Cinema Domenica 10 marzo Silvio...
continua...
Parlanno ’e poesia 4 - Giovanni Boccacciari   di Romano Rizzo   Una fìgura di primo piano, nel panorama della poesia napoletana è stata, senza dubbio,...
continua...

BABBO NATALE

 

di Luigi Rezzuti

 


Era una notte fredda, una notte fredda e buia.

Gigetto era accoccolato sul davanzale della finestra ad osservare le strade vuote, colme di neve.

Era una notte, ma non una qualunque, era la notte della vigilia di  Natale.

I fiocchi di neve morbidi danzavano nell’aria e le luci delle vetrine dei negozi erano ormai spente.

La mamma, il papà e le sorelle più grandi si trattenevano in salotto a chiacchierare.

Gigetto era stato mandato a letto: “Vai a dormire, i regali di Babbo Natale li troverai domattina, sotto l’albero” aveva detto la mamma.

Gigetto, però, non aveva nessuna intenzione di dormire.

Amava questo giorno in modo particolare e rimase dinanzi al davanzale della finestra, per più di due ore, nonostante il freddo, a godere dell’atmosfera natalizia e a guardare le strade illuminate a festa.

Il cielo era scuro, punteggiato di stelline, che a Gigetto ricordavano le decorazioni luminose che  quell’anno aveva appeso all’albero.

Quando vide la sua famiglia andare a letto, si rese conto dell’ora tarda e si infilò sotto le coperte.

Non fece nulla per contrastare il sonno e si addormentò subito.

Erano le quattro e mezza della notte quando udì un rumore provenire dal salotto. “E se fosse un ladro?” Pensò, quindi, di correre dai suoi genitori e rannicchiarsi tra di loro.

A quel tiepido e piacevole calore si addormentò e sognò di essersi alzato piano, piano, di aver attraversato il corridoio ed essere entrato nel salotto decorato a festa.

Ciò che vide lo lasciò stupito, felice, sorpreso ed eccitato.

Un omone dai capelli e barba bianchi, con un vestito rosso, stava addobbando l’albero con tanti pacchi regali.

“Babbo Natale” esclamò Gigetto con un filo di voce. L’uomo rise, una risata profonda e  pastosa, e disse: “Gigetto, bambino mio, ti aspettavo.” Poi lo prese sulle ginocchia e continuò: “Devi sapere che ogni bambino incontra per davvero me, solo per una volta nella vita. E da quel giorno ha qualcosa in più: felicità, gioia, saggezza e tante altre belle cose, e quest’anno, Gigetto mio, tocca a te”.

Babbo Natale rise allo spalancarsi degli occhi azzurri di Gigetto.

“Purtroppo mi dimenticherai” aggiunse.

“Ma io non voglio dimenticarti” protestò Gigetto, guardando affascinato l’aria intorno a se, che si era intanto riempita di pagliuzze dorate.

“Lo farai, lo fanno tutti prima o poi” e gli accarezzò dolcemente i capelli morbidi e biondi.

Gigetto sorrise e disse: “Deve essere faticoso portare i doni a tutti i bambini del mondo!”.

“Questo è vero – rispose Babbo Natale – ma con un poco di buona volontà ce la posso fare e poi vedere un bambino sorridere, giocare, divertirsi felice è il più grande piacere che io possa ricevere. E adesso cosa dici? Vogliamo mangiare qualcosa? Mi è venuta una gran fame”.

“Gigetto sorrise: “Certo! Ho dei biscotti e del latte”.

E i due trascorsero la notte di Natale, il primo a raccontare storielle divertenti e il secondo ad ascoltare con curiosità.

L’alba aveva colorato il cielo di rosa “E’ ora di partire” disse Babbo Natale.

“Capisco - annuì tristemente Gigetto - non senza una lacrima.

Babbo Natale lo salutò, si sedette sulla sua slitta, dette un colpetto alla renna e partì, diventando un punto piccolo piccolo nel cielo.

Quella mattina il sole spuntò di dietro ad una nuvola, riscaldando dolcemente il viso di Gigetto, che si svegliò.

Una mano gli accarezzava i capelli. Era sua madre.

“E’ un bel giorno” esordì Gigetto, osservando il cielo.

La mamma e il papà se lo accoccolarono vicino riscaldandolo con il loro calore.

Davanti a loro, il cielo rosa si apriva immenso e Gigetto avrebbe giurato di aver visto qualcosa tra le nuvole.

Le nuvole si erano poste in modo da formare un viso barbuto e una testa con un cappuccio rosso.

(Dicembre 2019)

BABBO NATALE

 

di Luigi Rezzuti

 


Era una notte fredda, una notte fredda e buia.

Gigetto era accoccolato sul davanzale della finestra ad osservare le strade vuote, colme di neve.

Era una notte, ma non una qualunque, era la notte della vigilia di  Natale.

I fiocchi di neve morbidi danzavano nell’aria e le luci delle vetrine dei negozi erano ormai spente.

La mamma, il papà e le sorelle più grandi si trattenevano in salotto a chiacchierare.

Gigetto era stato mandato a letto: “Vai a dormire, i regali di Babbo Natale li troverai domattina, sotto l’albero” aveva detto la mamma.

Gigetto, però, non aveva nessuna intenzione di dormire.

Amava questo giorno in modo particolare e rimase dinanzi al davanzale della finestra, per più di due ore, nonostante il freddo, a godere dell’atmosfera natalizia e a guardare le strade illuminate a festa.

Il cielo era scuro, punteggiato di stelline, che a Gigetto ricordavano le decorazioni luminose che  quell’anno aveva appeso all’albero.

Quando vide la sua famiglia andare a letto, si rese conto dell’ora tarda e si infilò sotto le coperte.

Non fece nulla per contrastare il sonno e si addormentò subito.

Erano le quattro e mezza della notte quando udì un rumore provenire dal salotto. “E se fosse un ladro?” Pensò, quindi, di correre dai suoi genitori e rannicchiarsi tra di loro.

A quel tiepido e piacevole calore si addormentò e sognò di essersi alzato piano, piano, di aver attraversato il corridoio ed essere entrato nel salotto decorato a festa.

Ciò che vide lo lasciò stupito, felice, sorpreso ed eccitato.

Un omone dai capelli e barba bianchi, con un vestito rosso, stava addobbando l’albero con tanti pacchi regali.

“Babbo Natale” esclamò Gigetto con un filo di voce. L’uomo rise, una risata profonda e  pastosa, e disse: “Gigetto, bambino mio, ti aspettavo.” Poi lo prese sulle ginocchia e continuò: “Devi sapere che ogni bambino incontra per davvero me, solo per una volta nella vita. E da quel giorno ha qualcosa in più: felicità, gioia, saggezza e tante altre belle cose, e quest’anno, Gigetto mio, tocca a te”.

Babbo Natale rise allo spalancarsi degli occhi azzurri di Gigetto.

“Purtroppo mi dimenticherai” aggiunse.

“Ma io non voglio dimenticarti” protestò Gigetto, guardando affascinato l’aria intorno a se, che si era intanto riempita di pagliuzze dorate.

“Lo farai, lo fanno tutti prima o poi” e gli accarezzò dolcemente i capelli morbidi e biondi.

Gigetto sorrise e disse: “Deve essere faticoso portare i doni a tutti i bambini del mondo!”.

“Questo è vero – rispose Babbo Natale – ma con un poco di buona volontà ce la posso fare e poi vedere un bambino sorridere, giocare, divertirsi felice è il più grande piacere che io possa ricevere. E adesso cosa dici? Vogliamo mangiare qualcosa? Mi è venuta una gran fame”.

“Gigetto sorrise: “Certo! Ho dei biscotti e del latte”.

E i due trascorsero la notte di Natale, il primo a raccontare storielle divertenti e il secondo ad ascoltare con curiosità.

L’alba aveva colorato il cielo di rosa “E’ ora di partire” disse Babbo Natale.

“Capisco - annuì tristemente Gigetto - non senza una lacrima.

Babbo Natale lo salutò, si sedette sulla sua slitta, dette un colpetto alla renna e partì, diventando un punto piccolo piccolo nel cielo.

Quella mattina il sole spuntò di dietro ad una nuvola, riscaldando dolcemente il viso di Gigetto, che si svegliò.

Una mano gli accarezzava i capelli. Era sua madre.

“E’ un bel giorno” esordì Gigetto, osservando il cielo.

La mamma e il papà se lo accoccolarono vicino riscaldandolo con il loro calore.

Davanti a loro, il cielo rosa si apriva immenso e Gigetto avrebbe giurato di aver visto qualcosa tra le nuvole.

Le nuvole si erano poste in modo da formare un viso barbuto e una testa con un cappuccio rosso.

(Dicembre 2019)

Uno scugnizzo napoletano trasferito a Milano

 

di  Luigi Rezzuti

 


Mai nessuno mi chiamava Antonio. Sono nato a Napoli in un quartiere popolare e tutti mi chiamavano “Guagliò”.

Sono dovuto andare al nord per sentire il mio nome.

All’inizio non mi giravo nemmeno perché me lo avevano fatto “scurdà”.

Non ero mai andato a scuola e non sapevo nè scrivere né leggere.

A Milano mio padre ha trovato subito lavoro e anche mia madre: mio padre facendo il facchino ai mercati generali, mia madre le pulizie nelle case dei signori.

Quando ho compiuto nove anni, mio padre mi ha fatto capire che bisognava andare a scuola perché di ignoranti in casa ce ne erano già due e il terzo componente della famiglia doveva almeno saper leggere e scrivere.

Non avevo mai sentito parlare così seriamente mio padree e mia madre gli dava ragione.

Un giorno, a sorpresa, senza dirmi niente, mio padre disse a mia madre: “Lavalo e vestilo, che sai dove andiamo”.

Io rimasi muto, non sapevo cosa loro avessero deciso per me. Ero ncuriosito, ma anche un poco spaventato.

Non mi manderanno in collegio, pensai. Se mi avessero mandato in collegio, addio Antonio… Meglio sarebbe stato “Guagliò”.

Mio padre, vedendomi pensieroso, mi disse: “Dove pensi che andiamo io e te?”.

E intanto ci incamminavamo a passo lento. Risposi: “Eh dove andiamo?”.

Pensai: “Il gelato è buono, non può essere che mi porti in collegio, no, no, il collegio lo escludo”.

Arrivati davanti ad una porta, ucida e bella, sicuramente verniciata di fresco, mio padre suonò ad un campanello e subito una voce rispose: “Chi è?”

M girai, pensando a qualcuno che chiamasse dall’interno.

Mio padre rispose: “Sono il padre di Antonio”. La risposta fu pronta “Attenda, prego”.

“Attenda, prego” non lo avevo mai sentito …

“Salga, prego, terzo piano con ascensore, dopo l’entrata a destra”.

Entrammo in questa bella casa, ai pavimenti profumati, dove una signora, molto giovane, anche lei profumata, ci accolse.

Mio padre disse alla signora: “Questo è il mio unico figlio, che non ho mai potuto mandare a scuola. È bravo, è buono, vorrei lo preparasse per sostenere un esame. Così, se è promosso, può cominciare a frequentare la scuola”.

Capii subito le perplessità della signora, pur se ancora non aveva parlato.

Lei capiva meglio mio padre… che è più timido e parla poco…

La signora, con le sue prime parole, mi fu subito simpatica. Lei disse a mio padre: “Le faccio una proposta, che non sarà impegnativa né per me né per lei. Mi lasci Antonio per due ore, ripassi a prenderlo, poi le dirò… In quel momento prenderemo gli accordi necessari, qualora Antonio avrà risposto ad alcune domande, riguardanti la sua predisposizione allo studio”.

“Ma guardi sign…” La giovane signora non gli consentì la minima obiezione. 

Mio padre se ne andò ed io rimasi con la signora che mi condusse nello studio, bello, pulito, profumato. Mi sembrava un altro mondo.

Mi fece accomodare su una comoda sedia, chiese alla donna, che ci aveva aperto la porta, di portare una cioccolata tiepida.

Mi sentii talmente bene che mi dissi: Antò anche tu devi avere una casa profumata e in ordine, come questa della signora.

La signora mi chiese: Antonio, raccontami tutto di te e nulla della tua famiglia. Vorrei capire quale programma svolgere per te affinchè il tuo papà possa vedere suo figlio tra i banchi di scuola”.

Cominciai da quando, bambino, ero stato capace di avere amicizie buone, mentre mio padre, mattina e sera, si informava dove e con chi ero stato e io puntualmente gli davo le risposte, lui era contento e mi faceva una carezza sul viso.

Andammo  avanti e ci fermammo solo il tempo di finire la cioccolata, poi  continuammo fino all’arrivo di mio padre.

La signora ricevette mio padre nello studio ed io fui affidato alla signora che ci aveva aperto la porta, di nome Maria, che,veniva da Napoli ed era con la signora da molti anni. Mi tenne compagnia fino all’uscita di mio padre dallo studio della signora, non so se per gentilezza o per timore che rubassi qualcosa da casa.

All’apparire di mio padre con la signora, capii che stavo per

iniziare una nuova vita.

 

Lei mi disse semplicemente: “Ciao, Antonio, ti aspetto. Sii puntuale”.

Mi resi conto  che dovevo cominciare a studiare e mi dissi: “Caro Antonio, cominciamo bene…”

Il giorno dopo partimmo per Napoli: mio padre, dopo alcuni mesi, ritornava a trovare la mamma.

Passammo prima a salutare una conoscente dei miei genitori.

“E’ permesso, donna Annunziata? Sono Gennaro, il padre di Antonio, è permesso?”

“Non conosco nessun padre di Antonio”.

“Ma come? ’o guaglione…”

“E ditelo subito, ’o guaglione, come state Gennaro?”.

“Sono venuto a trovare mammà cu ’o guaglione e mia moglie. Ora abitiamo a Milano”.

“A Milano? Mamma mia, così lontano! Come fate a stare così lontano da Napoli?”.

“Eh, donna Annunziata, a Napoli non si trova lavoro. Bisogna andare al nord, che devo fa’?”.

“Fortunatamente a me non manca il lavoro,-disse la donna, - solo che questo cane che tengo dà molto fastidio, sia a me che alle mie clienti, perché si infila sotto i vestiti”.

Gennaro rispose: “Antonio tra qualche giorno inizia ad andare a scuola, vuol diventare maestro”.

“Che bravo figlio che tenete”.

“E’ bravo, è bravo” poi si rivolse inaspettatamente a me: “Antonio, cosa ne diresti di aiutare donna Annunziata occupandoti del cane mentre lei riceve le clienti, per poi riportarglielo a casa, la sera?”.

“La sera? chiese Antonio.

“Lo puoi portare  quando vuoi” rispose donna Annunziata.

Gennaro disse: “Antò, rispondi a donna Annunziata per il cane”.

“Va bene”

“Oh,  grazie Gennaro, che bravo che è stù guaglione, mi porta via il cane, mentre lavoro.”

“Porto via il cane?” rispose Antonio – “Ma me lo date come abbiamo parlato, lo riporto la sera”.

“Si, si” rispose la donna.

Si congedarono e andarono a casa della mamma di Gennaro.

La ripartenza per Milano era questione di un paio di giorni e la nonna, in agitazione, disse: “Quando sarete a casa, a Milano, fatemi sapere del viaggio”.

Antonio, che si era accorto che la nonna aveva il telefono, le disse: “Nonna, quando siamo a Milano ti chiamo, sarà pensiero mio”.

La nonna si commosse, si asciugò le lacrime e abbracciò Antonio, poi la nuora e infine Gennaro, il suo unico figlio.

Arrivati a Milano, puntuali, come previsto, il treno fece gli ultimi metri nel silenzio generale, poi si fermò in stazione. Era il momento di scendere.

Gennaro aiutò la moglie a scendere, poi fu la volta di Antonio.

Intanto l’inverno passò e, con esso, la primavera. Sopraggiunse l’estate. La scuola chiuse i battenti. Era tempo di vacanze.

Milano d’estate è deserta, Antonio telefonò alla nonna comunicandole che era stato promosso.

“Bravo, ragazzo mio, sono fiera di te e sono convinta che da grande diventerai qualcuno. Appena vieni a Napoli c’è ad attenderti un bel regalo per la promozione”:

“Nonna, appena possibile ti veniamo a trovare. Ci manchi!”.

(Novembre 2019)

DELITTO A NEW YORK

 

di Luigi Rezzuti

 

Dopo aver letto qualche libro poliziesco, alcuni libri gialli di vari autori e dopo aver visto in TV qualche fiction e aver riflettuto su che cosa serve per scrivere un racconto giallo, mi sono messo alla prova.

Sono partito utilizzando, in ordine sparso, ispettori, investigatori, indizi, colpi di scena, per concludere con la soluzione finale del giallo.

Non è facile costruire la scena del delitto e nemmeno architettare il movente del crimine, però non mi sono perso d’animo ed ho iniziato a scrivere il mio primo  racconto giallo che ho intitolato “Delitto a New York”, perché ho pensato che un racconto poliziesco, un giallo, fa più effetto se ambientato in Inghilterra o in America.

Il racconto poliziesco in Italia si chiama “giallo” perché ci fu la prima collana pubblicata da Mondadori nel 1929.

Il termine “giallo” derivò dal colore della copertina di questa prima collana di libri di genere “poliziesco”.

In realtà il genere poliziesco risale alla seconda metà dell’Ottocento, quando negli Stati Uniti, Edgar Allan Poe diede vita alla figura dell’investigatore e in Inghilterra Arthur Conan Doyle tratteggiò il profilo del celebre detective Sherlock Holmes.

E qui inizia il mio racconto…

Era una afosa giornata di giugno, a New York.

Un gruppo di ginnaste si stava allenando nella palestra della città, poiché di li a pochi giorni avrebbero dovuto disputare una gara.

Erano presenti tutte, tranne la famosa Lorajanne, una grande campionessa di quello sport ed era una cosa strana ed insolita non vederla presente agli allenamenti più importanti.

All’improvviso si udì un grido proveniente dal bagno della palestra.

Lì sul pavimento in legno, era disteso il corpo della ragazza e, accanto, c’era la sua amica, Betty.

Lorayanne sembrava esser pronta per allenarsi, poiché indossava la divisa a strisce rosse e bianche con una leggera giacca blu, al di sopra.

 

“Presto! Chiamate un’autoambulanza” ordinò, preoccupata, l’allenatrice, ma non era la sola ad essere andata nel panico. Accsnto a lei c’erano ragazze che piangevano, altre che sembrava sapessero, altre ancora, in piedi a fissare, sgomente, il cadavere.

Betty e Lorayanne erano inseparabili. Amiche dall’asilo, tali erano rimaste, fino a poco tempo prima della morte della ragazza.

“Ho avvertito anche l’investigatrice – disse l’allenatrice – ci aiuterà sul caso, nell’eventualità di un omicidio”.

Dopo qualche minuto, infatti, arrivò la dottoressa: “Buongiorno, voglio esaminare lo stato dei luoghi, uscite fuori e siete invitate a non allontanarvi”.

Tutti uscirono nel cortile della palestra tremando ancora per lo spavento.

L’investigatrice esaminò il corpo, l’unico segno di aggressione era una spessa linea sul collo, provocata sicuramente da una corda.

Da ciò si potevano dedurre due cose: suicidio o omicidio.

Bastava solo trovare quella grossa corda e l’investigatrice cominciò a cercare a destra e a sinistra, nella mensa, e nuovamente nel bagno.

Poi le venne in mente di perquisire la vittima e fu proprio nel taschino della giacca che trovò l’arma del delitto.

Si trattava di una corda di uno strano materiale, che fu subito consegnata ai poliziotti, giunti sul posto qualche minuto dopo ed essi, poi,  la consegnarono, a loro volta, alla scientifica.

Restava solo una cosa da fare: ascoltare le testimonianze.

L’investigatrice uscì dalla palestra e chiese all’allenatrice, a Betty e ad un’altra ragazza, molto legata a Lorayanne di seguirle

Prima di tutto, interrogò l’allenatrice “C’era qualcuno che odiava Lorayanne?” chiese.

L’allenatrice rispose: “Beh, lei e Betty erano molto amiche, ma ultimamente erano entrambe strane”.

L’investigatrice fece la stessa domanda a Betty, che rispose con un semplice: “Andava tutto bene”.

Per finire, volle sentire la ragazza che aveva trovato il cadavere e si fece spiegare ogni particolare, poi chiese se poteva chiamare Betty e pronunciò queste testuali parole dinanzi ad entrambe: “Betty, poco prima degli allenamenti tu non eri ancora arrivata. Perché? Di solito, mi dicono,  siete le prime ad arrivare, e sempre insieme.” A quelle parole Betty sembrò essere turbata, ma riuscì a rispondere che le era semplicemente venuto un po’ di sonno.

“Ma tu e Lorayanne non siete arrivate insieme?” incalzò la dottoressa.

“Credete davvero che possa essere stata io?” rispose Betty.

L’investigatrice perse la pazienza e gridò: “Sei stata tu o no? Tanto i risultati dell’autopsia ci diranno la verità”.

A quel punto, Betty confessò: era stata lei.

Anche i risultati approfonditi degli esami confermarono che era stata Betty.

L’investigatrice concluse, dicendo: “Ciò dimostra che quelle che si dichiarano vere amiche, possono rivelarsi esattamente l’opposto.”

A volte si fanno queste cose per gelosia, invidia, e Betty era proprio invidiosa delle grandi capacità di Lorayanne.

(Ottobre 2019) 

APPUNTI DI GUERRA

 

di Luigi Rezzuti

 

Una domenica pomeriggio, dopo pranzo, non avendo nulla da fare, mi soffermai a guardare le foto di mio fratello in abito militare.

Con grande commozione ricordai che mio fratello era riuscito ad evadere da un campo di  prigionia tedesco.

Egli aveva raccontato poco dell’avventura, relativa alla sua fuga, insieme ad altri commilitoni, per far ritorno a casa. Quindi iniziai a cercare di ricostruirne i particolari.

Oltre alle fotografie, trovai anche un piccolo quadernetto di appunti, con annotazioni scritte a matita, che riguardavano proprio la vita nel campo tedesco e la sua fuga.

Riuscii, con enorme difficoltà, a  decifrare la sua pessima grafia e ricomporre la sua storia: la coraggiosa fuga da un campo di concentramento nazista in Germania.

La maggior parte dei prigionieri erano stati catturati mentre erano ignari dell’armistizio e della deposizione di Mussolini da parte del Re.

Gli altri, dopo la repubblica di Salò, furono deportati al campo come unica alternativa al combattere a fianco dei tedeschi.

I soldati italiani che rifiutavano di combattere furono rinchiusi nei campi, obbligati a compiere diversi lavori per i tedeschi, come quello di riparare le linee elettriche e telefoniche che i bombardamenti alleati mettevano a rischio.

Intanto gli alleati stavano liberando l’Italia e avanzavano verso le Alpi, i russi sfondavano ad est e gli americani ad ovest.

Il lavoro era massacrante, ogni giorno si usciva dal campo, sotto il controllo delle guardie, per procedere alla riparazione delle linee interrotte.

In questi campi di prigionia si mangiavamo lumache crude e pomodori,  fatti crescere nello sterco umano.

Ma nella tragedia, alle volte, c’è anche posto per situazioni comiche: i prigionieri facevano i loro bisogni dietro un muretto, circondato da qualche albererello. Mio fratello gettò volontariamente il sacchetto col contenuto al di là del muro, dove stava passando un soldato tedesco, il quale, colpito in pieno, scaricò il suo mitra in direzione di mio fratello, che riuscì a filar via da una vendetta sicura, strisciando carponi e protetto dagli alberelli.

Fu allora che decise di darsi alla fuga dal campo, parlò con tre compagni e disse : “Noi prigionieri  siamo in tanti, i tedeschi, che ci controllano, sono pochi. Qui è giunta la notizia da parte degli ultimi arrivati che la situazione per i nazisti è ormai tragica, gli americani sono già a ridosso delle Alpi e quindi i tedeschi dovranno lasciare il campo, retrocedere ed organizzarsi su altre linee difensive. A questo punto, secondo me, ci faranno fuori tutti, sarebbe troppo rischioso per loro lasciarci in vita ed in libertà, fosse solo per paura di ritorsioni da parte nostra. Vada come vada, ci conviene tentare la fuga”.

La notte successiva si mise in atto il piano di fuga: si sarebbero ritrovati dietro il muretto dei bisogni, protetti anche dagli alberelli.

In fondo si intravedeva il bosco, una volta raggiunto, si sarebbe aperta qualche consistente speranza.

E fu così che il gruppetto scivolò furtivamente dal campo, eludendo  la sorveglianza delle sentinelle. Raggiunsero il bosco e poi via, in una corsa a perdifiato tra cespugli, rami, sterpaglie, tronchi sempre più fitti, fino a cadere, stremati, al suolo.

Troppo stanchi per decidere i turni di guardia, caddero in un sonno profondo.

Forse qualcuno sognò il latrare dei cani, sempre più vicini, oppure, qualche altro,  di essere già sulla soglia di casa per abbracciare le persone care.

All’alba, il primo che si svegliò si mise a gridare: “Siamo salvi- Ce l’abbiamo fatta”.

Gli altri sollevarono il naso fuori da una coltre neve farinosa.

Era la prima neve dell’autunno, che aveva coperto le loro tracce e neutralizzato i cani.

Proseguendo il cammino, trovarono anche uno zaino con dentro un binocolo, una bussola ed una mappa della zona.

Così riuscirono a dirigersi, con sicurezza, verso il confine italiano.

Passarono per vie solitarie ed impervie, tra le creste dei monti, trovando perfino aiuto da parte di una famiglia contadina, che diede loro cibo e fiducia.

Il confine era ormai vicinissimo e passava da un bivio che si rivelò miracoloso.

C’erano quattro biciclette appoggiate al muretto di un cascinale. Era proprio quello che ci voleva.

Senza farsene accorgere, le rubarono e giù, a tutta velocità, lungo i tornanti di una ripida discesa.

Mio fratello andava decisamente più forte, da spericolato e gli altri lo ritrovarono in un cespuglio. La sua bici aveva i freni rotti.

Ormai erano in Italia. La guerra era finalmente finita e si trovarono in un paese liberato dagli alleati. Dovettero, però,  continuare ad attraversare l’Italia per arrivare al fronte degli alleati, ad Anzio.

Erano trepidanti ed ansiosi di completare l’ultima parte del viaggio, ma erano in dubbio su quale strada prendere e su come aggirare le pattuglie tedesche e i campi  minati.

Lungo la strada del rientro, infatti, sotto una pioggia torrenziale, dovettero attraversare carponi un campo minato.

Una volta superatolo, furono attaccati da una pattuglia tedesca, che sparò alcuni colpi di mitra senza colpire nessuno dei fuggitivi.

Sessantacinque anni dopo, quella domenica pomeriggio, ero seduto alla mia scrivania a  ricomporre  gli appunti di guerra di mio fratello e la storia della sua fuga.

Credo che del gruppo si salvarono tutti, ma mettere insieme i pezzi di quello che accadeva durante e dopo quella fuga da un campo di concentramento tedesco, non fu una cosa semplice.

Mio fratello, comunque, si era salvato e la gioia di tutti noi fu grande, insieme ad una forte commozione.

Ricordo che arrivò a casa magrissimo, ancora con gli abiti da militare, tutti a brandelli.

(Giugno 2019)

LO SCIROPPO DEL MONACO

 

di Luigi Rezzuti

 

Era una fresca e limpida giornata di aprile e gli orologi segnavano le 13.    

Un monaco, dinanzi alla chiesa, vendeva uno sciroppo per la tosse, tale “Respiro”, che, a suo dire, avrebbe rigenerato, grazie a strabilianti e poderose magie, il sistema respiratorio di ogni essere umano che l’avesse provato.

O, almeno, questo  era ciò che voleva far credere a chi si  avvicinava al suo banchetto, fuori la chiesa.

Purtroppo, il monaco, che di ecclesiastico, in realtà, aveva solo l’abito, oltretutto di terza mano, sponsorizzava il prodotto insieme a suor Francesca, sua collega di vecchia data in truffe e affini.

I due nascondevano abilmente al pubblico che il loro sciroppo aveva meno effetto di un balsamo per capelli.

Quella mattina, davanti alla chiesa, seduto sulla sua sèggiola di legno, il monaco stava proponendo l’acquisto ad ogni persona che gli passava davanti, ma non era riuscito a venderne nemmeno un esemplare.

Forse si era diffusa la voce che gli effetti del suo sciroppo non erano quelli sponsorizzati, ma che, anzi, avevano solo peggiorato le condizioni di quanti lo avevano provato.

Finalmente giunse una vecchietta, che avrebbe salvato la giornata del monaco …

Mentre la vecchietta avanzava, avanzava con lei anche una forte e stizzosa tosse.

Buongiorno, bella signora, dove si sta recando?” chiese il monaco.

La donna, spiazzata, si guardò intorno: “Ma chi, io?” chiese a sua volta, dubbiosa.

Il monaco fece lo sguardo da marpione, alzò le sopraciglia e rispose: “Ma si, lei, bella signora”.

La vecchietta rise lusingata, mostrando i pochi denti che le erano rimasti, di uno strano colore marrone scuro.

Sto andando in chiesa, per pregare il Divino, e lei signor monaco, cosa sta facendo?”.

Beh, signora bella, sto vendendo il migliore sciroppo per la tosse che troverà mai sulla piazza”.

La vecchietta lo guardò stupita. Quel monaco capitava al momento giusto.

Ah si? Ma lo sa che ero proprio in cerca di un nuovo sciroppo? Vede, utilizzo il “Tossimeglio” da anni, ma la mia tosse non è mai andata via, non si è mai calmata.”

Ma, signora bella, il “Tossimeglio” è prodotto da Satana in persona!

La vecchietta fece il segno della croce, mostrando stupore per una tale rivelazione.

Oh non sapevo, ma allora, signor monaco, cosa mi consiglia? Non voglio continuare a vivere nel peccato in questo mondo.”

Il monaco sorrise, ormai certo di aver preso all’amo il suo pesce.

“Deve comprare il mio sciroppo “Respiro”, vedrà che non se ne pentirà”.

Così in quel giorno di aprile, prima della Domenica delle Palme, il monaco vendette due litri di sciroppo “Respiro” per la vecchietta e per tutta la sua famiglia, che, a quanto pareva, soffriva di mal di gola cronico.

Nel giro di due mesi la vecchietta e la sua famiglia tornarono di nuovo in quella stessa chiesa, ma questa volta, purtroppo, dentro una bara.

Infatti, dopo alcuni studi su questo sciroppo, si era scoperto che il “Respiro” conteneva una dose mortale di mercurio.

A questo punto, il monaco e la sua complice in truffe e affini, suor Francesca, scapparono a Cuba e, grazie alla vendita di questo sciroppo nocivo, vissero di rendita per tutti i successivi anni della loro vita, trascorrendoli tra lusso e divertimenti, su una spiaggia di Cuba, bevendo latte di cocco e fumando sigari avana…

(Giugno 2019)

UN GIORNO AL MARE

 

di Luigi Rezzuti

 

L’intenzione era di trascorrere una giornata al mare, ma dopo tre ore,  bloccati in mezzo al traffico e tamponati da un grosso camion pieno di cipolle, per la fretta di arrivare a Roma, inizia la giornata.

Quel fine settimana era stato organizzato con cura certosina, atteso con desiderio dall’intera famiglia: mamma Viola, impiegata in un laboratorio di analisi cliniche, papà Peppino, operatore professionale in una casa di cura per anziani, due figli e la nonnina.

Il giorno prima, i componenti della famiglia erano andati a dormire a notte fonda, per preparare tutto quanto occorreva portare al mare il mattino seguente: panini con mortadella e formaggio, petti di pollo dorati, bibite frizzanti, dolci e frutta a volontà.

Doveva essere una giornata spensierata: un giorno di riposo in riva al mare, allietato dal  sole e da magnifiche nuotate. Un rilassante lasciarsi andare alla bellezza dell’estate.

Ma quelle tre ore, passate in macchina, solo per arrivare a metà percorso, verso una località balneare, li avevano demoralizzati.

A loro, per giunta, si era unita anche la vecchia nonnina di ottant’anni che non andava al mare da più di tre anni, cioè da quando gli era morto il marito, di professione imbianchino.

“Siamo enormemente in ritardo” disse Peppino alla moglie.

“Non innervosirti, caro. Vedrai, tra poco il traffico incomincerà a scemare. Siamo in un punto nevralgico su questa statale, dove confluisce ogni strada provinciale, diretta al mare. Un po’ di pazienza e ce la faremo.

“Si, cara, ma sono tre ore che siamo bloccati, inchiodati sotto questo sole, afflitti dal caldo e dai venditori ambulanti, che ci tormentano con fazzolettini e accendini. Hanno pulito venti volte i vetri della macchina ed ho dovuto, sborsare ben dieci euro di mancia per non passare per un razzista. Credimi,  non ce la faccio più. Vorrei  tanto tornare indietro. Mi sento distrutto”.

A quelle lamentele, la nonnina, seduta in un angolo della macchina, interviene dicendo: “Ragazzi, non mollate. Ce la dobbiamo fare. Ricordati  le parole di tuo padre: “Peppino, non arrenderti, non indietreggiare.” Lo faresti rivoltare nella  tomba. Abbi pazienza, ascolta le parole di tua moglie. Se torni indietro, ti arrendi. Cedere al primo tentativo non devi, non puoi. Tuo padre ti ha insegnato che non bisogna mai arrendersi, bisogna andare sempre avanti”.

I due figli replicarono “Forza, papà, noi siamo con te, non ci arrendiamo. Il mare può attendere. Prima o poi, arriveremo”.

“Ragazzi sono orgoglioso di voi. Se fosse vivo mio padre vi mangerebbe di baci. Solo una cosa non riesco a digerire: questo cafone di camionista, col suo camion pieno di cipolle, che mi tormenta col clacson da due ore. Vorrei farlo passare avanti, lui e il suo dannato camion puzzolente, ma mi è impossibile. Non riesco ad andare nè avanti nè indietro”.

Il blocco delle auto, infatti, formava quasi un corpo solo, un ammasso di ferro incandescente sotto il sole cocente.

Un po’ più avanti, infatti, vari tamponamenti a catena avevano fatto scoppiare delle furibonde liti, a suon di sonori ceffoni, calci e quant’altro.

Una famiglia, proveniente da Caserta, all’altezza di un incrocio, s’era presa a pistolettate con un’altra, proveniente da Casagiove.

La sparatoria era andata a finire proprio male, causando tre feriti e un moribondo.

Il traffico, con l’arrivo dell’autoambulanza della croce rossa, era diventato ancora più caotico.

A bordo del 118 c’era un pediatra al suo primo incarico e un infermiere ad un passo dalla pensione.

Ulteriori problemi ne derivarono. Una catastrofe resa ancor più difficile da gestire con l’arrivo della polizia.

Intanto il mare, con le sue spiagge dorate, lunghe ed infinite, baciate dalla dolce brezza, era ancora così lontano!

In tutto questo caos l’auto di Peppino veniva tamponata dal guidatore del camion pieno di cipolle, che pretendeva di aver anche ragione del danno causato, avendo “ammaccato” l’auto, posteriormente.

Comunque, dopo mezza giornata passata all’inferno, con l’auto ammaccata ed un occhio di Peppino, divenuto nero, dopo una scazzottata con il camionista, che voleva avere per forza ragione, la famiglia finalmente giunse al mare quasi al tramonto.

Fermarono l’auto in doppia fila e tutti scesero di corsa a vedere quel sospirato mare. Si spogliarono in fretta, dimenticando la nonnina in cabina, attorcigliata alle sue brache.

Peppino, che indossava un vecchio costume, i due figli, tutti sudati, la moglie Viola, nera di rabbia, ebbero il tempo di fare un breve bagno in un rosso tramonto.

Il mare era una tavola e brillava sotto i raggi del sole. Nuotarono felici come mai nella loro vita.

Peppino fece il morto, galleggiando a pelo d’acqua, la moglie Viola si lanciò, con quattro bracciate, così al largo che per vederla ci voleva un cannocchiale, i figli si sbizzarrirono con capriole e tuffi acrobatici e, quando ebbero finito di fare il bagno, risaòirono in spiaggia.

Non prima di essere ritornati indietro, per ben due volte, prima al bar  del lido, dove avevano lasciato la nonnina, e poi nella cabina che avevano fittato, in cui la nonnina aveva dimenticato la dentiera.

Quasi  a notte inoltrata fecero ritorno a casa.

Quel giorno, trascorso, si fa per dire, al mare, servì da vera lezione di vita: il mare può anche aspettare, prima o poi erano arrivati a bagnarsi nelle fresche acque.

Non bisogna arrendersi mai, proprio come diceva la nonnina…   

(Maggio 2019)

IO E LA VALIGIA

 

di Luigi Rezzuti

 


Ero seduto davanti a quella valigia rigonfia, nella quale gli indumenti avanzavano tanto da “obbligarla” a non chiudersi.

Non  ricordavo di essere stato tanto imbranato come in quel momento.

Dalle nove del mattino non avevo fatto altro che provare e riprovare tutti i sistemi possibili, impossibili ed inimmaginabili, per sistemare in quella valigia i miei vestiti.

Ero soltanto riuscito a farne entrare una piccola parte… In pigiama e in vestaglia, così come appena alzato, non ero ancora rasato né vestito,

E sudavo, come se avessi addosso un cappotto.

Verso mezzogiorno ero talmente angosciato da sragionare e trattare quella valigia come una persona.

Dapprima mi rivolsi a “lei” teneramente “So bene che è  sgradevole tenere tutte queste cose dentro di te, soprattutto le scarpe… Allora toglierò le scarpe e tu ti comporterai bene e accetterai tutto il resto!... D’accordo?”.

Ma la valigia continuava a comportarsi male :”Su, sii buona! Oggi dobbiamo prendere il treno, le vacanze sono finite, ho già comprato il biglietto e devo ancora fare mille cose. Non sei contenta di ritornare a casa?”

Ma “lei”, niente, cocciuta e ostinata. Allora presi ad insultarla “Stupida! A che diavolo servi? Vuoi prendermi in giro? Ti faro vedere io chi è il più forte”.

Le appioppai una terribile pedata, una sola, perché calzavo pantofole leggere e il male che mi procurai non fu da poco.

Trascorsero altri terribili minuti. Non potevo rimanere lì come un imbecille, con la roba sparsa per la camera e la valigia che non si chiudeva.

Fu allora che bussarono alla porta. Andai ad aprire. Era il mio vicino di camera che, richiamato dalla mia voce alterata, era venuto a chiedermi che cosa mi stesse capitando.

Prego, si accomodi. Lei è il benvenuto!” e gli spiegai in breve l’emergenza mentre gli chiedevo: “Vuole essere così gentile da aiutarmi a chiudere la valigia?”Ma lei ha tanta roba!” Lievemente infastidito, replicaiche era la stessa roba di quando ero partito e la valigia allora si era chiusa “Anzi ce n’era di più perché ho perduto due camicie e una giacca”.

L’uomo della camera accanto scosse la testa dicendo: “Eh, le valigie sono fatte così. Dovrebbe fare come me: io porto poche cose, così viaggio leggero.… Comunque, diamoci da fare”.

Sistemammo alla meglio le camicie e gli abiti nella valigia ma l’uomo mi chiese un momento di pausa perché, essendo rimasto a lungo chinato, gli era sopraggiunto un terribile mal di schiena.

Provammo molte “combinazioni” pur di chiudere la valigia e tuttavia, ancora una volta, non ci fu nulla da fare.

Alla fine collaudammo una tecnica nuova: cominciammo a pigiare la roba con pugni energici e poi, con tutto il peso, non indifferente, dei nostri corpi ci buttammo seduti sulla valigia.

Quindi feci scivolare, cautamente, la mano lungo la cerniera, chiudendo finalmente quella dannata valigia.

“È fatta” esclamai, con un sorriso radioso. “È fatta…” “È fatta…” sussurrò, sfinito, ma con un ghigno di vittoria sul volto pallido, il signore che aveva guerreggiato insieme a me con la valigia.

Naturalmente, scarpe e altre sciocchezze simili erano rimaste fuori, ma decidemmo di metterle in sacchetti di plastica, facilmente trasportabili.

Abbracciai di cuore il mio buon vicino, esternandogli la mia gratitudine.

L’uomo si avviò alla porta ma, prima che la sua mano si posasse sulla maniglia,  lo raggiunse una mia angosciata esclamazione, che lo costrinse ad una veloce giravolta, “Che c’è?”, mi chiese allarmato. Mi guardò mentre io, immobile, con le braccia penzoloni lungo i fianchi, indicavo il pigiama e la vestaglia, che ancora avevo addosso. E intanto mi  mancava il vestito per il viaggio di ritorno!…

“Capperi! Si ricomincia… Siamo di nuovo in guerra!” esclamò il simpatico vicino ed entrambi scoppiammo in una fragorosa risata...

(Aprile 2019)

IN VIAGGIO CON UN RAGAZZO NIGERIANO

 

di Luigi Rezzuti

 


Era un ragazzo di sedici anni, lo sguardo vispo, un sorriso sempre stampato sul volto.

La pelle scura, una folta capigliatura riccia spiccava sul suo capo.

Aveva un sogno, o meglio, ne aveva due: riabbracciare suo fratello più grande, che viveva ad Udine da due anni e, un giorno, fare un lungo viaggio in treno.

Il ragazzo amava i treni. Ne era affascinato e sulle locomotive sapeva tutto.

Ancora non credeva che il lungo viaggio in treno da sempre desiderato, lo stesse davvero compiendo.

Partenza da Palermo, destinazione Udine, per riabbracciare il fratello.

Da dove vieni?” chiese una signora.

Dalla Nigeria

E cosa fai tutto solo su questo treno?”

“Vado da mio fratello, lui vive ad Udine” rispose inorgoglito, consapevole dell’impresa che stava compiendo.

I tuoi genitori dove sono?”

“A casa, non avevano i soldi per pagare il viaggio”.

“Capisco, vuoi della cioccolata? – chiese la signora, mentre rovistava nella borsa.

Il ragazzo aveva provato la cioccolata una sola volta nella sua vita, ma il sapore lo rammentava bene.

La donna tirò fuori una tavoletta e, quando il ragazzo l’addentò, gli sembrò la cosa più buona che avesse mai provato in vita sua: cioccolato al latte, tempestato di nocciole.

Con la bocca piena di cioccolato, chiese alla signora: “A lei piacciono i treni?”

Certo. E a te?”

Tantissimo, so tutto sui treni e un giorno mi piacerebbe guidarne uno

La donna, sorridendo, ascoltava con attenzione e interesse le parole del giovane ragazzo nigeriano, che proseguì “Questa è la prima volta che salgo su un  treno in vita mia, è tutto così incredibile, sto realizzando due sogni in un colpo solo, non vedo l’ora di riabbracciare mio fratello, lui sì che ne ha visti di treni. Viaggia molto, si sposta in tutta Italia per lavorare. Fa poca differenza se sia nei campi o come muratore o per qualsiasi altra cosa. A lui importa solo che sia un lavoro onesto. Ha messo da parte i soldi per pagarmi il viaggio”.

Una voce annunciò l’arrivo alla stazione di Reggio Calabria.

La signora raccolse le sue cose e, guardando amorevolmente il ragazzo, disse: “Tuo fratello deve essere davvero un bravo ragazzo, io scendo qui. Ciao e… buon viaggio”.

Buona giornata”:

il treno fece una sosta di alcuni minuti, il ragazzo guardava incuriosito fuori dal finestrino, osservava la gente passare, qualcuno correre e affannare per salire sul treno, che stava per partire.

Vide un uomo in difficoltà, con una grossa valigia. A aveva la pelle scottata dal sole, i capelli grigi e sul volto rughe che sembravano solchi, mani tipiche di chi le ha usate tutta la vita per lavori pesanti e, probabilmente, mostrava più della sua reale età.

Aspetti che l’aiuti” disse il ragazzo.

Grazie, sei molto gentile” rispose l’uomo.

Si figuri. Mio fratello dice che bisogna sempre aiutare chi ha bisogno”.

L’uomo ebbe una smorfia di dolore “Ah. La mia povera schiena!

“Cosa c’è? Sta male?”

“Nulla di grave, sono gli acciacchi che, con l’età, si fanno sentire”

“Lei dove va di  bello?”

A Roma, mi hanno chiamato per qualche giorno di lavoro

Che genere di lavoro?” chiese il ragazzo con la sua sincera ingenuità.

“Faccio il muratore e, quando serve personale extra, mi chiamano. È una vita dura. I soldi non bastano mai: guadagno poco, ma onestamente, con dignità”

Sì, mio fratello è come lei, fa qualsiasi lavoro purchè onesto. Egli  ora è ad Udine ed io sto andando da lui”.

Si ricordò di avere ancora della cioccolata e ne offrì all’uomo.

 “Prenda, è davvero molto buona, me l’ha regalata una signora gentilissima. Era seduta proprio li’, dove adesso c’è lei”.

L’uomo staccò un pezzo dalla tavoletta e lo mangiò con gusto.

Era tanto tempo che non ne mangiavo e questa è la migliore che abbia mai assaggiato”.

“Sono contento che le piaccia, anch’io non ne mangiavo da molto tempo”.

“Biglietti, prego.” Il controllore si affacciò nello scompartimento, dove erano seduti il ragazzo e l’uomo.

Tenga – disse il ragazzo – vuole anche un po’ di cioccolata? È buonissima, sa?”

Il controllore sorrise sotto i lunghi baffi e accettò di buon grado l’offerta del ragazzo.

Grazie, e buon viaggio”.

Dall’altoparlante una voce annunciò: “Stazione di Roma Termini”.

“Il mio viaggio finisce qui – disse l’uomo – ma tu hai ancora una lunga strada da fare fino ad Udine. Ti vedo stanco, perché non provi a dormire un po’?”

Posò la mano tra i folti capelli del ragazzo, con una carezza.

Sì, sono stanco, sento le palpebre pesanti … è così faticoso restare svegli”.

“Allora dormi, ti sveglierai quando sarai ad Udine da tuo fratello”.

Il ragazzo si lasciò andare e gli occhi si chiusero: il suo lungo viaggio proseguiva e la gente continuava a salire sul treno.

Erano in tanti, sempre di più su quel treno, affollato all’inverosimile.

Sembrava non esserci più spazio, come se quel treno stesse per esplodere, tanto era pieno.

Il ragazzo nigeriano aprì gli occhi e vide la mano di un uomo protesa verso di lui.

Indossava una pettorina con su scritto: “Guardia Costiera” e lo stava portando via in salvo dal barcone, su cui era salito, insieme ad un centinaio di migranti, per raggiungere l’Italia.

(Marzo 2019)

IL MUGNAIO

 

di Luigi Rezzuti

 

Due fratelli, due scugnizzi napoletani, di quelli D.O.C., si erano trasferiti, insieme alle loro famiglie, in un piccolo paesino in provincia di Benevento.

Un giorno, i due, si recarono al mulino del paese e chiesero al mugnaio se potevano imparare come si macinava il grano e come si faceva il pane.

Il mugnaio aveva quasi sessant’anni, lavorava da solo e, pensando di ricevere un valido aiuto, accettò la proposta.

Mentre i due ragazzi lavoravano nel mulino, il mugnaio pensò di fare uno scherzo ai due fratelli, che tutte le mattine andavano al mulino con il loro asino.

Sciolse le redini all’asino e lo fece scappare, poi gridò: “E’ scappato l’asino”.

I due fratelli si misero subito alla ricerca dell’asino, mentre il mugnaio se la rideva di gusto.

Arrivò la sera. La famigliola del mugnaio era riunita a cena- I due ragazzi bussarono  alla porta del mugnaio chiedendo ospitalità.

Erano ancora stanchi e  sudati per la ricerca dell’asino, che il mugnaio aveva fatto scappare.

Il padrone del mulino li invitò a mangiare e a dormire, insieme alla sua famiglia, nell’unica stanza che avevano.

I due ragazzi avevano però organizzato uno scherzo per vendicarsi del mugnaio e, a notte fonda, nell’oscurità, uno di loro si infilò nel letto della figlia del mugnaio che, forse, non si aspettava una sorpresa così piacevole …

L’altro scugnizzo, dopo aver visto la moglie del mugnaio andare in bagno, decise di separare, velocemente, e senza far rumore, il letto matrimoniale, mettendolo vicino al suo e facendo credere alla donna, al ritorno dal bagno, di essere ritornata nel letto nuziale.

Così la moglie si trovò nel letto dell’altro scugnizzo e le due coppie, tra un russare e l’altro del mugnaio, passarono una notte che non avrebbero mai sognato di trascorrere …

Al mattino seguente, all’alba, lo scugnizzo che aveva, si fa per dire, dormito con la figlia del mugnaio si svegliò e si recò vicino al letto del mugnaio, credendo fosse quello del fratello, e gli rivelò tutto quello cha aveva fatto durante la notte con la figlia del mugnaio.

Questi, nell’udire il racconto dello scugnizzo nei minimi particolari, andò su tutte le furie, si alzò dal letto e, mentre cercava di picchiare il ragazzo, scoprì anche la moglie nel letto dell’ altro.

Ne seguì una baraonda infernale- Il mugnaio rovesciò il tavolo, i letti e quant’altro ancora, per cercare di bloccare i due ragazzi e riempirli di botte, ma i due riuscirono a raccogliere i propri vestiti e a scappare, tra l’ilarità della figlia e della moglie del mugnaio, che apparivano molto contente della notte trascorsa.

(Febbraio 2019) 

UN VIAGGIO DI ALTRI TEMPI

 

di Luigi Rezzuti

 

Un mendicante, tutte le sere se ne andava a dormire nella stazione centrale di piazza Garibaldi a Napoli, tra l’indifferenza generale dei viaggiatori del treno delle 4,10 per Roccaraso.

Non lo degnavano di un’occhiata nemmeno i facchini che, malgrado  i viaggiatori fossero carichi di valige di cartone legate con lo spago, non avevano per quel treno mai nulla da trasportare.

Una sera, mai visti prima, come sbarcati da un ignoto paese, apparvero  portandosi sulle spalle due paia di sci e un sacco alpino.

Erano tutti vestiti con pantaloni alla zuava, scarponi di montagna, occhialini scurti appesi al collo o sistemati sul cappello di lana.

Viaggiavano in terza classe e, piuttosto che mettersi a dormire, intonavano cori alpini in quelle otto ore, otto ore interminabili, ore notturne di un viaggio con quel treno che partiva silenzioso e si fermava in tutte le stazioni.

Un treno che, dopo molte piccole soste, si concedeva uno scalo  di due ore, nel pieno della notte, a Chiaianiello-Scalo, dove era possibile accomodarsi nella cucina del gestore del bar della stazione.

C’era un camino e su quel fuoco si arrostivano metri di salsiccia paesane e si svuotavano fiaschi di vino a volontà.

L’accelerato, con le vetture ormai refrigerate dalla sosta all’addiaccio, si metteva in marcia alle 6,15.

Sesto Campanò, Venafro, la vaporiera annusava la notte con boccate di fumo.

Ripartiva, per fermarsi ad ogni stazione, sempre le stesse, Nubi basse di vapore, nelle quali andava a perdersi la lanterna agitata dall’uomo nero: capotreno, capostazione, controllore, guarda freni, l’uomo tutto, l’uomo con corno di ottone che, ad ogni partenza, soffiava la carica come il trombettiere di uno squadrone di cavalleria.

Roccarainola, Isernia e così sempre avanti, nella notte sempre più fredda e più nera.

Un favoloso itinerario, una litania di stazioni: Sessano – Civitanova, Pescolanciano, Roccasicura, San Pietro Avellana.

La vaporiera, intanto, alla stazione di Castel di Sangro, si preparava all’ultimo balzo.

Prendeva fiato come un atleta ormai molto avanti negli anni, ma che sa, per esperienza, il fatto suo.

Si faceva controllare da un esperto spazzaneve, poi ripartiva: Montenero, Valcocchiara, Alfedena, Scontrone, il treno era    quasi arrivato a destinazione.

Era già l’ora nella quale il giorno ancora non è nato e la notte si attarda a morire.

Un luce irreale, un manto che tuttavia esisteva e, più che vedersi, si intuiva.

A Castel di Sangro, il miracolo del primo raggio di sole, il primo raggio di sole che, insieme al treno del mattino, saliva a dare il buongiorno alla Rocca di Rasine, un pugno di case, raggruppate come gregge freddoloso intorno al campanile della chiesa madre. La cappella di San Bernardino, a mezza strada tra la rocca e il santuario di Portella, che era chiusa dalla neve.

A Portella, in solitudine, viveva un eremita e, nella più nuda semplicità, cantava eterne lodi, ascoltate soltanto dal Signore.

Qui, alla Rocca sul Rasine, l’accelerato delle 4,10 da Napoli, depositava alle 8 del mattino gli sciatori che, quando erano numerosi, non superavano mai la ventina e che si avviavano subito al Vallone di San Rocco per poi avventurarsi alla Selletta, all’Aremogna, al rifugio sul monte Greco.

Sciavano tutto il giorno col sacco sulle spalle, contenente viveri e indumenti.

Tornavano alla base verso le cinque della sera. L’accelerato del mattino era ad attenderli per riportarli a casa.

Nel viaggio di ritorno dormivano tutti. Un sonno solo, da Roccaraso a Napoli, piazza Garibaldi, stazione centrale.

Adesso a Roccaraso si arriva in due ore circa di automobile e quel gruppo di case addossate l’una a l’altra è un’esplosione  di condomini e grattacieli.

Al calore dei grandi alberghi fa eco la luce delle insegne fluorescenti che gridano agli sciatori: boutique, night, coiffeur, bar, winter – sport.

Parole familiari al linguaggio dell’Italia del benessere in piedi su quella del malessere, l’Italia dei drinks, degli ski – lift, degli ski – pass.

All’Aremogna si arriva in automobile e la strada è sempre sgombra, il rifugio è in compagnia di alberghi, pensioni, ville, sotto le funi di tre impianti che permettono di fare in un giorno più discese di quante una volta non si potessero fare in tutta la stagione.

Al Pratello ci si dà appuntamento, come in città ad un caffè del centro.

Alla Portella, l’eremita viaggia in utilitaria, fuma Marlboro, si nutre di tivù.

Per quanti si recano in chiesa l’incenso è chimico e le campane hanno la voce dell’Enel! Suonano elettricamente come le chitarre – beat e il curato indossa jeans e pullover a giro collo.

Alle 5, 30 della sera la stazione ferroviaria di Roccaraso è deserta. Non parte e non arriva nessuno. Sui binari silenziosi scende, con la sera, un’ombra che assume le sembianze di un treno: è quello degli sciatori di un tempo e chiede di essere ricordato, ora che l’orgia del vivere si pasce di altri miti.

(Gennaio 2019)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen