NEWS

Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   "Homologia" - Prima assoluta per la Campania   Questa volta è nostro intento segnalare al lettore gli...
continua...
I PONTI DEL 2019   di Ilaria Rezzuti   Un nuovo anno è arrivato e vogliamo divertirci a suggerire ai lettori de “ILVOMERESE” qualche accattivante...
continua...
NAPOLETANA - Arte turca al CAM   Dal 18 novembre 2017 alle ore 18.00 presso il museo CAM si terrà Napoletana, a cura di Kani Kaya, mostra di 37...
continua...
E’ FINITO IL CAMPIONATO DI CALCIO DI SERIE A 2016 – 2017   di Luigi  Rezzuti   Spalletti, allenatore della Roma,  a fine campionato si è ritrovato con...
continua...
OEDIPUS     Fisciano, mercoledì 8, ore 15,00, Università degli studi di Salerno, Incontri tra letteratura e matematica presso il Dipartimento di...
continua...
Cetara al simposio internazionale in Giappone   di Claudia Bonasi     Cetara partecipa, da protagonista, in Giappone, al simposio internazionale “La...
continua...
L’esilio della bellezza   di Gabriella Pagnotta   Qual è il valore del limite oggi? I limiti sono qualcosa da temere, da mantenere, da costruire o da...
continua...
    RESIDENZE BORBONICHE, Patrimonio dell’Umanità   APPELLO-PROPOSTA di candidatura per la lista UNESCO   Una grande campagna di...
continua...
La Posillipo di Virgilio   di Antonio La Gala     Il grande poeta Publio Virgilio Marone ebbe il primo contatto con Napoli quando decise di studiare...
continua...
La caduta del Forte di Vigliena   di Antonio La Gala     Uno degli episodi militari che portarono alla caduta della Repubblica Partenopea del 1799,...
continua...

5 maggio SPECIALE al "Tempo del vino e delle rose" di Napoli

 

Il tempo del vino e delle rose - Caffè letterario - piazza Dante 44/45, Napoli, Info 081 014 5940

 Marisol Bohorquez Godoy, poetessa colombiana, e affermata traduttrice di poesia italiana in spagnolo

omaggiata dalla lettura della poetessa e traduttrice in napoletano ( ma nata in Sicilia) Rosanna Bazzano.

Un bell'intreccio di lingue, poetiche ed esperienze di traduzione.

Marisol Godoy (poetessa di formazione scientifica) presenterà i suoi libri in traduzione italiana : "Effetto farfalla" (Raffaelli editore) e "Antiparticelle". In dialogo con lei Vanina Zaccaria.

Rosanna Bazzano proporrà suoi testi inediti e sue traduzioni in napoletano di poetesse famose.

(Maggio 2019)

Maggio dei monumenti

 

di Luigi Rezzuti

 


Come ogni anno, il mese di maggio è dedicato ai monumenti e quest’anno il tema della venticinquesima edizione sarà “Il diritto alla felicità”.

Per tutto il mese, sarà possibile visitare palazzi storici, teatri, chiese, musei, e quant’altro.

Tra gli eventi da non perdere c’è il “ ‘700 dei lumi”, espressione della vivacissima fioritura culturale e artistica della seconda metà del ‘700 (in pittura, scultura, architettura, musica, letteratura, filosofia, teatro etc.) che costituisce il filo conduttore delle iniziative, dedicate a Gaetano Filangieri (nella foto), uno dei massimi giuristi e pensatori dell’Illuminismo napoletano, e non solo.

Lo ha annunciato l’assessore alla cultura del Comune di Napoli, Nino Daniele, facendo il punto sulle prossime iniziative culturali in città, che si articoleranno in mostre, visite guidate, reading, concerti e manifestazioni teatrali di vario genere.

Altro evento, “La festa Europea della Musica”, che sarà dedicata a Fabrizio De Andrè, a vent’anni dalla sua scomparsa.

Il Natale ha l’albero, la Pasqua ha l’uovo e il Primo Maggio ha il Concertone.

La location, quest’anno, è Piazza Dante, una delle Piazze più importanti e da sempre luogo di ritrovo di napoletani e turisti.

Un’occasione speciale per vivere uno dei luoghi del centro storico partenopeo in modo diverso, all’insegna della condivisione della musica e delle emozioni che solo un concerto sa regalare.

Si avvicenderanno sul palco tantissimi artisti.

Inoltre, proprio in questi giorni la città ha celebrato il teatro di figura nella Sala Giunta del Comune. L’assessore Nino Daniele ha consegnato al maestro burattinaio Adriano Ferraiolo un riconoscimento della Città di Napoli.

Ferraiolo, con la sua compagnia, è l’erede di una vera e propria dinastia di artisti del teatro di figura, artisti girovaghi che, da oltre centocinquanta anni,  di generazione in generazione, trasmettono e rinnovano l’amore per una forma d’arte  che è, allo stesso tempo, popolare e colta.

Nel corso della mattinata il maestro guarattellaio, Bruno Leone, con Nino Daniele e Franco Coticelli, docente di Storia del Teatro, ha presentato alla stampa l’apertura della prima “Casa delle Guarattelle”, che è stata inaugurata con una vera e propria festa, corredata da parate, spettacoli, visite guidate e concerti per Pulcinella, fino a sera.

Ed è giusto che sia stata inserita in questo nostro “Maggio dei Monumenti”, trattandosi di una forma d’arte tipicamente napoletana.

Altro evento da non perdere è l’apertura al pubblico della Casa Massonica che organizzerà visite guidate per questa tradizionale rassegna che, come sempre, spalanca le porte dei siti artistici  e culturali della città.

Le date fissate sono cinque: 4, 11, 18, 25 maggio  e 1° giugno.

Sarà possibile visitare anche una mostra fotografica di ispirazione esoterica, realizzata da Libero De Cunzo.

L’esposizione, che ha riscosso grande successo a Castel dell’Ovo nel periodo natalizio, rimarrà allestita nelle cinque date fissate dalla Casa Massonica napoletana, che fu acquistata nel 1916 per iniziativa di Vincenzo Vigorita e fu requisita dai fascisti, nel primo periodo del regime mussoliniano, e assegnata a un dopolavoro ferroviario.

Fu restituita, poi, ai legittimi proprietari, nel 1943, grazie all’interessamento di alcuni Fratelli, aiutati dal Colonnello Charles Poletti, italo-americano ed esponente della Massoneria statunitense.

(Aprile 2019)

L'ARTICOLO 21 DELLA COSTITUZIONE
 
 
(Marzo 2019)
SFUGLIATELLA
 
 
(Marzo 2019)
PRIMA DELL'OBLIO
 
 
 
 
(Marzo 2019)

Il tempo del vino e delle rose - Caffè letterario

piazza Dante 44/45, Napoli - Info 081 014 5940

 

Letteratura e Cinema

Domenica 10 marzo Silvio Raffo, la poesia e la narrazione, con proiezione di alcuni spezzoni del film La voce della pietra. Traduttore, poeta e narratore, ha collaborato con radio, televisioni svizzere e italiane, e giornali, fra cui il mensile «Poesia». Nel 1997 è stato finalista al Premio Strega con il romanzo La voce della pietra (Il Saggiatore, 1996) dal quale è tratto il film Voice from the Stone, con Emilia Clarke e Marton Csokas, regia di Eric D. Howell, Remo Girone, Lisa Gastoni, uscito nel 2017. Dirige il centro di cultura creativa "La Piccola Fenice", fondato nel 1986.

 

Salute e benessere

Giovedì 7 marzo, alle 19:30, continuano gli appuntamenti di "Tutta salute", cene Benessere con la biologa nutrizionista, esperta in fitoterapia clinica, dott.ssa Martina Lomonte.

"Tavola: singolare femminile." Una serata tutta dedicata alla donna, dalla scienza alla tavola.

Il menù e l'abbinamento dei piatti sono stati pensati per proporvi alcuni degli alimenti e dei nutrienti indispensabili al benessere della donna. Prenotazioni necessarie: 081 0145940

 

Musica e poesia: insieme è meglio

Venerdì 8 marzo ore 21. La festa della donna vissuta con la musica di Luigi Lepre, la lasagna della nostra chef Giusj Melchionna e le poesie di Rosalia Catapano e Licia Vetere. prenotazione obbligatoria!

 

 

Napoli da ascoltare e da mangiare

Sabato 9 marzo ore 21. "Napoli Mia", un concerto dedicato al repertorio classico napoletano, eseguito in maniera particolare attraverso arrangiamenti vocali e musicali curati con stile e originalità. Francesca Curti Giardina, cantante versatile dalle emozionanti doti interpretative sarà accompagnata alla chitarra classica dal Maestro Nicola Campanile.

(Marzo 2019)

"IL COMANDANTE BULOW"
 

 
(Gennaio 2019)
SALERNUM WINE FORUM
 
 
 
Un modello previsionale, elaborato da un gruppo di ricercatori, ha stimato i possibili impatti del cambiamento climatico sulla vitivinicoltura. Lo studio evidenzia il fatto che le regioni vinicole più importanti del mondo vedranno sensibilmente diminuire le loro aree coltivabili, obbligando i viticoltori a piantare nuovi vigneti in ecosistemi precedentemente indisturbati, a latitudini più alte o altitudini più elevate, eliminando le specie vegetali e animali locali. Il paesaggio si fa. Il paesaggio è il principale documento della nostra storia. E come la storia è il prodotto di avvenimenti, azioni, luoghi. Ma bastano conservazione e tutela a "fare il paesaggio"? Tutto cambia, il clima, le comunità, la tecnologia, le necessità. Quindi è importante idealizzare e ripensare il paesaggio, valorizzandone l’identità, le specificità e biodiversità. Scenario del SALERNUM WINE FORUM, organizzato dal Consorzio Vita Salernum Vites in collaborazione con il Parco Archeologico di Paestum, in cui si discuterà su questi argomenti, è la Sala Cella del Museo di Paestum, sabato 1 dicembre 2018, a partire dalle ore 10,30. L’evento si propone come occasione d'incontro delle più importanti esperienze della filiera vitivinicola nella provincia di Salerno, per un confronto aperto sulle idee progettuali per il futuro. Il fine ultimo è quello di iniziare un percorso di riflessione e progettazione, che si concluderà con l'adozione condivisa di un documento di indirizzo strategico per il comparto. Sarà quindi un’occasione di confronto per discutere e condividere idee e azioni per lo sviluppo del territorio e delle sue denominazioni di origine. Inoltre sarà l’occasione per la definizione e l’adozione di buone pratiche di intervento per la mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici e per la sostenibilità delle produzioni vitivinicole. L’iniziativa rientra nel progetto “Salernum Vites” approvato dalla Regione Campania e realizzato con il contributo dell’Unione Europea FEASR | PSR Regione Campania 14-20 | Misura 03 | Intervento 3.2.1.
(Dicembre 2018)

LA TOMBA PROFANATA

 


CARMINE COLELLA ALL'ASSOCIAZIONE LUCANA
 
 

La conferenza verterà su Francesco Mauro, illustre lucano di Calvello (Potenza), di cui si era persa memoria, che è stato recentemente riscoperto e sul quale sono stati pubblicati due studi, che illustrano la vita e la carriera, svolta in gran parte fra Roma e Napoli. Francesco Mauro (1850-1893) fu un chimico, che, cresciuto alla scuola di illustri maestri, quali Arcangelo Scacchi e Stanislao Cannizzaro, intraprese la carriera universitaria, che ebbe il suo culmine a Napoli, quando diventò titolare della cattedra di Chimica docimastica presso la Scuola di Applicazione per gli Ingegneri. Nella anni finali della sua breve vita, che finì tragicamente in laboratorio per avere presumibilmente inalato sostanze tossiche, fu Direttore della Scuola e si distinse per alcune importanti riforme, che furono poste in atto attraverso il suo impegno e la sua tenacia. Dal punto di vista scientifico si occupò di chimica inorganica, effettuando importanti studi sull’analisi delle acque e sulla sintesi e caratterizzazione di sali complessi di molibdeno. Fu un innovatore nella didattica, trasformando la chimica docimastica in chimica applicata, una disciplina che andava al di là del puro approccio analitico nello studio dei materiali, ma ne approfondiva la costituzione ai fini di un corretto e più efficace impiego. Riposa al cimitero monumentale di Poggioreale, nel recinto degli uomini illustri.

(Giugno 2018)

Associazione lucana “Giustino Fortunato” - Incontro con l’autore e reading

 

Segnaliamo la presentazione del libro di Antonio Giambersio, Odissea. L’epilogo - Gangemi editore 2018 – L’ultimo viaggio di Odisseo (“…un racconto nel quale è piacevole perdersi…”                  Livo Rossetti).

Sabato, 5 maggio 2018, alle ore 18, all’Archeobar,  Caffè letterario, via Mezzocannone 101 bis, Napoli.

 (Maggio 2018)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen