NEWS

Sebastiano Conca, pittore smagliante e decorativo   di Antonio La Gala   Una strada molto nota, che incontriamo nella fascia di collegamento fra i...
continua...
NON C’E’ PIU’ TEMPO   di Mariacarla Rubinacci    Da perdere. Irriverente, sfidante dei leader del mondo, inermi a non frenare il cambio climatico,...
continua...
Campionato di calcio di serie A   di Luigi Rezzuti   Dove eravamo rimasti? Alla 27esima giornata di campionato di serie A, quando la pandemia da...
continua...
CALCIOMERCATO DI SERIE A - SESSIONE INVERNALE   di Luigi Rezzuti   Il calciomercato invernale è iniziato ufficialmente il 2 gennaio 2023. A partire da...
continua...
Ti tendo una mano   di Mariacarla Rubinacci   In piedi guardi. Sull’orlo della fossa i sacchi neri nascondono l’orrore, una scarpa è attorcigliata...
continua...
Il traìno   di Antonio La Gala   Fra i mezzi di trasporto collettivi, trainati da cavalli, che circolavano a Napoli e nei suoi dintorni nei secoli...
continua...
Per la dipartita di Marta Rezzuti   di Marisa Pumpo Pica   È venuta a mancare all'affetto dei suoi cari Marta Rezzuti, sorella di Luigi, direttore...
continua...
Miti napoletani di oggi.76 “CERTE” MOSTRE   di Sergio Zazzera   E' stata allestita, di recente, nella sede napoletana delle Gallerie d’Italia...
continua...
Belle Arti. Luci e ombre.   di Antonio La Gala   L’Istituto delle Belle Arti di Napoli, dopo decenni di peregrinazioni in varie sedi, approdò, negli...
continua...
CALCIOMERCATO ESTIVO   di Luigi Rezzuti   L’emergenza legata al Covid 19, nella scorsa stagione, ha cambiato profondamente il calciomercato estivo,...
continua...

LA FESTA DI CARNEVALE

 

di Luigi Rezzuti

 

La festa di Carnevale è una festa dalle radici profonde, di liberazione e spensieratezza, che attraversa la cultura e la tradizione popolare, italiana e non solo. La “celebrazione” del Carnevale, che è anche festa e rito, viene vissuta in un’atmosfera di gioia e sgargiante vitalità e consente ai partecipanti di abbandonarsi al divertimento e di immergersi in un mondo, dominato dal gioco e dallo scherzo. Il travestimento, elemento cardine della festa del Carnevale, crea una temporanea uguaglianza tra ricchi e poveri. In questi giorni di festa, infatti, le maschere rendono irriconoscibili le differenze di classe, trasformando le strade in un palcoscenico di libertà.


Il Carnevale 2024 è cominciato ufficialmente domenica, 28 gennaio, coincidendo con la domenica di Settuagesima, che marca l’avvio del Tempo di settuagesima, noto anche come Tempo di Carnevale. Questo periodo precede la Quaresima e, per la tradizione cristiana, si caratterizza con l’inizio dell’astinenza dalle carni nei giorni feriali. La festa raggiunge il suo culmine e si conclude il 13 febbraio, martedì grasso. La settimana chiave del Carnevale si colloca tra l’8 febbraio, giovedì grasso, e il 13 febbraio, martedì grasso. Durante questi giorni, le strade delle città e dei borghi d’Italia sono animate da parate, feste in maschera e pranzi sulla scia di tradizioni culinarie che caratterizzano questa festa in tutto il mondo. Il 14 febbraio, che, tra l’altro, è anche il giorno di San Valentino, si torna alla sobrietà, nel rispetto del mercoledì delle Ceneri, giorno che segna l’inizio della Quaresima. Questo periodo di quaranta giorni culminerà, poi, con la festività della Pasqua, fissata per il 31 marzo di quest’anno.


Il Carnevale fece la sua prima apparizione ufficiale in un documento del 1094, in cui si faceva riferimento ad eventi di pubblico divertimento ma, come lo conosciamo noi oggi, ufficialmente prese vita a Venezia nel 1296, trasformando la città lagunare in una delle città più note al mondo nella celebrazione di questa festa. E tuttavia, pur essendo Venezia una pietra miliare nella ricostruzione delle origini del Carnevale, non è da qui che è cominciato tutto. Pertanto, sebbene sia difficile identificare un luogo o una data precisa per la nascita del Carnevale, possiamo affermare che è un fenomeno che si è sviluppato in diverse parti del mondo, assumendo caratteristiche uniche e specifiche in ogni contesto. Dalla maestosa Venezia barocca alle sfilate dei carri di Viareggio a quelle di Rio de Janeiro, alla raffinatezza della festa dei fiori di Nizza, il Carnevale si è adattato ai tempi e ai luoghi e si è evoluto, nel corso sei secoli, abbracciando culture e tradizioni, le più diverse fra loro.

Le radici del termine “Carnevale” risiedono nel latino carnem levare, che si traduce in “eliminare la carne”. Questa parola indicava il ricco banchetto che concludeva il tempo di Carnevale, noto come martedì grasso per un motivo ben preciso: questa festa anticipava il periodo di astinenza e digiuno, imposto dalla Quaresima, durante il quale il consumo di carne era proibito. Il Carnevale, quindi, diventava un’opportunità per concedersi un ultimo momento di piacere a tavola, prima di dedicarsi alla penitenza e al pentimento. L’etimologia stessa del termine sottolineava l’importanza simbolica di questa festa e la sua profonda connessione con la tradizione religiosa, rappresentando un momento di transizione tra l’abbondanza e la rinuncia, tra l’eccesso e la disciplina. Tuttavia, il significato del Carnevale va oltre la sua origine religiosa. E’ un’occasione per celebrare la bellezza della vita, per esprimere la propria creatività, attraverso travestimenti e maschere, e per ritrovarsi insieme per condividere momenti di gioia e spensieratezza. Gli antichi Greci, durante i riti dionisiaci, e i Romani, durante i Saturnali, praticavano l’uso della maschera per celare la propria identità. In quei giorni di festa, nei quali le gerarchie sociali venivano rovesciate, era in qualche modo consentito a tutti di infrangere le regole e di sperimentare una libertà totale. Indossare una maschera forniva l’opportunità di rimanere anonimi e di esprimersi senza restrizioni. Con il   trascorrere del tempo, l’usanza di mascherarsi a Carnevale non solo è sopravvissuta, ma si è arricchita di significati e tradizioni.

Ogni città ha sviluppato le proprie maschere tipiche, dando vita a personaggi, come l’Arlecchino milanese, il Pulcinella napoletano e il Rugantino romano. Durante il Carnevale, quindi, molte persone trovano il coraggio di fare ciò che nel resto dell’anno non   oserebbero mai, lasciandosi andare ai desideri più nascosti e trasformandosi in personaggi diversi, che nulla hanno a che fare con la loro vita quotidiana. Il Carnevale diventa così un momento speciale in cui il gioco, la fantasia e la sperimentazione prendono il sopravvento, creando ogni volta un’atmosfera unica ed irripetibile.

(Febbraio 2024)

ANPI "Aedo Violante"

 


Domenica 4 Febbraio 2024
Ore 10.30
Aderire all'ANPI per difendere la Costituzione ed i valori della Resistenza.
La Collina della città di Napoli è stata protagonista delle Quattro Giornate di Napoli, dal 28 settembre al 1 di ottobre del 1943.
In quei giorni furono impegnati tanti giovani, Donne ed Uomini che contribuirono alla cacciata degli occupanti nazisti.
Tra i tanti, due protagonisti che abbiamo conosciuto ed amato e che ci hanno insegnato i valori più alti del sentimento di Libertà; Antonio Amoretti ed Aedo Violante.
Ad Amoretti, scomparso pochi mesi, è intitolata la Sezione ANPI Centro di Napoli.
Ad Aedo Violante, domenica prossima dedichiamo la nascente sezione Collinare di Napoli.
Tante Democratiche e Democratici saranno presenti. Tra questi il Presidente ANPI Napoli Ciro Raia.

(Gennaio 2024)

ALL'UNIONE INDUSTRIALI: "DIRE-IL-VERO"
 
(Gennaio 2024)

A Napoli nasce Foolers Village, il polo dell’innovazione per le nuove startup.

Il progetto è firmato Università degli Studi di Napoli Federico II e FoolFarm

 

Alla presenza di Valeria Fascione, Assessore con delega alla Ricerca, Innovazione e Startup della Regione Campania, e Giorgio Ventre, Direttore Scientifico della Apple Developer Academy, il CEO e Co-founder
di FoolFarm Andrea Cinelli presenta il primo programma di investimento di 50.000,00 euro in startup.

 

Il Roadshow 2023-2024 parte da Napoli per toccare successivamente Lecce e altre città universitarie italiane. Laureandi e studenti avranno tempo fino al 15 gennaio 2024 per partecipare.

Il progetto Foolers Village Napoli unisce le competenze universitarie al metodo di finanziamento
del venture building per trasformare idee e tesi accademiche in progetti imprenditoriali
di successo, favorendo l’occupazione e l’economia territoriale, premiando e valorizzando i talenti.

 Napoli, 10 novembre 2023 – Foolers Village Napoli apre le sue attività ufficialmente: è il nuovo polo di innovazione per le startup, frutto della collaborazione tra la “fabbrica di startup” FoolFarm S.p.A. e Università degli Studi di Napoli Federico II. Un centro dove le idee tecnologiche dei giovani talenti campani saranno trasformate in nuove imprese di successo che opereranno, in particolare, nei settori dell’Intelligenza Artificiale, della blockchain e della cyber-security.

Il Foolers Village di Napoli favorirà lo scambio e la valorizzazione dalla conoscenza scientifica universitaria grazie al percorso di crescita imprenditoriale, basato sul modello di “industrializzazione” delle startup firmato dal venture builder italiano FoolFarm.

Alla presenza di Valeria Fascione, Assessore con delega alla Ricerca, Innovazione e Startup della Regione Campania, Andrea Cinelli, CEO e co-founder di FoolFarm, e Giorgio Ventre, Professore di Ingegneria Informatica e Direttore Scientifico della Apple Developer Academy si inaugura il Foolers Village Napoli, un programma che trasforma un progetto in fase embrionale, un’idea o una tesi in una startup in appena 6 settimane, grazie alla metodologia del venture building.

Foolers Village si propone come co-fondatore di startup e avvia le sue attività con un programma di investimento di 50.000,00 euro in startup tecnologiche con focus sull’intelligenza artificiale. Il Roadshow 2023-2024 parte da Napoli per toccare successivamente Lecce e altre città universitarie italiane. Come si legge su foolersvillage.com le candidature potranno essere inviate dal 15 novembre 2023 al 15 gennaio 2024, il programma prenderà il via il 1° febbraio 2024.

In costante sinergia con l’Università degli Studi di Napoli Federico II, il Foolers Village di Napoli sosterrà l’occupazione e l’economia imprenditoriale del territorio, favorendo l’incontro tra le startup innovative e gli investitori industriali e finanziari.

 Foolers Village Napoli è la nuova “fabbrica di startup” della Campania, un centro di incontro anche per gli investitori che potranno toccare con mano e sostenere la spinta innovativa delle studentesse e degli studenti del Polo Universitario di Napoli.

Le attività del Foolers Village combinano formazione, iniziative per la selezione delle idee e dei progetti più innovativi, hackathon, attività di ricerca sviluppata con realtà del sistema produttivo, eventi e iniziative rivolti alle comunità di investitori istituzionali e privati. Un modello economico che prevede la fornitura di servizi di incubazione, mentorship, affiancamento imprenditoriale, sviluppo di prototipi per startup interne ed esterne, oltre ad attività di open innovation in collaborazione con le aziende.

Dedicato a studenti, imprenditori, manager, accademici, l’incontro del 14 novembre alla Apple Developer Academy - Università degli Studi di Napoli Federico II Campus di San Giovanni a Teduccio (dalle 14:30 alle 17:30 – Napoli, Corso Nicolangelo Protopisani 70) è anche un’occasione di confronto sull’ecosistema dell’innovazione nazionale con alcuni dei protagonisti del settore come Amedeo Giurazza, Fondatore e Amministratore di Vertis SGR; Leonardo Rubattu, LBS Advisory & Investment; Pietro Salatino, Chairman Meditech Competence Center; Massimo Varrone, Responsabile incubatore Campania Newsteel,

“Con soddisfazione diamo il benvenuto nell’ecosistema campano dell’innovazione al Foolers Village che mette a sistema la valorizzazione della ricerca, le energie provenienti dai nostri giovani talenti e la nascita di nuove realtà imprenditoriali ad alta intensità di conoscenza”, commenta Valeria Fascione, Assessore con delega alla Ricerca, Innovazione e Startup della Regione Campania. “Una grande opportunità per verificare le proprie idee tecnologiche nei settori a elevato impatto innovativo in un ambiente stimolante che unisce formazione, scoperta imprenditoriale e open innovation”.

“L’apertura del Foolers Village di Napoli è un momento cruciale nello sviluppo e nella crescita del venture building in Italia”, sottolinea Andrea Cinelli, CEO e Co-founder di FoolFarm S.p.A. “FoolFarm ha lanciato sette startup innovative e allargato il presidio sul territorio, in luoghi come Napoli, dove l’innovazione ferve e ci sono potenzialità enormi. Ringrazio le Istituzioni, il mondo accademico e tutti i soggetti imprenditoriali e aziendali che hanno accolto con grande interesse un’iniziativa che guarda ai giovani e ai talenti, per costruire nuove realtà di successo. Continueremo a sostenerli e supportarli attraverso investimenti, strutture e competenze con i nuovi Foolers Village in tutta Italia”.

“Con l’iniziativa in partenariato con FoolFarm l’Università di Napoli Federico II rafforza le sue attività in favore dei propri studenti e ricercatori verso la creazione di impresa innovativa”, dichiara Giorgio Ventre, Professore di Ingegneria Informatica e Direttore Scientifico della Apple Developer Academy. “Il nostro Polo Universitario di San Giovanni a Teduccio diventa ancora di più un hub in grado di offrire alle imprese così come ai futuri imprenditori il supporto necessario a gestire le sfide portate dalla trasformazione digitale e green. Grazie alla collaborazione con FoolFarm, generiamo le condizioni per la creazione di imprese ad alta tecnologia in un settore sempre più critico come quello dell’AI”.

Il Foolers Village di Napoli è il secondo Village a essere lanciato da FoolFarm che, nella scorsa estate, ha aperto la sede di Lecce in collaborazione con l’Università del Salento, per creare vere e proprie "fabbriche di startup" all'interno degli atenei italiani, in particolare nel Sud Italia e in quelli al di fuori dei consueti circuiti accademici di Milano, Roma e Torino. Dopo Napoli, FoolFarm prevede di inaugurare nuovi Village a Sassari e Bolzano, in una logica di interconnessione tra atenei per trasformare le idee di studenti, ricercatori e PHD in imprese innovative, sul modello delle best practice statunitensi.

 ***

FoolFarm SpA

FoolFarm SpA è uno Startup Studio europeo specializzato in AI, Blockchain e tecnologie deep-tech, fondato da Andrea Cinelli nel luglio del 2020. Nel corso di soli due anni, l'azienda ha completato due round di finanziamento, raccogliendo 5,6 milioni di euro e raggiungendo una valutazione di 21,5 milioni di euro, con oltre 20 milioni di euro di asset. Tra gli azionisti di FoolFarm figurano realtà come IBL Banca, SAPA, KPMG e Crif. L'azienda ha sede nel Foolers Village di Milano, un centro di innovazione di oltre 1.500 metri quadri dove viene alimentata la creazione seriale di startup. L'équipe di FoolFarm, composta da oltre 30 professionisti specializzati, opera seguendo un metodo produttivo unico e semi-industriale per la costruzione di startup.

L'approccio adottato combina il Venture Building con l'Open Innovation, posizionandosi come un centro esterno di innovazione per le imprese. Questo permette di sviluppare soluzioni e servizi che rispondono in maniera mirata alle esigenze di innovazione delle aziende.

Nel 2023, FoolFarm ha dato vita allo spin-off universitario Foolers Village. Tra gli asset di FoolFarm spicca il Foolers Club: oltre 150 Angel Investor che, negli ultimi due anni, hanno investito più di 2 milioni di euro nelle startup sostenute da FoolFarm.

Per maggiori informazioni: www.foolfarm.com

 CONTATTI STAMPA FOOLFARM S.p.A.

Cristina Pontiggia | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. | cell +39 335 636 3778

 CONTATTI UFFICIO STAMPA

Claudia Bonasi |  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. | cell +39 339 709 9353

Università degli Studi di Napoli Federico II e FoolFarm presentano Foolers Village Napoli

Martedì  14 novembre 2023 dalle 14:00 alle 17:30

Apple Developer Academy - Corso Nicolangelo Protopisani, 70 - 80146 Napoli

AGENDA

14:00 - 14:30 Registrazione & welcome coffee

14:30 - 14:35 Introduzione Andrea Cinelli - CEO & Founder FoolFarm SpA

14:35 - 14:50 Introduzione Giorgio Ventre, Professore di Ingegneria Informatica e Direttore Scientifico della Apple Developer Academy  - Università degli Studi di Napoli Federico II

14:50 - 15:20 Cos'è il Foolers Village? - Andrea Romiti- Coordinatore Nazionale Foolers Village

15:20 - 15:40 Valeria Fascione, Assessore con delega alla Ricerca, Innovazione e Startup della Regione Campania

15:40 - 15:55 Foolers Village Startup Showcase:

Felice Biancardi, CEO Fragmentalis

Rossella Piro, Ceo Veendo

15:55 - 16:15 Presentazione Call4Startups Foolers Village 2024

16:15 - 16:50 Tavola rotonda: il Venture Building come nuovo modello di creazione di impresa: Amedeo Giurazza - Fondatore e Amministratore di Vertis SGR

Leonardo Rubattu - LBS Advisory & Investment

Massimo Varrone - Incubatore Campania Newsteel |

Piero Salatino - Chairman Meditech

16:50 - 17:00 Conclusioni a cura di Andrea Cinelli

17:00 - 17:30 Networking

 Iscrizioni

https://www.eventbrite.com/e/biglietti-nasce-foolers-village-la-prima-fabbrica-di-startup-nelle-universita-750770804687

(Novembre 2023)

"UFFA"
 
 
 
(Ottobre 2023)
LA CANZONE NAPOLETANA
 
 
(Luglio 2023)

PROCIDA MARINARA

 

(Aprile 2022)

I "CUNTI" CAMPANI DI AURELIO DE ROSE

 

(Marzo 2023)

SPOSI ZAZZERA-TOZZI

 

Il Vomerese formula cordiali auguri agli sposi Carlo Zazzera – figlio del nostro capo servizio Sergio – e Luciana Tozzi, il cui matrimonio è stato celebrato in San Salvatore Telesino il 6 giugno scorso.

(Giugno 2022)

DE STEFANO IN MOSTRA AL MADRE

 


Giovedì 12 alle 17,30 al Museo Madre si inaugura una mostra di disegni inediti, realizzati da Armando De Stefano già 90enne, ma di una freschezza di segno e di una ricchezza di idee da fare invidia al miglior giovane talento. Avrebbe voluto inaugurarla lui stesso, non ha fatto in tempo, ma abbiamo fatto il possibile per riuscire ad organizzarla entro un anno dalla sua scomparsa grazie alla dedizione di Olga Scotto Di Vettimo che l’ha curata, alla disponibilità del Museo Madre e ad Artem che ne ha editato il ricco catalogo impeccabilmente impaginato da Enrica D’aguanno.

(Maggio 2022)

"Amalfi anni '50 e '60 - Alfonso Fusco, fotografo"

 


Venerdì 25 febbraio alle ore 19,30, all'Arsenale di Amalfi, si terrà la presentazione del libro "Amalfi anni '50 e '60 - Alfonso Fusco, fotografo", a cura di Claudia Bonasi, edito da Puracultura edizioni. Il volume, realizzato dall'Amministrazione Comunale di Amalfi - guidata dal Sindaco Daniele Milano - con la collaborazione della famiglia Fusco e promosso dall'Assessorato alla Cultura, retto da Enza Cobalto, fa parte di un progetto più ampio, patrocinato anche dal Centro di Cultura e Storia Amalfitana, che ha consentito la realizzazione di una mostra fotografica omonima, in corso sempre all'Arsenale, e che chiuderà i battenti lunedì 28 febbraio. Alla presentazione del libro, che si apre con l'introduzione dell'antropologo prof. Vincenzo Esposito, interverranno il Sindaco Daniele Milano, la giornalista Claudia Bonasi e l'editore di Puracultura, Antonio Dura. Il libro di 120 pagine ospita 200 scatti accuratamente selezionati e divisi per sezioni.

Alfonso Fusco, amalfitano, classe 1938 e scomparso da pochi anni, ha operato come fotografo a cavallo tra gli anni ‘50 e ‘60: nel suo archivio rinvenuto dalla famiglia emergono migliaia di negativi che testimoniano i cambiamenti in corso in quel preciso periodo che va dalla fine della seconda guerra mondiale all'inizio della "dolce vita" amalfitana. Fusco punta il suo obiettivo e cattura, in una sorta di neorealismo fotografico, tutto ciò che avviene ad Amalfi in quegli anni: scatti di vita quotidiana - matrimoni, manifestazioni pubbliche, campagne elettorali - ma anche eventi particolari, come le splendide feste con le ballerine dell'Africana o l'arrivo di Jacqueline Kennedy nella Divina.

Nell'Arsenale, per tutta la durata della mostra fotografica, che ad oggi è stata visitata da oltre 1000 persone, è ospitato un tavolo interattivo (realizzato a cura del Collettivo Digitale di Cesena) contenente 393 foto di ritratti realizzati da Alfonso Fusco, che dà vita al gioco interattivo "Li (ri)conosci?" grazie al quale dare un nome a volti amalfitani oggi sconosciuti. Sono inoltre proiettate in loop 480 immagini scattate dal fotografo amalfitano.

La mostra resterà aperta fino al 28 febbraio, il venerdì, sabato e domenica nei seguenti orari: 10,00-13,00 e 16,00-18,00 oppure su prenotazione. Ingresso gratuito. Info: Associazione Guide Turistiche Costa d'Amalfi +39 371 5991002 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

(Febbraio 2022)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen