NEWS

Era una mattina di “primavera”   di Mariacarla Rubinacci    La Terra quando arriva la stagione del risveglio dopo il letargo invernale, mi fa toc toc...
continua...
I cannibali del sentimento   di Alfredo Imperatore   Antonio Pietraverde adorava l’onestà al di sopra d’ogni cosa. Riteneva la sua vita una missione e...
continua...
Miti napoletani di oggi.96 IL TEATRO SAN CARLO   di Sergio Zazzera   So già che più di qualcuno si starà domandando come possa costituire un mito...
continua...
SEGNALIBRO a cura di Marisa Pumpo Pica   Storie che si biforcano – Wojtek Edizioni di Dario De Marco   Siamo ben lieti di occuparci, dopo molti...
continua...
IL NOSTRO VIAGGIO IN CAMPER   di Luigi Rezzuti   Questa estate abbiamo programmato un viaggio in camper visitando le località italiane di Portovenere...
continua...
IL TIFOSO NAPOLETANO   di Luigi Rezzuti   Il tifoso napoletano è diventato da un po' di tempo vago, evasivo, reticente. Una volta, più dei problemi...
continua...
SI E’ CONCLUSO IL GIRONE D’ANDATA DEL CAMPIONATO DI CALCIO   di Luigi Rezzuti   Ad aggiudicarsi il girone d’andata è stata, come da previsioni, la...
continua...
DAD? Non solo una sigla!   di Elvira Pica   A partire dal mese di marzo e per effetto della chiusura delle scuole, con la conseguente sospensione...
continua...
HADDA  FERNI’  STA  PANDEMIA   di Luigi Rezzuti   Appena potrò, metterò le scarpe più comode che ho e farò tanti di quei chilometri a piedi che...
continua...
Liberty in casa del nonno   di Antonio La Gala   Le generazioni vissute o nate nei primi decenni del Novecento, che per molti di noi sono le...
continua...

NEL MEZZO DEL CAMMIN DI NOSTRA VITA

MI RITROVAI IN UNA SELVA OSCURA

 

di Luigi Rezzuti

 

Una sera d’estate, quelle sere calde, dove veramente l’afa ti riduce ad essere senza voglie ed interessi, oppresso dalla canicola decido di andare a fare un giro in auto, tanto per rimanere un po' di tempo con l’aria condizionata e riprendermi un attimino. Dove vado, dove non vado, sono bastati due spifferi di aria fresca per farmi decidere di andare in un boschetto dove non ero mai andato perché troppo lontano dalla mia abitazione, quindi decido di andarci. Guido per quasi mezz’ora pensando se il mio abbigliamento fosse adeguato al posto. Ho nel baule dell’auto dei calzoncini corti, mi fermo in un piazzale dal quale parte un sentiero che finisce in un boschetto adiacente, la zona è molto tranquilla c’è qualche auto posteggiata ma nessun movimento di esseri umani. Rimango in auto per qualche minuto, arriva un’auto, scende una donna molto alta e magra, indossa una minigonna, ha i capelli a caschetto neri, si guarda un po’ intorno, poi si dirige sicura verso il sentiero scomparendo nel bischetto. Un’altra auto passa vicino alla mia guardando dentro, si ferma un po' più in là, scende un uomo molto grasso, avrà sui cinquant’anni, si accende una sigaretta, fa due tiri, la butta, la spegne schiacciandola col piede e si incammina nel bosco. Qualcuno esce dal bosco, risale in auto e se ne va. Arriva un Suv di lusso, scendono un uomo in giacca e cravatta, sui cinquant’anni e una donna molto elegante e piacente, almeno così sembra, poco più di quarant’anni, ridono e scherzano ad alta voce, sembrano molto a loro agio. Restano vicino all’auto alcuni minuti e poi anche loro si inoltrano chiacchierando nel boschetto. A questo punto, attendo ancora un minuto poi prendo a camminare nel buio della notte tra i rami e i cespugli, cammino senza trovare traccia di alcun essere vivente, ad un cero punto sento un vociare provenire da poco lontano, risate sguaiate, schiamazzi di gente che sembra stia divertendosi. Cammino in direzione della festicciola, ormai ci sono, tra la vegetazione abbastanza fitta c’è uno spiazzo dove l’erba è e schiacciata dal continuo transitare di chi si avventura nella selva, la donna, col vestito rosso, ride sguaiata attorniata da un gruppetto di uomini e donne mentre l’uomo che l’accompagnava guarda appoggiato ad un albero. Guardo ma preferisco proseguire nel mio esplorare questo posto. Mi inoltro ancora di più nella boscaglia e qualche metro più in là noto quella donna con la minigonna. Mi sembra che amoreggia con il grassone. Vado oltre e mi inoltro ulteriormente nel bosco che sembra farsi più fitto, curioso di vedere cosa mi riserva ancora questo posto. Cammino per qualche minuto ma non trovo nulla di nuovo, sto quasi per tornare indietro quando vengo preso dalla strana sensazione di essere seguito. Mi fermo e volutamente volto le spalle nella direzione in cui potrebbe giungere il mio inseguitore, anzi faccio di più, mi fermo, non devo aspettare troppo tempo che un uomo alto, con pochi capelli, mi sorride per rassicurarmi e prosegue il suo cammino. Mi sono inoltrato parecchio bel bosco, sono molto lontano dal parcheggio, dopo un aio di minuti rallento e riprendo normalmente a camminare verso l’uscita dal bosco, nessuno mi sta seguendo e non incontro nessuno. Sono quasi al parcheggio che nel frattempo si è quasi svuotato, quando a pochi passi dall’auto mi accorgo di non avere con me il marsupio con le chiavi dell’auto. E adesso cosa faccio? devo averlo smarrito nel bosco, torno sui miei passi guardando per terra per quello che si poteva vedere con il buio pesto che era sceso dopo che la luna era stata coperta da una nuvola. Con qualche difficoltà ritrovo finalmente il mio marsupio con le chiavi dall’auto e rivedo il grassone e la donna con la minigonna che fanno ritorno verso il parcheggio. Il grassone mi saluta: “Ciao! Cosa fai qui tutto solo?” gli spiego il perché sono tornato indietro e che probabilmente non ci tornerò più perché per me è un posto molto scomodo da raggiungere. All’improvviso il grassone tira fuori un coltello a serramanico e mi obbliga a dargli il mio portafogli se voglio fare ritorno a casa, gli consegno il portafogli e mi lascia andare. Mi incammino ancora tutto impaurito verso il parcheggio, ho fortunatamente il mio marsupio e le chiavi dell’auto, il cielo si sta già schiarendo, sembra quasi albeggiare, ma che ora si sarà fatta?

(Settembre 2023)

IN UN PAESINO SPERDUTO DI MONTAGNA

 

di Luigi Rezzuti

 


Quello che sto per raccontare non esce da una bella penna di un autore di storie romantiche, ma dalla realtà, che, in fatto di storie, sa come superare di gran lunga ogni più fervida fantasia. Tanti anni fa, in un paesino sperduto sulle montagne dell’Avellinese, una ragazzina, appena adolescente, sta vivendo i primi batticuori per un ragazzo di poco più grande di lei. I due si conoscono appena, egli la segue in bici quando lei, accompagnata dalla madre e dalle sorelle, ogni giorno raggiunge la sarta da cui prende lezioni di cucito. Si guardano, nulla di più è concesso a quel controllo serrato e severo. Egli, da ragazzo innamorato, cerca, come può, di catturare immagini di lei e impressionarli su fotografie, su cui, poi. appone dei pensieri in libertà. Lo stesso fa su fogli di carta che conserva gelosamente e su di  essi scioglie tutta la poesia di un amore puro e dolce, che trattiene dentro di sé. Ma intanto qualcuno coglie i segni di quel sentimento appena nato e il padre di lei gli intima di abbandonare immediatamente ogni aspettativa. La loro è una famiglia troppo povera per pensare di dare la ragazza in moglie a uno che non se la passa certamente meglio. E così lei, col cuore infranto, dirà a quel ragazzo che continua a seguirla ogni giorno, di dimenticarla per sempre, se non vuole che suo padre intervenga più duramente. Lui obbedisce, perché l’unica cosa che non vorrebbe è farle del male, e parte. Va  a cercare lavoro a Milano. Lì troverà una donna che diventerà sua moglie e madre dei suoi figli. Lei, dopo qualche tempo, sposerà un uomo con cui vivrà un’intera vita di felicità ed amore. Passano gli anni, alcune decine, sessanta, per la precisione, quando lui, da vedovo, torna al paese. Chiede di lei, non l’ha dimenticata, scopre che è rimasta vedova da poco, e allora chiede il suo numero di telefono e un giorno, domato il cuore che batte forte, la chiama. Lei è titubante, forse all’inizio neppure se ne ricorda e, comunque si fa coraggio e accetta di incontrarlo. Il tempo ha trasformato i loro corpi, ha inciso rughe sui loro volti, ne ha scolorito i capelli, ha appesantito gli sguardi, ma ha lasciato intatta quell’emozione che, molti e molti anni prima, era stata bruscamente interrotta. E, in più, per lei il tempo aveva in serbo una sorpresa del tutto inaspettata: un pacchetto di scatti che la ritraevano ancora così giovane e bella e, sul retro, le parole che lui non aveva potuto rivolgerle, i sentimenti che non aveva potuto esprimerle. Le aveva custodite gelosamente, perché, nel più profondo del suo cuore, non aveva mai smesso di pensare a lei. Preso atto del fatto che questa volta non avevano nessun valido motivo per opporre un diniego né di attendere ancora così tanto a lungo, dopo che ognuno aveva attraversato un’intera vita, fatta di   mille altre cose. La difficoltà adesso diventa quella di superare il senso del pudore che di per sè non contemplerebbe che, alla soglia degli ottant’anni, si torni a vivere le passioni di un’adolescenza. Lui, nonostante tutto, mostrava ancora la pazienza di aspettare che in lei maturasse la scelta di seguirlo in un paesino poco distante da quello in cui ha vissuto in questi anni, per sperare di poter percorrere assieme tutti i passi che la vita intende ancora concedere loro. Pochi, rispetto a quelli che in realtà avrebbe desiderato, ma per sempre meglio di niente. E’ premuroso e la raggiunge spesso, la porta a cena fuori e l’accudisce come può. Pare addirittura che, quando lei è stata operata alle cataratte, anziché con il convenzionale e scontato mazzo di fiori, lui si sia presentato al suo capezzale con un cesto ricco di tutte le prelibatezze del suo orto, coltivate con la stessa dedizione che ancora rivolge a lei. Ormai in paese tutti conoscono la loro storia e anche il figlio di lei sarebbe felice di saperla in compagnia di un uomo che la ama profondamente, solo che, per ora, quel senso di pudore è più forte e le impedisce di cedere alla tentazione di raggiungerlo. Ma è felice: chi la conosce giura di leggerle sul suo volto un guizzo di rinnovata allegria e di vitalità che solo un amore impermeabile al tempo e allo spazio poteva restituire. Ed è tutta qui la magia di questa storia nella luce, bella e radiosa, che infonde ai suoi ottuagenari protagonisti. L’emozione di sapere che da qualche parte, neppure troppo lontano, si stia consumando una storia così romantica, a dispetto di tutte quelle in cui il senso vero dell’amore viene quotidianamente mortificato e svilito.

(Luglio 2023)

UN RICORDO INDIMENTICABILE

 

di Luigi Rezzuti

 

Questo non è un racconto d’amore, ma solo un ricordo che porterò per sempre nel mio cuore.

Avevo 18 anni quando, per la prima volta, vidi lei, bella, impossibile, solare, aveva un sorriso stupendo.

Da quel primo giorno, non l’ho più dimenticata. Pomeriggi interi a spiarla, per ore ed ore, ad aspettarla davanti a quel vicolo dove si riuniva con le amiche. Ogni volta che arrivava i miei occhi si illuminavano, diventavano lucidi per la gioia, il cuore impazziva e andava a mille, ma lei non si accorgeva di niente e a me andava bene così, mi bastava vederla ogni sabato, mentre entrava in pizzeria dove io e i miei amici ci riunivamo.

La guardavo, senza farmi notare. Era bella, forse troppo bella per me.

Ricordo ancora ogni sabato in lacrime perché volevo andare a dirle tutto, ma non ci riuscivo anche se i miei amici mi davano coraggio, mi rassicuravano, mi spronavano. Io, come al solito, non riuscivo nemmeno a dirle: “Ciao”. Forse questa è l’unica cosa che rimpiangerò per tutta la vita, rimpiangerò quel maledetto giorno in cui la vidi entrare per l’ultima volta nella pizzeria con il suo stupendo sorriso ed io, troppo imbarazzato, scappai via.

Dopo tante promesse, fatte anche con i miei amici, ci fu il momento di avvicinarmi e provare a conoscerla.

Beh… scappai via, ero ingenuo, stupido, timido, ma forse era solo destino.

Fu così che quella stessa sera lei perse la vita in un incidente col motorino.

Quello è stato il giorno più brutto della mia vita. Oggi, dopo una cinquantina di anni circa, il mio cuore batte ancora per lei, batte ancora quado passo davanti a quel vicolo dove, però, non riesco a girarmi perché so che non la rivedrò mai più, sorridente come sempre.

Ora sto bene, non sono triste perché so che lei è qui con me, ogni giorno le parlo, so che lei mi guarda, ancora sorridente, di lassù.

E vorrei dirle solo una cosa che non le ho mai detto o, forse, non ho mai avuto il coraggio di dirle: “Antonella, sei stata il mio primo colpo di fulmine. Non ti dimenticherò mai, non dimenticherò mai la gioia che provavo vedendoti sorridere, rimarrai sempre con me Non costa niente sognare, no? Non ti dico addio perché un giorno, forse ci rincontreremo. Quindi, ciao, Antonella. Un bacio. Tuo per sempre”.

(Maggio 2023 - Gli articoli vengono riprodotti quali ci sono pervenuti)

MUSTAFA’

 

di Luigi Rezzuti

 

Mustafà sta qua, Mustafà sta qua.

Con questa voce si fa strada pian piano, sulle spiagge del litorale di Formia, la possente figura di Mustafà, con la sua colorata mercanzia di palloni, scarpette da mare, giochi da spiaggia.

Lo chiamo perché mi si sono rotte le pianelle di gomma.

Ora, è di tradizione mercanteggiare con gli ambulanti, invece, io che tendo ad avere sempre lo sconticino nel negozio elegante, senza ottenere che un’alzata d’occhi schifiltosa della commessa, con gli ambulanti, per principio, non tiro mai sul prezzo e, quando Mustafà mi chiede otto euro, gliene do dieci e lo fermo mentre sta per cercare i due euro di resto.

E per non offenderlo gli dico che no, il resto è per un caffè.

Mustafà non mi ringrazia, allarga ancora di più il suo sorriso biascicando, quasi a se stesso, qualcosa sulla giornata cominciata bene per aver venduto a dieci euro una cosa da otto. Il che significa che in quella giornata venderà tante cose.

Lo osservo che si allontana lanciando la sua voce di richiamo, col suo carico che sembra non pesargli nella mattina canicolare, con il sole negli occhi e il sorriso che gli illumina il volto, nerissimo, incorniciato da una barba bianca.

Mustafà avrà certo i suoi problemi: chissà da dove viene, dove abita, in quale luogo ha familiari cui mandare i pochi soldi che arrabatta.

Eppure sprigiona una serenità antica, quella dei tempi in cui non ci si poneva troppi problemi e non si era pressati da troppe aspettative: quando si “campava” la vita giorno per giorno, moneta su moneta, assaporandone il gusto ora dolce ora amaro.

Forse tutti noi dovremmo provare a gridare ogni tanto il nostro nome come un richiamo (Luigi sta qua, Danilo sta qua) che sintetizzi il senso primario ed essenziale della vita. Esserci ancora, malgrado tutto.

Con la mercanzia che ognuno di noi ha la capacità di offrire a  se stesso e agli altri, accompagnati da un sorriso, che ha il potere di illuminare il cammino.

(Aprile 2023)

RICORDI DI GIOVENTU’

 

di Luigi Rezzuti

 

Trovo curioso come un semplice odore ti faccia rivivere dei momenti della vita ormai sepolti nella memoria, dove i ricordi rimangono sopiti e impolverati. Sono in coda alla cassa del supermercato, gli anni cominciano ad essere molto di più di quelli che vorrei avere e di quelli che mi sento in realtà, sono l’ultimo di una fila di quattro carrelli, e dietro di me c’è giusto lo spazio per passare ed andare nelle corsie. Una ragazza che ostenta il suo ciuffo in modo irrispettoso nei miei confronti, visto che i capelli ne ho ben pochi ormai, mi   passa alle spalle, e in un stante, mi sale su per le narici, annebbiandomi la realtà del momento e facendomi tornare indietro di sessant’anni almeno. Avevo da poco compiuto vent’anni, avevo la patente da poco e una Fiat seicento, un vecchio cartoccio. Dicevo, ero giovane e pieno di capelli, spensierato e con i problemi dei ragazzi medio di quell’età, volevo solo crescere più velocemente, andare a lavorare, potermi divertire e non avere il pensiero dei pochi soldi che mi davano i miei genitori. Volevo divertirmi con giovani fanciulle, ero giovane e spensierato. Quante volte ci siamo strusciati sulla ragazza che ci precedeva in una qualsiasi cosa, come ad esempio quella per il guardaroba nelle discoteche? Fatto sta che una volta sono stato io oggetti di strusciamento, proprio in una discoteca, proprio in coda ai guardaroba, era una ragazza che avevo guardato in precedenza. Ho sentito una presenza importante alle ie spalle, la ragazza era un po' più alta di me, bionda, fisico asciutto e die occhi verdi, la sentivo premere contro le mie spalle, superato l’imbarazzo iniziale, la mente ha cominciato a viaggiare, ho pensato di girarmi all’improvviso e baciarla, oppure a prendere la sua mano con la mia. La cosa ormai era in dirittura d’arrivo, e una volta consegnato il mio giaccone, prima di entrare ho potuto guardare per la prima volta la ragazza che stava dietro di me, e che per buoni dieci minuti non ha ceduto di un millimetro la sua posizione. Mi sono girato, e come una folata di vento, visto che era stata aperta la porta della discoteca per far entrare altri ragazzi come noi, sono stato ammaliato da un sorriso disarmante, due occhioni verdi, una ragazza decisamente bella, vestita con dei jeans, una maglietta bianca e due tacchi a spillo. Prima uno sguardo nei suoi occhi, poi sul suo corpo e poi di nuovo nei suoi occhi, un sorriso ebete sul mio viso, un sorriso malizioso sul suo. Una volta entrato nel locale, ho cercato la mia compagnia di amici, con i quali ho trascorso le prime due ore alternando il ballo in pista a code interminabili al bancone del bar e piccole pause sul divanetto, ma della ragazza nessuna traccia. Il Dj stava proponendo gli utimi dischi di Tenco e sarebbe passato a qualcosa di più soft per quelle nuove coppie entrate che non aspettavano altro che poter avere un po' di tranquillità.  Il mio sguardo ha vagato per tutta la discoteca e finalmente l’ho vista, le ho sorriso, mi si è avvicinata e mi ha sussurrato qualcosa di incomprensibile all’orecchio, mi ha preso per mano e tirato verso il bar, la musica era ovattata, le orecchie tappate, i sensi in subbuglio, ricordo i pochi secondi passati a guardarci che sono sembrati un’eternità in quel momento, le nostre bocche che si sono unite, accompagnate dal desiderio covato tutto il pomeriggio. Ritornando al pomeriggio in questione, una volta che ci siamo ripetutamente baciati, siamo usciti, tra gli sguardi torvi dei miei amici. Quant’anni passati in qualche istante, la ragazza della discoteca quella tra le corsie del supermercato sono scomparse. Faccio coda alla cassa adesso è il mio turno, appoggio quelle poche cose che ho nel carrello sul nastro e aspetto che la cliente che ho davanti finisca di imbustare la sua spesa, la guardo, è una bella donna poco più alta di me, un bel sorriso, due occhi verdi come il mare, le sorrido, mi sorride, le faccio l’occhiolino, mi fa l’occhiolino anche lei, si sistema e se ne va, cerco di fare il più veloce possibile e nel frattempo cerco di non perdere la direzione che ha preso all’uscita, mi catapulto fuori dal supermercato e la cerco, mi sfreccia davanti con lauto, che ho già visto da qualche parte, faccio mente locale, certo l’ho vista nel parcheggio sotto casa mia, la mente corre come un vortice cerca di farmi vedere delle immagini, ne seleziono alcune, le persone si somigliano tutte, quegli occhi verdi non si possono non ricordarli uno sforzo ancora, ecco è lei, abita vicino casa mia, l’ho vista due volte a passeggio colcane, ma non sono poi così fisionomista con le persone, ma con le automobili si, la sua poi si riconosce perché è un modello particolare e soprattutto la targa con i tre numeri uguali, è venuta ad abitare da poco. Ecco l’ho riconosciuta sei la ragazza della discoteca, chissà che non riallaccio i rapporti dopo quarant’anni.

(Marzo 2023 - Gli articoli vengono riprodotti quali ci sono pervenuti)

 LA NAVE CHE AFFONDO’ IN UN MARE DI STRACCI

 

di Luigi Rezzuti

 

Quella lettera sembrava le bruciasse le dita. Assuntina, una popolana napoletana l’aveva letta una decina di volta per capire quello che le faceva scoppiare il cuore. Portava la data del 3 marzo 1892 e Vincenzino l’aveva spedita da Civitavecchia.

Sto caricando balle di stracci - scriveva – poi dovremo fare scalo a Cagliari e finalmente a Genova. Rimarrò a bordo ancora una settimana ma dopo verrò a casa. Aspettami” Quando Vincenzino le aveva parlato degli stracci, mesi prima, Assuntina si era molto stupita.“Credevo sapessi – le spiegò Vincenzino – li stendono a terra negli uliveti e, marcendo diventano un ottimo concime per gli alberi”Assuntina era troppo felice, Vincenzino arrivava a casa e, se avesse mantenuta la promessa, tra due si sarebbero sposati.Lui era il comandante della nave, anche se era giovane per quel compito, doveva ancora compiere Trentacinque anni.Gli armatori della nave, lo avevano imbarcato non appena aveva completato gli studi al Nautico, era cresciuto sulle loro navi ed era diventato il comandante più giovane della compagnia, ed Assuntina ne era molto orgogliosa.Guardava il mare e l’orizzonte non appena ne aveva l’occasione pur sapendo che non avrebbe potuto vedere la nave, perché non sarebbe sicuramente passata li davanti prima di due mesi e Assuntina, dalla sua casa al borgo marinaro, non l’avrebbe potuta avvistare con anticipo che le avrebbe permesso di arrivare al porto in tempo per lo sbarco del suo amato.

La sera del 6 aprile decise di andare a dormire prima del solito, non voleva rischiare di essere ancora a letto mentre la nave sfilava sul lungomare di Napoli. Non riuscì ad addormentarsi, sentì il campanile battere le ore anche dopo a mezzanotte, poi, finalmente il sonno ebbe ragione sula sua eccitazione.

Il sole era appena sopra l’orizzonte che Assuntina era già in piedi. Si affacciò alla finestra, era una giornata meravigliosa come soltanto aprile sapeva offrire, il mare era calmo e splendeva sotto il sole. Le condizioni migliori, pensò, perché la nave potesse avvicinarsi a terra. “La mia nave fa tranquillamente gli undici nodi – le aveva spiegato Vincenzino con orgoglio – ma, ad elica ferma, posso andare più piano”Lei non aveva capito molto ma non le importava. Si allontanò dalla finestra, doveva decidere quale vestito indossare al suo arrivo ma non ebbe dubbi, doveva scegliere il più bello, quello della festa.

Alle 10,00 non riuscì più a rimanere in casa, Vincenzino stava per sbarcare, uscì dal portone nel vicolo e si avviò sul lungomare. Arrivò in un grosso spiazzo e decise di fermarsi. Il tempo sembrava essersi fermato ma erano le 11,00 quando avvistò un filo di fuma all’orizzonte. Quella nave non poteva essere che quella di Vincenzino. Ad un certo punto si accorse che finalmente puntava a terra. si, poteva essere Vincenzino anzi, doveva essere lui. Vedeva la prua che spingeva una corona di spuma bianca ma non riusciva a leggere ancora il nome. La nave era nera con una striscia rossa proprio come le aveva spiegato Vincenzino e soprattutto si avvicinava a vista d’occhio ma non aveva la prua verso il porto ma verso ponente. Assuntina comprese che il suo amore aveva deciso di sfilare proprio davanti a lei e, per questo, avrebbe dovuto virare per far vedere la fiancata sinistra. La grande nave nera era sempre più vicina tanto che riuscì a vedere il nome a grandi lettere bianche che spiccavano ai due lati della prua. Scrutò la tolda e lo vide, Vincenzino era sull’aletta di sinistra con una bella giacca blu da comandante e, con una mano sventolava un fazzoletto bianco mentre teneva un binocolo con l’altra. Assuntina sollevò le braccia mentre lacrime di felicità scendevano sul suo volto. “Vincenzino! Vincenzino” gridò mentre piangeva. Il suo grido si infranse contro un rumore di ferraglia che la turbò. E neppure riuscì a capire se proveniente dalla nave che continuava a muoversi verso ponente, mentre Vincenzino la guardava con il binocolo. La nave rallentò e si inclinò vistosamente, vide il suo fidanzato correre sul ponte inclinato e scomparire all’interno della timoneria. Notò la prua spostarsi verso il largo mentre quel rumore sinistro ed inquietante continuava a stridere nelle sue orecchie e la nave era sempre più inclinata. “Possibile che abbia urtato uno scoglio?” Si domandò Assuntina che, pochi attimi prima era passata dall’eccitazione allo sgomento “No, no, non può affondare proprio adesso”. La nave, intanto, aveva virato e sembrava dirigersi verso il largo con la poppa rivolta a terra. Ma, ad un certo punto, si fermò di colpo, Assuntina cercò di capire, prima c’era stato l’urto contro il basso fondale passando davanti al lungomare, poi Vincenzino aveva cercato di portare la nave verso il largo per evitare danni più gravi. La ciminiera assurdamente inclinata lasciava ancora andare del fumo nero. La poppa stava sprofondando sempre di più mentre veniva calata una sola scialuppa. Si vedevano uomini salire su quella barca, doveva essere l’equipaggio al completo altrimenti avrebbero messo in acqua anche l’altra scialuppa. Vincenzino aveva capito che la sua nave era persa e aveva dato l’ordine di abbandono. Sulla scialuppa carica di marinai, diventati naufraghi, misero i remi in acqua e cominciarono ad allontanarsi dalla nave   con la tolda ormai vicina all’acqua. Assuntina, però, si tranquillizzò quando vide il suo Vincenzino a bordo della scialuppa che si dirigeva verso l’approdo più vicino. Un’esplosione e poi un rombo la fecero sobbalzare e distogliere la sua vista dalla scialuppa, l’acqua aveva ormai circondato il fumaiolo che continuava ad eruttare quel denso fumo nero. La nave sembrava sussultare in un’assurda agonia e, con l’ultima esplosione scomparve. Al suo posto, a pelo d’acqua c’erano alcune balle di stracci colorati. Finalmente Vincenzino sbarcò e Assuntina si lanciò tra le sue braccia per baciarlo.

Circa un secolo e mezzo dopo, un certo comandante “Schettino” per fare l’inchino urtò quel “cazzo di scoglio!” e la nave da crociera affondò miseramente. Da quel giorno lo scoglio che aveva generato l’agonia della nave di Vincenzino ebbe un nome “‘O scoglio d’’a munnezza” che rimandava a quel suo carico di stracci e a quell’assurdo naufragio.

(Gennaio 2023)

Buon Natale

 

di Mariacarla Rubinacci

 

Natale 1920. Natale 1921. sono ormai un ricordo lontano, archiviato, chiuso in uno sgabuzzino come una cosa usata ma che non serve più. Quasi non c’è memoria di cosa si sia fatto, pur chiamandole festività. Beh, certo, ci si riferisce a coloro che non hanno subito dolorose conseguenze, per molti, al contrario, il ricordo ancora piange nel silenzio.

Oggi, Natale 2022, è tornato tutto “normale”. La Normalità veste le vetrine luccicanti, i Panettoni straboccano, offerte regalo fanno l’occhiolino alla tredicesima in arrivo, una visita nell’agenzia di viaggi lì sotto casa mette in moto fantasie esotiche. Si sta decidendo il colore dell’albero, Rosso? Blu? Oro? Tutto uguale, tutto allegro, tutto come sempre è stato, tutto normale.

Ma all’improvviso…..Batapum…. uno scossone scuote la mente, gli occhi si riempiono di fango, la morte allunga le sue mani. La frana nell’isola di Ischia travolge l’entusiasmo, fiumi di fango entrano nelle ossa, la disperazione accomuna le sensibilità.

Allora impelle una domanda, che cosa sia la normalità tanto bramata.

E’ il terreno dove il Bene e il Male, il Bello e il Brutto, la Gioia e il Dolore, si danno battaglia, e trasformano la vita in una competizione, dove però non ci sono vincitori, ma nemmeno vittime. E’ l’Humanitas che cammina, guarda avanti e si volta poco. Lo sguardo si allunga, ma chiude gli occhi per non vedere cosa si è lasciato alle spalle. Domani sarà Natale, domani si mangerà una fetta di panettone, domani si spera che torni la normalità di una casa. FORZA ISCHIA.

Buon Natale a tutti.

(Dicembre 2022)

L’IDRAULICO

 

dI Luigi Rezzuti

 

L’idraulica per noi non ha misteri (semmai, forse, il contrario).

Lavandino del bagno intasato, l’acqua ristagna o scende a fatica.

Mia moglie mi convoca perché è convinta che ci sia qualcosa che ostruisce il deflusso.

Forse un piccolo oggetto finito dentro. Basterebbe provare a togliere l’impedimento.

“Mi serve un uncinetto” mia moglie mi procura un uncinetto che però è troppo corto per raggiungere l’eventuale impedimento.

“Mi servirebbe un ferro più lungo” mia moglie mi procura il ferro più lungo.

“Ma non ha l’uncino” dico a mia moglie

“Per forza non è un uncinetto è un ferro più lungo” risponde mia moglie.

“Ok, lego l’uncinetto al ferro”

“Ma se la corde si slega perdiamo anche l’uncinetto li dentro” obietta mia moglie in versione ancora razionale.

“No, faccio un nodo che non si slega” rispondo

Fatto il nodo procedo rimestando col ferro ma è caduto l’uncinetto.

“Lo avevo detto, io, che non reggeva” dice mia moglie

“No, no, il nodo ha retto, solo che è scivolato” rispondo

 A questo punto a mia moglie si accende una lampadina perché quanto a genialate va forte anch’ella: “Prendi una piccola calamita attaccala al ferro nella speranza che l’uncinetto a sa volta sia attratto dalla calamita” suggerisce mia moglie.

Mentre mi accingo all’operazione “recupero relitti” mi sovviene che il ferro è di ferro, ma l’uncinetto è di alluminio.

Infatti la calamita si è staccata dal ferro e mo sta là a tenere compagnia all’uncinetto.

Apo il rubinetto per assistere al disastro totale ma… prodigio! l’acqua defluisce che è una bellezza. Forse la calamita esercita un’azione magnetica respingente sull’acqua…

“Boh! L’idraulica ha delle ragioni che la ragione non conosce….

Adesso abbiamo lo scarico del lavandino intasato di ferraglia, perciò ora siete avvisati: se vi serve una coppia di idraulici sapete a chi rivolgervi. Non assicuriamo la competenza, ma in inventiva andiamo fortissimi.

Prezzi modici, sconti per comitive.

(Dicembre 2022)

Normalità……. È Sognare

                                                    

di  Mariacarla Rubinacci

 

La sera era ormai inoltrata, l’aria fresca della notte stava arrivando con i suoi fluidi delicati che avrebbero reso morbido il frastuono della strada sottostante già libera dal defluire giornaliero. Di fronte alle sue finestre un palazzo mostrava i suoi occhi illuminati dietro i quali tante storie uguali e diverse stavano mettendo in scena il loro ruolo quotidiano. Alcuni balconi diffondevano aromi familiari delle cene che avrebbero presto radunato i racconti dei fatti vissuti durante il giorno. Un balcone, lassù, verso i piani più alti, le chiamò l’attenzione. Si appoggiò meglio alla ringhiera e con il capo verso l’alto, tentava di inserirsi con occhio curioso nella storia che si stava interpretando su quel palcoscenico.

Aperto come gli altri per accogliere il leggero tepore della stagione, il balcone era avvolto dall’alone di luci colorate, mentre una musica ora dolce, ora allegra e ritmata, rimbombante e poi flebile come parole sussurrate all’orecchio, riempiva l’aria. Assomigliava ad una bocca aperta al canto come fosse in un concerto in piazza, dove tutti, come lei, almeno una volta, si sono fatti coinvolgere cantando e saltellando liberi di gioire. Due ombre contro luce che stavano giocando con i loro cuori le suggerirono l’illusione di sentire sillabe appena bisbigliate da labbra nascoste fra i capelli profumati, accompagnate da un bacio leggero. Ombre cinesi, un alito di brezza notturna muoveva i lunghi capelli di una lei appoggiata morbidamente alla ringhiera, mentre si lasciava cogliere dalle braccia di un lui che delicatamente l’avvolgeva in un gesto di gioia.

Il momento offerto da quei giovani invitava il mondo ad appropriarsi della normalità rimasta chiusa sul fondo del cassetto ormai da troppo tempo.

Si ritrasse dalla scena mentre le sue labbra con un sussurro le fece vibrare…. “un bacio, l’apostrofo rosa tra le parole…”

La festa era diventata un sogno e lei desiderò farsi cullare dall’illusione di poter continuare a sognare, senza pensieri, senza ansie, per rincorrere un sogno anche non suo, ma di tutti, in punta di piedi per non spaventarlo mentre stava riportando in scena la normalità.

(Novembre 2022)

UNA SITUAZIONE TRAGICOMICA

 

di Luigi Rezzuti

 

Simone ha 35 anni, il suo hobby è andare in bicicletta, ha la fortuna di abitare a Posillipo in una zona dove il panorama è spettacolare.

Quando decide di fare un giro in bici manda un messaggio su WhatsApp alla sua amica Alessia che accetta.

Alessia è una bellissima donna, a 30 anni, fisico atletico, capelli biondi, alta circa 1,65.

Una volta incontratosi, salirono in bici e incominciarono a pedalare.

Era una splendida giornata e decisero di fermarsi in un orato e scattare delle foto.

Chiacchierando, chiacchierando Simone le disse di aver preso appuntamento per il giorno dopo con la sua dottoressa per farle vedere gli esami del sangue.

Alessia gli rispose che anche lei doveva andare dalla dottoressa per farsi prescrivere l’impegnativa per una visita cardiologica.

Entrambi avevano la stessa dottoressa.

Simone propose ad Alessia di andare insieme e poi quando avevano finito andare ad un bar a bere un aperitivo.

Alessia accettò l’invito, si salutarono e rimasero d’accordo di trovarsi domani alle 17,30 davanti allo studio della dottoressa.

Il giorno dopo, verso le 16,30 Simone iniziò a prepararsi e verso le 17 uscì di casa.

Arrivò puntuale sotto l studio medico, come da accordi, aspettò che arrivasse Alessia che giunse con dieci minuti più tardi.

Si salutarono e insieme salirono le scale per raggiungere lo studio, entrarono in sala d’attesa Simone notò che c’erano solo tre persone.

Intanto il paziente che era dentro lo studio uscì e andò via.

Una coppia di anziani, marito e moglie, si alzarono ed entrarono nello studio, quindi alla fine davanti a Simone c’era solo una persona.

Alessia avvicinandosi a Simone gli sussurrò che aveva avuto un’idea e cioè di fingersi fidanzati, tanto dovevano solo farsi vedere gli esami e farsi prescrivere la visita cardiologica.

Simone ridendo le disse che era pazza, se la dottoressa li avrebbe scoperti avrebbero sicuramente fatta una pessima figura.

Ma Alessia gli disse di stare tranquillo e di stare al gioco, se la dottoressa le avesse fatto delle domande avrebbe risposto lei.

Simone si fece convincere ed Alessia lo prese per mano come una coppia innamorata e lo guardò sorridendo.

Rimasti soli, poiché la coppia di anziani era uscita ed era entrato il paziente prima di lui, definirono alcuni dettagli: stiamo insieme da circa un anno e mezzo, è da un paio di mesi viviamo insieme.

La porta dello studio si aprì e il paziente che era dentro uscì salutando, quindi si alzarono e tenendosi per mano entrarono.

Simone chiuse la porta alle sue spalle e girandosi vide la dottoressa che aveva un’espressione abbastanza stanca.

La dottoressa aveva circa 57 anni, fisico asciutto, capelli rossi a caschetto e indossava il classico camice bianco da dottore.

Dopo averli salutati con un sorrisetto gli domandò se stavano insieme.

Alessia prontamente rispose di si e facendo una battuta le disse che molto probabilmente il giorno in cui si misero insieme era ubriaca.

La dottoressa scoppiò a ridere e disse che era contenta per loro due.

Con un gesto indicò di sedersi davanti alla sua scrivania, si sedettero e incominciarono a parlare del Covid e di come erano cambiate le abitudini.

Dopo qualche minuto la dottoressa rivolgendosi verso di loro chiese in cosa poteva essere utile.

Incominciò Alessia dicendo che era venuta per l’impegnativa per che le serviva per prenotare la visita annuale di controllo dal cardiologo.

La dottoressa iniziò a scrivere al computer e poco dopo stampò il foglio dell’impegnativa.

Poi rivolgendosi a Simone gli chiese di cosa aveva bisogno, lui tirò fuori gli esami de sangue e li porse alla dottoressa che prese ad esaminare i valori confrontandoli con quelli precedenti.

Al termine gli comunicò che i valori erano nella norma e di risentirsi tra sei mesi per ripeterli.

Continuando ad aggiornare la sua scheda gli comunicò che erano passati quasi due anni, causa Covid, che non l’aveva visitato per il controllo dei nei.

La dottoressa era anche laureata in dermatologia ed eseguiva anche in alcuni giorni delle visite private.

Il controllo dei nei per lei era una cosa che ci teneva molto a fare.

Una volta all’anno lo sottoponeva a questo controllo senza farlo pagare.

Simone capendo che voleva visitare la mappatura dei suoi nei si preoccupò, perché sapeva esattamente come avveniva la visita e girando la testa lanciò uno sguardo di tensione verso Alessia.

Alessia non si aspettava questa visita e anche il suo viso cambiò colore.

Visto che erano gli ultimi pazienti della giornata e tutto sommato aveva finito presto, poteva fare il controllo adesso.

Senza lasciarli il tempo di dire qualcosa, la dottoressa si alzò dalla sedia e di diresse verso la zona dedicata alle visite dicendo: “Tutti e due venite con me”.

Come due imbranati che hanno fatto la “cazzata” del secolo nel dire di essere fidanzati si dovettero alzare e andare dove si trovava la dottoressa, che gli comunicò di spogliarsi e rimanere solo con la biancheria intima.

Che situazione imbarazzante e nello stesso tempo tragicomica, lui ed Alessia non si erano mai visti nudi o solo con la biancheria intima.

Simone fissò nuovamente Alessia negli occhi e capì che pure lei non sapeva come uscirne senza dire la verità e fare una pessima figura.

Simone incominciò a spogliarsi, si tolse le scarpe per passare poi alla maglietta ed infine ai pantaloni, rimanendo come aveva detto la dottoressa solo con le mutande.

Mentre si spogliava vide che anche Alessia lo stava facendo togliendosi i pantaloni e la canottiera e rimanendo in reggiseno e mutandine.

I loro sguardi si incrociarono per un attimo ed erano colmi di imbarazzo.

Intanto la dottoressa si stava preparando per la visita tirando fuori la strumentazione necessari a e posizionando un foglio di carta sul pavimento in modo da non farli rimanere con i piedi nudi a contatto con il pavimento.

Una volta pronta, la dottoressa guardandoli gli comunicò che avrebbe iniziato da Simone.

Conoscendo già la procedura si andò a posizionare sul foglio di carta disteso sul pavimento.

La visita incominciò con il controllo della testa per poi scendere sul torace fino all’ombelico.

Mentre la dottoressa continuava con il controllo, Simone lanciò uno sguardo verso Alessia.

Lei era a circa due metri di distanza che lo guardava, Simone notò che si stava mordicchiando il pollice, forse nervosamente.

Una volta che la dottoressa era arrivata a controllargli i piedi, gli disse di girarsi e ripartendo dal collo scendendo lungo la schiena, la dottoressa proseguì la visita.

Simone sentiva le sue mani che tastavano ogni centimetro del suo corpo, per fortuna essendo di spalle non potette vedere Alessia.

La cosa era imbarazzante, la visita continuò ancora per qualche minuto, poi per fortuna la dottoressa gli disse che aveva finito.

Simone si girò e vide Alessia che era sempre lì con i suoi occhi che fissavano il corpo di Simone.

La dottoressa tenendo sempre un atteggiamento professionale, rivolgendosi verso Alessia le disse che adesso toccava a lei.

Simone ritornò dove era prima, praticamente invertirono le posizioni.

Alessia si mise con i piedi sopra il foglio di carta rimanendo immobile, la dottoressa, come aveva fatto con lui, incominciò a controllare la testa per poi arrivare al torace e come aveva fatto con lui la fece girare di spalle.

Simone a questo punto potette ammirare, in ogni suo dettaglio, quello splendido corpo.

La visita era finita e la dottoressa le disse di avere ancora un attimo di pazienza, e dirigendosi verso la scrivania si mise a scrivere qualcosa al PC.

Sentirono i passi della dottoressa che stava ritornando e comunicò loro che era tutto ok, e che potevano rivestirsi.

Ritornarono dove avevano posato i loro vestiti e cominciarono a rivestirsi.

Ua volta rivestiti andarono vicino alla scrivania della dottoressa che li stava aspettando per salutarli.

Uscirono dallo studio e Simone guardò Alessia, lei ridendo gli disse di non dire nulla, aveva bisogno solo di bere qualcosa di forte e che sarebbero andati a casa sua.

 Dopo dieci minuti di imbarazzo totale raggiunsero la casa di Alessia, entrati si diressero in cucina e Alessia preparò due bicchierini di liquore.

Dopo averlo bevuto, Simone guardò Alessia ed entrambi scoppiarono a ridere e incominciarono a parlare di quello che era successo.

Simone le confessò che il fatto di sapere di essere guardato gli aveva creato un forte imbarazzo.

Alessia lo guardò sorridendo e gli disse che forse aveva vinto la timidezza di farsi vedere solo con la biancheria intima, poi lo strinse a se in un forte abbraccio e iniziarono a baciarsi e ridere.

(Ottobre 2022)

MOGLIE IN VACANZA MARITO IN CITTA’

 

di Luigi Rezzuti

 

E’ un’afosa giornata di luglio: la città si è svuotata, la moglie è partita per le vacanze estive e lui, povero Cristo, oltre a lavorare, quando è a casa deve pensare a sfamare il gatto, il cane, i canarini, la tartaruga, il pappagallino, il criceto del nipotino e un merlo indiano che quando si avvicina gli dice; “ciao come va”

“Quasi quasi domani li porta tutti alla mensa della Caritas” poi decido di andare a rinfrescarsi alla piscina comunale, prima però, doveva comprarsi un costume da mare nuovo.

Entra in un negozio di articoli sportivi e incomincia a guardare e a provare la taglia giusta.

Un pezzo di figliola con minigonna, vista la sua indecisione, gli si avvicina offrendosi di aiutarlo nella scelta e così, distratto da tanto ben di dio, se ne esce dal negozio con un costosissimo boxer elasticizzato di colore viola. Già che c’era la furbetta gli rifila l’offerta del giorno e così si ritrova ben presto con pinne, fucili ed occhiali, ci mancava solo la paletta, il secchiello, le palettine, e in omaggio, un salvagente.

Finalmente arriva in piscina e lo avvertono che, per un nuovo regolamento dell’ASL, deve fare, per motivi di igiene, una doccia speciale con una sostanza particolare.

Si sottopone al trattamento ma, forse per una sua intolleranza a questa strana sostanza, si ritrova completamente depilato tanto da sembrare un lumacone senza guscio…che orrore!

Finalmente, indossato il costume, mostra orgogliosamente il suo addome a tartaruga obesa e si butta in piscina dal trampolino con un clamoroso tuffo doppio carpiato con avvitamento a destra e raddrizzamento dorsale a sinistra prima di entrare in acqua.

Preso da improvvisa vigoria, si spara due o tre vasche in vari stili, libero, rana, farfalla e, come ultimo a polipo di scoglio da lui inventato.

Ma, all’uscita ha una brutta sorpresa: sarà per il cloro eccessivo, la temperatura elevata, la doccia di prima, ecco che si ritrova con una strana forma di abbronzatura a chiazze marroni tanto da sembrare una mucca svizzera, e da provocare l’ilarità di un gruppo di bambini che, in coro, gli gridavano tutti…muuuhh!

Malgrado tutto si ero rinfrescato e così decise di andare in centro città dove si svolgeva una manifestazione di artisti di strada, mangia fuoco, trampolieri e quant’altro.

Passeggiando distrattamente si sentì chiamare: “Ehi signore, venga che le faccio le carte e l’oroscopo, per lei oggi è gratis”.       

C’era un cartello con scritto: “Amelia la fattucchiera che ammalia” e decide di farsi leggere la mano.

Così dopo un giro di tarocchi e un movimento del pendolino, la maga gli dice che avevo Urano nei Pesci fuori dall’acquario perché il Sagittario si era innervosito col Toro che aveva Marte contro perchè la Vergine era stata molestata dal Capricorno perché gli aveva fatto le corna con l’Ariete all’insaputa del Leone… che gli venisse un  Cancro!...e aveva avuto anche una relazione con i due Gemelli di Saturno sperando che non lo venisse a sapere Nettuno… eh si, “nettuno è perfetto”!

Praticamente gli aveva detto che avrebbe avuto una giornata di m….da!

Nel frattempo gli era venuta fame e decide di entrare al McDonald’s dove si svolgeva una festa per tutti quelli col cognome che iniziava con la M, infatti c’era MacNamara, Mina, Moreno Moreno e Martufello.

Mangiò un panino con manzo Montana, una birra Moretti doppio malto, una morbida mousse alle more e un caffè Miguel corretto al marsala. Che bella giornata altro che M….da.

(Giugno 2022)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen